Si chiama follia!


Mi sono sempre chiesta come potessero vivere gli inquilini dei palazzi prospicenti il parcheggio interrato dell’ex residence Mont Blanc. La risposta è scritta nell’esposto inviato alla Procura di Aosta dove una cinquantina di persone si lamenta del “rumore, polvere, gas di scarico e danni strutturali agli edifici… in alcuni casi disturbi di origine allergica agli occhi e alla cute” (La Stampa). Questa fotografia del disagio precede quella che seguirà quando inizieranno gli scavi dell’ospedale: rumore, polvere, gas nocivi tutto a carico dei malati. Così impossibile, terribile, incongruente pensare di costruire un ospedale fuori città?

Explore posts in the same categories: Affari, Criminalità, Cultura morta, Degrado morale, Degrado urbano, Inquinamento, Mafia di montagna, Mala Amministrazione, Mala politica, Requiem, Salute, Sanità, Vergogna

Tag: , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

13 commenti su “Si chiama follia!”

  1. Panama Red Says:

    Altrove, ossia in Europa, quando si cotruisce, in città o in zone rurali, le cose vanno diversamente. Cantieri impacchettati, invisibili e inodori. Tagli degli inerti ad acqua e non a secco (in VdA l’acqua è rara…). Edili formati a pratiche Eco, o semplicemente sostenibili. Materiali naturali. Siamo in Italia. Siamo in Valle d’Aosta. Che fare? Mascherina, oppure via con il treno. Come non detto, la polvere è piu veloce. E perino più puntuale.

  2. Uno in gamba Says:

    Avanti di questo passo, secondo le vostre geniali teorie, non verra’ mai più aperto un cantiere, non sara’ più possibile ampliare una strada, l’edilizia sara’ bloccata per sempre. Centinaia di posti di lavoro persi, con grave danno per tutte le famiglie. Torneremo a viaggiare con i muli. Forse conviene che guardiate il calendario e vi accorgiate che SIAMO NEL 2012. Il progresso non si può fermare per un manipolo di cittadini che protestano a prescindere.

  3. giancarlo borluzzi Says:

    Un filounionista quale “uno in gamba” che sottolinea l’essere nel 2012 equivale a una battuta di Totò.

  4. Paul Says:

    Sarà l’autorità giudiziaria a stabilire cosa è giusto o sbagliato nel 2012…

  5. marburg Says:

    @uno… (“in gamba” mi è difficile dirlo) da bravo troll metti in bocca agli altri, cose che nessuno si sogna di affermare. Il progresso non è costruire sempre e comunque.Oggi, nel 2012, ma in posti un po’ più avanti della Vallée, si sceglie di intervenire con un obiettivo di aumentare la qualità delle costruzioni. Se il progresso è puntare solo sull’edilizia, soma a post! Ma mi rendo conto che è inutile controbattere a uno… perché non è la discussione che cerca.

  6. tagueule Says:

    @Uno in gamba

    Non ho capito quali sono le “geniali teorie” e, conseguentemente, per quale motivo “non verra’ mai più aperto un cantiere, non sara’ più possibile ampliare una strada, l’edilizia sara’ bloccata per sempre”. A proposito del progresso che “non si può fermare” leggiti questo articolo della rivista online businessonline.it (sottotitolo: la rivista per i manager, i professionisti, le aziende).
    http://www.businessonline.it/1/EconomiaeFinanza/817/In_questa_pazza_corsa_a_spedire_merci_nel_mondo_chi_ci_guadagna_%E8_il_commercio_e_non_pi%F9_la_produzione.html

    @giancarlo borluzzi
    Effettivamente “a prescindere” è Totò al 100%

  7. tagueule Says:

    L’articolo è del 2005… figurati

  8. patuasia Says:

    Grazie signor Taguele per il suo link, non credo che il signor unoqualunque che più che altro è un troll, lo legga.

  9. unoqualunque Says:

    Mi sembra ovvio che un cantiere provochi disagi, peraltro limitati al periodo dei lavori.
    Se poi l’impresa non lavora come di dovere penso che la procura ne trarrà le giuste conclusioni.
    Quel cantiere è sotto l’occhio degli inquirenti per altri motivi, per cui non credo che sfuggiranno eventuali mancanze!
    Signora Patuasia, ho letto l’articolo in questione, molto interessante, probabilmente il petrolio non è ancora abbastanza caro! Mi dovrebbe spiegare però cosa ci azzecchi con il suo post e con un ospedale nuovo (sa, noi troll siamo limitati, nel nostro piccolo …).

  10. F.W. Says:

    Di recente ai proprietari della casa di fronte al parcheggio, casa Piana (ma non solo a loro), hanno simpaticamente mandato una raccomandata di esproprio per pubblica utilità dei loro 5 posti auto condominiali.

    Non si sa neppure se avranno in cambio posti da qualche altra parte, e lì ci vivono anche disabili e anziani.

    Tutto questo nel marasma dell’ennesima variante che se frega di chi lì ci vive, ormai assediato da traffico, polvere, cantieri, rumore.

    Altro che disagi…

  11. patuasia Says:

    Signor F.W, può ringraziare i concittadini valdostani che del referendum se ne sono bellamente fregati e i nostri amministratori. Segnali su questo blog i vostri problemi, Patuasia ne darà notizia, per quello che può vi sta vicino.

  12. Paul Says:

    Esproprio vergognoso… dovrebbero chiedere come rimborso 80-100 mila euro a testa, per il disagio patito e la perdita di valore degli alloggi.

  13. oncle pipette Says:

    Questa ultima e’ proprio “sporca”……si dice ( e quando si dice, sappiamo che c’è del vero ) che abbiano addirittura “visitato” con palificazioni tre proprietà private senza nessuna richiesta/e/o/ consenso. Oncle Pipette vi terrà aggiornati!!! GRAVE GRAVE MOLTO MOLTO GRAVE !!!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: