Sempre meglio la tempesta!


Giornalisti fuori!

Giornalisti fuori!

Sono la prima. Un gentile quanto irremovibile Paolo Giunti (amministratore delegato della Coup srl, la partecipata regionale) non mi permette di entrare insieme ai politici invitati. I giornalisti avranno una visita riservata loro, questioni di sicurezza. La motivazione non è contestabile anche se chiaramente fasulla: lo scavo è sicuro per 20 persone e non lo sarebbe per 25? “Avete sollevato una tempesta in un bicchiere d’acqua”  mi dice, peccato che il problema sia stato creato dalla Coup srl: è la prima volta, infatti, che alla stampa non è stata concessa la presenza. Si dà il caso che non solo gli scavi possano interessare l’opinione pubblica, ma anche e soprattutto il comportamento dei politici al riguardo. L’esclusione di oggi non permette di conoscere con utile anticipo le intenzioni e gli orientamenti politici nei confronti del sito archeologico. Quegli orientamenti che condizioneranno il futuro della città.

Questione di una manciata di minuti e mi raggiungono i colleghi delle principali testate locali. L’amministratore delega il compito della scrematura e se va inflessibile: i giornalisti devono stare fuori.

Explore posts in the same categories: Archeologia, Brutto esempio, Critica, Folclore valdostano, Giornalismo, Incidenti, Mala informazione, Persone pubbliche, Uomini politici

Tag: , , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

7 commenti su “Sempre meglio la tempesta!”

  1. roberto mancini Says:

    Qui qualcuno, non necessariamente solo politico, si è montato la testa.
    Grrrr……

  2. mvietti Says:

    Eppure sarebbe stato sufficiente un Presidente del Consiglio comunale appena appena capace per risolvere la questione in un minuto: il regolamento di Aosta è chiarissimo: le sedute delle Commissioni sono SEMPRE pubbliche, cioé aperte alla stampa ed ai cittadini. Se anche le ragioni di sicurezza invocate fossero state reali, sarebbe stato sufficiente far avvicinare al tumulo i giornalisti ed i consiglieri in due gruppi (così come avvenuto per i soli consiglieri).

  3. patuasia Says:

    Grazie signor Vietti, per la precisazione, evidentemente le ragioni erano altre. Complicare le cose quando sono semplici è una specialità tutta italiana di cui noi siamo un brillante esempio.

  4. sbuffovda Says:

    peccato non avere un/una inviato/a locale di Striscia … quanto lavoro ci sarebbe …

  5. Il Pretoriano Says:

    Questi nostri politici sono proprio del CAS= complicazioni affari semplici…!
    E se proponessimo, visto che questo non è un affare dei cittadini, che tutta l’opera dell’Ospedale se la paghino loro, con i loro lauti stipendi,balzelli vari, benefits e ruberie varie? (per loro solo costi della politica)….. Che ne dite?

  6. vetriolo Says:

    Dovrai aggiornare il sottotitolo del blog: naufraghi sull’isola de…

  7. Pat Says:

    Le idiote scelte censorie non fanno altro che aumentare la curiosità dell’opinione pubblica. E le ridicole scuse per sostenerle non fanno altro che far cadere nel ridicolo politicanti e burocrati. Hanno ottenuto esattamente il contrario di quello che volevano.
    Adesso aspettiamo qualche foto fatta con i telefonini dai consiglieri.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: