Archivio per settembre 2009

10 domande per LUI posson bastare!

28 settembre 2009

Riprendiamo dal sito “Aeroporto sostenibile”.

 “Il Comitato per un aeroporto sostenibile, sospettando che le scelte dell’amministrazione riguardanti l’ampliamento dell’aeroporto non siano state determinate da studi sufficientemente approfonditi sugli scenari futuri né sui dati del passato, pone al Presidente della Regione, Augusto Rollandin, 10 domande sulle quali attende risposte puntuali”.

1. A quanto ammontano esattamente le previsioni dei costi annui di esercizio (personale, le varie strutture, vigili del fuoco, polizia, tecnici, vigilanza, check-in, deposito bagagli, pulizie, manutenzioni pista/illuminazione pista/i vari apparati di assistenza al volo/aerostazione/ecc…) di tutto l’indotto?

2. Quanto ci sono costate AVDA come gestore e AirVallée come compagnia di bandiera sino ad oggi, e quanto ci costeranno ancora?

3. A quanto ammontano le previsioni di utile?

4. Chi pagherà i “costi di esercizio” della nuova struttura in caso (…) di perdita?

5. Quale sarà la compagnia di bandiera che sosterrà il traffico locale? Forse la “solida” AirVallée che ha già ampiamente dimostato di essere fallimentare al punto tale che fatica a pagare i dipendenti (cosa simpaticamente discussa sul forum di piloti professionalipprune.org) e che mette in vendita su internet (tramite l’intermediario RotorJet group ) il suo aereo di linea principaleDornier I-AIRJ ?

6. A quanto ammonta l’importo totale dei lavori che interessano lo sviluppo aeroportuale (allungamento pista, tutti gli impianti luci e di assistenza al volo, aerostazione, hangar in progetto e hangar recentemente costruiti, viabilità, varianti in corso d’opera, progettazioni e consulenze varie, modifiche a terze strutture interferenti, abbassamento e rifacimento impianto luci Croix Noire, ciminiere Cogne, ecc…)?

7. Ci illustra la lista delle compagnie aeree – non locali – che abbiano già fatto una qualsiavoglia richiesta per uno slot sul nostro aeroporto?

8. Ci chiarisce l’analisi economica costi-benefici?

9. Ci spiega l’analisi degli impatti su ambiente e salute derivante da a) pericolosità potenziale (ad esempio per la città di Aosta, per le nuove case popolari del quartiere Cogne, per la vicinissima autostrada, per i vicinissimi centri commerciali, ecc…), b) inquinamento acustico, rumorosità reale (non distribuita nel tempo), c) inquinamento derivante dagli idrocarburi incombusti, radionavigazione & co., de-icing, ecc…?

10. Esiste un “disciplinare” scritto a salvaguardia e tutela dell’unica realtà del volo valdostano – l’aeroclub con la sua rinomata attività di volo a vela – che da 50 anni produce un indotto piccolo, ma produttivo?

Aspettiamo le risposte Signor Presidente!

Annunci

Cose mai viste!

28 settembre 2009

Il bar Deorsola è un bar antipatico. Sarà per i prezzi. Sarà per l’aperitivo anoressico (sempre e solo desolate noccioline). Sarà per i politici che lo frequentano. Sta di fatto che non fa nulla per piacere: il posto è strategico (accanto al Palazzo) quindi perché sforzarsi? Per dimostrarvi che l’uggia che proviamo nei suoi confronti ha una sua ragione vi racconto questo aneddoto. La settimana scorsa mi sono trovata seduta nel dehors del Deorsola in occasione della presentazione di un libro. Insieme agli ospiti erano stati invitati alcuni componenti dei Tamtando che hanno intrattenuto la clientela con i ritmi compulsivi dell’Africa, tutto bene no? Iniziativa privata finalmente, senza la benedizione dell’assessore di turno, peccato che il gestore del bar ha maggiorato, per la circostanza, la consumazione di un euro! Perché? E, soprattutto, che senso ha oltre a quello della rapina tout court? Il concetto di investimento, dalle nostre parti, davvero non esiste, siamo rimasti ai tempi del brigantaggio: fermi in attesa di un pellegrino da spennare che tanto prima o poi passa! Dio che squalloreee!

Noi, di Patuasia news,  con le sciape noccioline abbiamo CHIUSO!

____________________________________
Condividi su Facebook:

SIGNORSI’

28 settembre 2009
Se in Consiglio a decidere è uno solo, perché pagare anche tutti gli altri?

Se in Consiglio a decidere è uno solo, perché pagare anche tutti gli altri?

Un grande re!

26 settembre 2009
Noi siamo in 330, voi in 7 miliardi, allora chi è la minoranza da salvaguardare?

Noi siamo in 330, voi in 7 miliardi, allora chi è la specie pericolosa?

Se noi umani possiamo contare sulle dita di una mano i grandi leadear, divenuti tali per aver salvato il loro popolo e non per averne massacrato un altro, i gorilla ne vantano parecchi: ultimo dei quali il grande re Titus. Titus è morto pochi giorni fa all’età di 35 anni e sarà sepolto, dopo la veglia funebre della sua famiglia, accanto alla tomba di chi gli ha dato il nome e salvato la sua razza dall’estinzione Dian Fossey. Noi, di Patuasia news, vogliamo tributare, a questa meravigliosa razza di creature viventi, un omaggio e dare l’ultimo saluto al grande re che ha saputo difendere i suoi sudditi dallo spaventoso massacro che gli umani hanno perpretrato contro se stessi, nel 1983 in Ruanda.

LUNGA VITA AI GORILLA!

____________________________________

Condividi su Facebook:

NUOVO REPORTAGE DI PATUASIA!

24 settembre 2009

Nel nostro album, un nuovo e interessante reportage sulla moda infantile dal titolo: INFANZIA BRUCIATA Non abbiamo avuto problemi nel reperire le immagini: in una sola rivista ne abbiamo trovate ben 25! Il che significa che il mercato è molto attento ai bambini in quanto consumatori di oggi e di domani, il che potrebbe anche essere sopportabile, se i cuccioli fossero trattati con rispetto. MA NON E’ COSI’! Guardate le foto e leggete il commento critico, poi diteci, se abbiamo ragione oppure no. Naturalmente vi chiediamo di motivare le vostre opinioni, senza lasciarvi andare a insulti gratuiti.

Grazie per l’attenzione

Il medico di montagna

23 settembre 2009
Ma quale inelleggibile, se sono stato votato quattro volte!

Ma quale inelleggibile, se sono stato votato quattro volte!

Con quella faccia un po’ così, quell’espressione un po’ così…, il medico di Champdepraz, dimissionario il 21 settembre (un po’ tardino no?) in quanto ineleggibile è stato riconfermato oggi, mercoledì 23, per la terza volta consecutiva assessore regionale alla Sanità, Salute e Politiche sociali. Cos’ha di speciale Albert Lanièce? Qualcuno si è accorto di grandi cambiamenti in meglio nell’ambito della sanità? L’Ospedale permane un cantiere, al Beauregard si crepa dal caldo, le code davanti agli sportelli restano lunghe e la burocrazia non si è snellita. Dunque perché votare lo stesso uomo per ben quattro volte in quindici mesi, fregandosene sia di quanto detto dalla Corte d’Appello nel 2008 sia di quanto confermato dalla Corte di Cassazione nel 2009? Che rispetto per la Democrazia e la Giustizia è mai questo? “Noi siamo dei soldati e si sa che questi sono, abitualmente, molto obbedienti. Lo saremo ancora una volta, per sostenere e votare la proposta del Presidente della Regione.» dice Diego Empereur. Questa solare affermazione apre nuove porte alla comprensione: se fino a ieri pensavamo di vivere in un regime, oggi sappiamo che siamo in una dittatura militare. Abbiamo un generale e tanti abitualmente-sottomessi soldatini! Un generale che se ne infischia di quanto detto solo pochi mesi fa: “se fosse confermata l’ineleggibilità dell’assessore Lanièce provvederemo a sostituirlo con uno dei consiglieri eletti”. E’ indubbio che Rollandin sia andato a scuola da Berlusconi. Tanto di cappello, invece, ai consiglieri di VdAvive e Renouveau che non si sono adoperati in questa pagliacciata non presentandosi alla votazione.

Ebbrava Squinobal! (Piera)

23 settembre 2009

«Non dobbiamo più accettare in silenzio che si verifichino danni ai beni pubblici» questo ha affermato il Sindaco di Verrès, Piera Squinobal. Dunque, a breve, nella cittadina termale verranno assegnate sanzioni da 500 euro a chi non usufruisce degli appositi cassonetti, della toilette per cani; a chi usa i muri come una lavagna, a chi semina volantini ecc ecc… . Noi di Patuasia news, siamo senza parole! Nel giro di pochi giorni ben due amministratori si sono dichiarati paladini del bene collettivo e dell’igiene, minacciando “tolleranza zero” nei confronti degli sporcaccioni, in questo caso, poi, a tirar fuori “gli attributi” è una donna e la cosa ci fa ancora più piacere.