Posted tagged ‘Referendum Acqua’

Vola Italia vola!

13 giugno 2011

Un lunedì 13 con il battiquorum, non ci speravo. Mi dicevo che sarebbe stato troppo bello, per l’Italia e proprio nel suo centocinquantesimo anniversario dall’Unità, trovare una nuova compattezza, e l’ha trovata: nel referendum per l’acqua pubblica, per l’energia pulita e per la giustizia. Ma non solo, questo appuntamento ha un significato che va oltre i quattro quesiti referendari, dice che il Paese è stanco di questa classe dirigente, dei suoi metodi, dei suoi comportamenti e dello scarso impegno. Dice che vuole normalità per poter andare avanti con l’energia necessaria per superare la tempesta che ancora non è cessata. Italia vola e fammi volare!

Acqua libera!

12 giugno 2011

L'acqua lasciamola a loro come ci è stata data dai nostri padri - immagine: Patrizia Nuvolari

Patuasia invita a votare quattro SI’ al referendum. Andate e portate a votare, è importante!

Condividi su Facebook:

Quattro volte sì sì sì sì!

12 giugno 2011

Al referendum quattro sì! La campagna referendaria di Patuasia.

Quattro volte sì sì sì sì!

11 giugno 2011

Al referendum quattro sì!La campagna referendaria di Patuasia

Quattro volte sì sì sì sì!

10 giugno 2011

Al referendum quattro volte sì! La campagna referendaria di Patuasia.

Condividi su Facebook:

Quattro volte sì sì sì sì!

9 giugno 2011

Al referendum quattro sì! La campagna referendaria di Patuasia.

Condividi su Facebook:

Quattro volte sì sì sì sì!

8 giugno 2011

Al referendum quattro sì! La campagna referendaria di Patuasia.

Quattro volte sì sì sì sì!

7 giugno 2011

La campagna referendaria di Patuasia.

Condividi su Facebook:

Quattro volte sì sì sì sì!

6 giugno 2011

Riceviamo da Alpe e dall’Associazione radicale “Loris Fortuna” e volentieri pubblichiamo.

Oggi Lunedì 6 giugno – Aosta – Via Croce di città, dalle 17.00 alle 19.00 –
Gazebo informativo e distribuzione materiale e alle ore 18.00 interventi Flavio Martino dell’Associazione Radicale Valdostana “Loris Fortuna” e di Igor Boni (esperto ambientale) dell’Associazione Radicale “Adelaide Aglietta” di
Torino.

REFERENDUM: QUATTRO INCONTRI PER INFORMARE E DIRE «SÌ»

Aosta, 6 giugno 2011 – Quattro appuntamenti per illustrare e sostenere le ragioni del «sì» ai referendum di domenica 12 e lunedì 13 giugno. ALPE li ha organizzati assieme alle altre forze (partiti, movimenti, comitati) che sostengono il «sì» per informare i valdostani. Avranno questo calendario:

  • Martedì 7 giugno, Morgex: sala del poliambulatorio, ore 21.
  • Mercoledì 8 giugno, Châtillon: hotel Rendez-vous, ore 21.
  • Giovedì 9 giugno, Aosta: piazza Chanoux, dalle ore 18 alle 22.
  • Venerdì 10 giugno, Pont-Saint-Martin: bocciofila, ore 21.

Condividi su Facebook:

Dovere Quorum!

17 Maggio 2011

Assolutamente SI'!

Riceviamo dalla signora Mariachiara Alberton, tramite la Rete, e volentieri pubblichiamo.

Ciao a tutti, confermo la necessità di questo passaparola, aggiungendo che si tratta di informazione per ri-affermare i diritti costituzionalmente garantiti . Il dramma è che sembra la maggior parte della popolazione non sia consapevole di quanto sta avvenendo. Quello che vi porto è solo un piccolo esempio. Sono una ricercatrice, mi occupo di diritto ambientale e di risorse idriche. La mattina del 19 aprile, dovevo intervenire ad un programma RADIO RAI (programmato ormai da due settimane) per parlare del referendum sulla privatizzazione dell’acqua e chiarirne meglio le implicazioni giuridiche. Ma è arrivata una circolare interna RAI che ha vietato, con effetti immediati a qualunque programma della RAI, di toccare l’argomento fino a giugno (12-13 giugno quando si terrà il referendum), quindi il programma è saltato e il mio intervento pure. Questo è un piccolo esempio delle modalità con cui “il servizio pubblico” viene messo a tacere e di come si boicotti pesantemente la possibilità dei cittadini di essere informati e di intervenire (secondo gli strumenti garantiti dalla Costituzione) nella gestione della res publica. Di fronte a questa ennesima manifestazione di un potere esecutivo assoluto che calpesta non solo quotidianamente le altre istituzioni, ma anche il popolo italiano di cui invece si fregia di esser voce ed espressione, occorre riappropriarci della nostra voce prima di perderla definitivamente.

Condividi su Facebook: