Posted tagged ‘Oliviero Toscani’

Pure noi!

22 novembre 2013

La foto che ho inviato a il Fatto Quotidiano è stata selezionata dal fotografo Oliviero Toscani come documentazione delle numerose brutture architettoniche nella nostra bella Italia. La Valle d’Aosta con il suo capoluogo, non potevano mancare!

Cultura come favore

14 gennaio 2011

Noi di Patuasia, consideriamo i soldi spesi per la cultura un investimento sempre! Ma, come per tutti gli investimenti, si rendono necessarie le verifiche che, in questo caso, non sono il ritorno economico, anzi questo è sempre secondario rispetto a quello dell’arricchimento culturale e, di conseguenza, comportamentale di una collettività. Abbiamo spesso fatto notare come le ingenti somme elargite dall’assessorato alla Cultura, tramite la successione dei vari assessori, non abbiano creato un humus culturale stimolante e vivo: eravamo e rimaniamo dei paesani piuttosto rozzi. La cultura ha bisogno di un progetto che segua un obiettivo; da noi così è stato fatto ai tempi dell’assessore al Turismo Liborio Pascale e del prof. Janus, quando questi voleva creare e aveva creato, una vetrina nazionale sull’arte contemporanea. Dopo di lui la politica o meglio i politici, si sono accaparrati senza competenze della cultura utilizzandola come arma di potere per obiettivi clientelari. Le sedi espositive che avevano il loro genius loci, divennero luoghi anarchici dove si è esposto di tutto. La situazione oggi non è cambiata. Riconosciamo all’attuale assessore, Laurent Viérin, uno sforzo che condividiamo, per la salvaguardia della cultura di tradizione, ma al tempo stesso identifichiamo in lui il provincialismo di chi si lascia facilmente tentare dalle sirene del-successo-che -fu. Non abbiamo bisogno di personaggi come Forattini o Mogol o Toscani e neppure della Fondazione Re Rebaudengo, abbiamo bisogno di un progetto unico, straordinario, nostro, capace di rivitalizzare il nostro pensiero e darlo in pasto al mondo. Inseguendo le celebrità facciamo solo i loro interessi, a loro non importa nulla della Valle d’Aosta, sono attratti solo dai suoi soldi.

Condividi su Facebook:

Fama e fame

12 febbraio 2009
Aho, che magnata!

Aho, che magnata!

Il Presidente della Giunta, detto con affetto Rolli, è rimasto letteralmente affascinato dall’eloquenza sgrammaticata del fotografo di fama e di fame mondiale, Oliviero Toscani . Possiamo scommettere che, dopo il delirio dei tre giorni gratuiti di simil- workshops (ma sarebbe stato peggio ci fosse stata la Bellucci), e della bolgia finale a suon di pasticcini a sbafo, gli darà subito in pasto il Forte di Bard. La fame è tanta! Possiamo anche essere certi che l’insigne realizzerà una nuova scuolina tipo La Sterpaia  (La Concimaia?) e che non sarà il Forte a trovare in lui un’opportunità di crescita economico-culturale legata al territorio, al contrario sarà il gattone a usarlo per i suoi “obiettivi”.

Faccia di…

9 febbraio 2009
RAZZA UMANA?

RAZZA UMANA?

Possiamo facilmente immaginare com’è andata la festa al Forte di Bard, a compimento dei tre giorni di workshop condotti dall’inimitabile fotografo della-sfiga-altrui: Oliviero Toscani, ormai considerato come il gattone, di collodiana memoria, di chez nous. (La volpe Sgarbi, state sicuri, non tarderà a ritornare!). Signore strettamente abbottonate ai vernissage, fresche di parrucchiere e su tacchi fuori luogo; intellettuali di paese; bamboccioni in cerca di una chance; politici fai-da-te; segretarie particolari, alcune molto particolari; il parroco per la benedizione della torta e LUI: il PLURIPRESIDENTE. Tutti a divorare, senza cerimonie, la fama del personaggio e a soddisfare, senza ritegno, la fame con quantità industriale di pasticcini e salatini, prodotti dalla pasticceria locale per dare impulso all’economia della bassa valle. In questo piccolo mondo antico, mancano la poesia e la tenerezza che albergano in quello di Jacques Tati. Perché la vita che vi si è consumata non è vera, ma un volgarissimo spot. Uno spot pubblicitario che reclama il furbastro della comunicazione (ha sicuramente dei meriti) e l’amico suo. Per Toscani, uomo di mondo, è stato facile gestire e controllare la stupidità paesana e per questo sicuramente ci disprezza. Come dargli torto? Noi di Patuasia news siamo così presuntuosi e così nessuno da disprezzare anche lui e la sua facile creatività, condita di trasgressione e moralismo. Un mix che fa tanto, troppo cattolico. Noi che cattolici non siamo, preferiamo le barzellette laiche di Maurizio Cattelan.