Posted tagged ‘Ospedale Umbero Parini’

Si chiama follia!

5 marzo 2012

Mi sono sempre chiesta come potessero vivere gli inquilini dei palazzi prospicenti il parcheggio interrato dell’ex residence Mont Blanc. La risposta è scritta nell’esposto inviato alla Procura di Aosta dove una cinquantina di persone si lamenta del “rumore, polvere, gas di scarico e danni strutturali agli edifici… in alcuni casi disturbi di origine allergica agli occhi e alla cute” (La Stampa). Questa fotografia del disagio precede quella che seguirà quando inizieranno gli scavi dell’ospedale: rumore, polvere, gas nocivi tutto a carico dei malati. Così impossibile, terribile, incongruente pensare di costruire un ospedale fuori città?

Ma non finisce mai!

2 novembre 2009

Ospedale di Aosta: lavori in corso... ma va?

In merito alla decisione (forse) di non chiudere viale Ginevra, nell’ambito dell’ampliamento a est dell’ospedale, il senatore Antonio Fosson non lesina alcune critiche. “Al centro di un ospedale ci sono i malati e non il traffico” dice. Come non dargli ragione! Una strada che divide in due tronconi un ospedale porta inquinamento dell’aria e acustico, rende disagevoli il lavoro degli addetti e la degenza dei pazienti. Osservazione elementare. Peccato che al nostro ex assessore alla Sanità sia sfuggita un’altra ovvietà: anche i camion, le ruspe, le gru e tutto quello che comporta un cantiere, creano inquinamento dell’aria e acustico. Rendono il lavoro difficile e la permanenza nei reparti insopportabile. Sempre, se al centro si colloca il malato e non le imprese edili. E’ vero, si tratterebbe di un disagio temporaneo, diciamo di dieci anni? E poi la ristrutturazione del vecchio ospedale quanti anni richiederà? Diciamo altri dieci? Possiamo e con un certo realismo, sommare venti presumibili anni di polveroso e assordante cantiere! Allora, Signor Fosson, questo malato dove lo collochiamo nella  graduatoria?

____________________________________
Condividi su Facebook:

Dimmi perché?

29 ottobre 2009

Pubblichiamo le “dieci domande” del Comitato per un nuovo ospedale.

Le domande sono state rivolte a chi di dovere… ad oggi non si hanno notizie in merito.

1) Perché le prime ruspe inizieranno ad operare nel 2013 e sono previsti altri dieci anni per concludere i lavori di ristrutturazione e ampliamento, quando solo qualche mese fa veniva data per certa la partenza dei lavori entro il 2009 e massimo sei anni per concludere le opere?

2) Perché oggi si mettono in discussione gli unici due elementi qualificanti del “progetto Fosson”, sui quali peraltro è stata imbastita la campagna antireferendaria: la chiusura di viale Ginevra e la costruzione di un parcheggio interrato di 385 posti per i dipendenti posizionato a sud dell’ospedale?

3) Perché fino a qualche anno fa si ipotizzava una spesa di poco più di 120 milioni di euro ed oggi si parla già di 145 milioni di euro?

4) Perché lanciare il progetto di un nuovo ospedale senza il supporto di un piano urbanistico e di viabilità?

5 ) Perché non viene detto ai cittadini dove si farà l’eventuale parcheggio dei dipendenti/utenti/visitatori?

6) Perché non viene detto dove verranno parcheggiate le migliaia di auto che attualmente sostano nel parcheggio pluripiano antistante l’ospedale, durante i lavori di costruzione dell’ala est?

7) Perché non viene indicato il luogo dove stazioneranno gli automezzi e i materiali necessari ai lavori di ampliamento, la cosiddetta “area cantiere”?

8) Perché non si dice ai cittadini che le uniche aree che si potranno adibire alla sosta delle auto e dei materiali da cantiere sono quelle di Viale Federico Chabod e del “Réfuge”?

9) Perché non si dice ai cittadini che tutte le opere già ultimate e in fase di cantierizzazione, come il “nuovo” pronto soccorso, le sale operatorie, il centro prelievi, il laboratorio di analisi verranno smantellate e riconvertite ad altre funzioni, vanificando i milioni già spesi?

10) Quale credibilità può avere il cronoprogramma degli interventi laddove indica che la ristrutturazione del vecchio ospedale di viale Ginevra verrà fatta in circa un anno, quando piccole opere di manutenzione e riadattamento richiedono periodi molto più lunghi?

____________________________________
Condividi su Facebook: