Posted tagged ‘vergogna’

Senti chi parla!

1 febbraio 2013
Da che pulpito la predica!

Da che pulpito la predica!

Grido di dolore

15 ottobre 2012

Secondo quanto scrive il giornalista, Alessandro Camera, sulla Stampa in Valle d’Aosta ci sarebbero 55.000 nuclei familiari che vivono in condizioni di disagio! Spero che sia una svista considerato che il numero delle famiglie valdostane nel 2010 era di 60.590; nel caso non lo fosse sarebbe drammatico e contraddirrebbe quella percezione di benessere che aleggia dalle nostre parti. Infatti, ancora una volta ci si domanderebbe dove sono stati spesi i miliardi e miliardi che lo Stato ha stanziato da oltre trent’anni. Trasporti zero, scuola insufficiente, sanità a pezzi, industria in crisi, turismo selvaggio e adesso viene fuori che la maggior parte dei valdostani “tira avanti”? Ma la situazione critica permarrebbe anche se le famiglie bisognose fossero la metà o la metà della metà: con i soldi che abbiamo avuto è inammissibile che qualcuno si trovi a vivere in povertà! E con che faccia l’assessore non eletto, Albert Lanièce, dall’alto del suo stipendio d’oro, rinvigorito di altri 4.000 euro di diaria, ci dice che siamo “molto vicini alla linea rossa che ci separa dal baratro della chiusura completa degli aiuti alle famiglie in difficoltà“? “Stiamo lavorando sul bilancio per individuare dove i tagli possono fare meno male” ?(La Stampa). Noi invece vogliamo che i tagli, resi necessari da uno spreco immorale e odioso, gli arrechino vero dolore, che possano creargli quelle difficoltà a “sbarcare il lunario“, necessarie per comprendere le sfortune altrui e per riversare il suo odio verso lo Stato cattivo in modo autentico e motivato. Noi chiediamo all’assessore che tagli di due terzi il suo stipendio e rinunci alla diaria. Sarebbe il minimo. E non chiamatela demagogia, per favore!

Buon Natale cucciolo!

23 dicembre 2009

Se adesso mi metti sotto l'albero non è che poi mi scarichi su una strada!

Nei negozi di animali, in questo periodo, abbondano i cuccioli. Molto spesso arrivano da pseudo-allevamenti dell’est; costretti a viaggi allucinanti, arrivano in Italia stremati e in pessime condizioni, non sono pochi quelli che muoiono durante il tragitto. Il loro costo è basso e per questo i commercianti di animali li preferiscono ai nostri allevamenti, anche se la “qualità” del “prodotto” è inferiore. Un mercato vergognoso che aggiunge una macchia nera nera sull’anima già sporca del genere umano.

Regalare un cucciolo fa felice un bambino, noi speriamo che faccia felice anche il cucciolo.

Condividi su Facebook:

Trenino dantesco

11 dicembre 2008

Si sono sorpresi della situazione in cui versa la linea ferroviaria Pila-Cogne. Adesso! Si sono sorpresi adesso, dopo che la tv di Stato ha realizzato un filmatino horror sulla vicenda tutta valdostana. Non mi riferisco ai singoli consiglieri regionali eletti l’altro ieri, ma alle forze politiche in senso lato. Possibile che nessuno si sia accorto di niente? Che i lavori siano proseguiti impenitenti, senza un controllo da parte dell’amministrazione pubblica? Sono trascorsi decenni dal dì dell’inizio lavori per cui la sintesi è bell’è fatta: NESSUN RESPONSABILE!C’è da augurarsi un afflato di buon senso che seppellisca il tutto sotto tonnellate di salutare vergogna!

MA VA' IN BICI!

MA VA' IN BICI!