Posted tagged ‘Scuola di Democrazia’

Grazie Presidente!

2 aprile 2014
Un esempio concreto di scuola di democrazia. Grazie Presidente Rini!

Un esempio concreto di scuola di democrazia. Grazie Presidente Rini!

Riceviamo dalla Presidente del Consiglio regionale, Emily Rini, e volentieri pubblichiamo.

Cara Patrizia Nuvolari,
ho letto il suo invito che raccolgo molto volentieri. La ricchezza della nostra democrazia si esprime attraverso il pluralismo delle idee e dei valori, si nutre di diversità di opinioni e non di pensiero unico. Sono d’accordo con lei che la libertà sia partecipazione. O meglio ancora avere la possibilità di partecipare. Ed è per questo motivo, che pur rimanendo profondamente ancorata agli ideali del mio Movimento di appartenenza e alla sua idea di Europa dei popoli, credo sia importante dare un segnale nella mia veste istituzionale di Presidente del Consiglio Valle, sede per eccellenza del confronto democratico. Firmerò perché sono fermamente persuasa che oggi, più che mai, abbiamo bisogno di impegno politico serio e convinto.

Emily Rini

Si può fare?

31 ottobre 2013

Il consigliere regionale del M5s, Stefano Ferrero, dice che i 100.000 euro per l’organizzazione della “Scuola di Democrazia” gli vanno di traverso. Non ha torto: sono francamente troppi. Non so… mi sembra che anche Luciano Violante, come altri vip prima di lui tipo Mogol, Toscani, Sgarbi…, interpreti la Valle d’Aosta come un’occasione per mungere un po’ di soldi. La cosa mi dà fastidio. Mi ha sempre dato fastidio, soprattutto ora che di soldi non ce ne sono quasi più. La manifestazione è importante e va fatta, ma sono certa che potrebbe essere organizzata senza l’ausilio della società “Italiadecide” dell’Onorevole. La Presidenza del Consiglio dispone di personale sufficiente e capace per gestirla autonomamente, risparmiando sui costi. Certo, non saranno quelle le cifre che potranno combattere la crisi, ma l’utilizzo sobrio delle risorse può dare avvio a un altro modo di considerare la cosa pubblica (anche privata). Lo spreco illimitato sostituito dalla cultura del risparmio. Accendere la lampadina per generare una nuova e più luminosa energia, fatta di idee a costo misurato. Un altro punto di vista che può rivelarsi uno stimolo creativo. Si può fare?

A scuola di schizofrenia!

3 novembre 2012

Sulla schizofrenia che ha colpito gravemente la maggioranza al Governo ho già scritto, ma i sintomi di tale patologia sono sempre più frequenti e preoccupanti che non posso non occuparmene ancora. Mi riferisco al corso di formazione per amministratori giovani, provenienti da tutta Italia, organizzato dal Consiglio regionale della Valle d’Aosta insieme all’associazione Italiadecide. Il progetto si chiama: “Scuola di democrazia”. Sì, avete letto giusto: Scuola di democrazia! “E’ giusto e fondamentale investire nella formazione culturale degli amministratori e promuovere il concetto di cittadinanza attiva“. Sì, avete letto giusto, la presidente del Consiglio Rini ha usato queste due parole: cittadinanza attiva. Ma come potrà mai essere attiva una cittadinanza se viene invitata a non partecipare al voto? Ma che razza di scuola di democrazia è quella che giustifica chi non si unisce a una scelta importante per tutti? Questi politici non solo non sono né di destra né di sinistra, questi non stanno da nessuna parte, in nessun codice etico, morale, economico, ideale, culturale, identitario… questi sono come la mafia che insegue attivamente solo i piccioli!