Posted tagged ‘Lotta tribale’

Ritorno al passato?

2 aprile 2014

Non ci sarà nessun cambiamento reale e costruttivo se si sostituisce un imperatore con uno zar! Si cambia davvero se ci si emancipa una volta per tutte da questa logica tribale. Da questa ormai nauseante e distruttiva lotta fra due clan! Viérin padre e figlio, manovrano a loro piacimento gli alleati che sperano di poter portare a casa un boccone. Sperano in una maggiore condivisione del potere, non nella trasformazione culturale della gestione della politica, questo è il punto sostanziale! I due grillini una volta rimosso l’ostacolo Rollandin continueranno nella battaglia contro la casta (almeno si spera), ma saranno isolati, insignificanti come lo sono stati i verdi. Le larghe intese di oggi saranno le alleanze di domani, nessuno si tirerà indietro e l’opposizione scomparirà. Come evitare un destino così? Ben peggiore dell’attuale presente perché privo di prospettive e di antagonismo? Cacciare fuori dall’arena politica i due duellanti! Fuori Rollandin e fuori Viérin! La Valle d’Aosta deve trovare il coraggio di liberarsi dal tribalismo mafioso in cui si è cacciata e invocare finalmente la modernità. Cosa significa modernità? Significa intraprendere un percorso politico nuovo nei confronti di Roma (che non è solo un salvadanaio) e nei confronti dell’Europa (di cui attualmente non frega a nessuno). Il PD, l’unico partito nazionale presente in Consiglio, deve saper giocare un ruolo primario e non seguire i disegni di Viérin per poter aspirare a un assessorato. (Centoz ci aveva provato, ma è stato subito schiacciato dalla parte più tribale del suo partito). E l’UVP deve avere il coraggio di trovarsi un altro leader, una figura nuova, sganciata dal passato, pulita dalle incrostazioni clientelari, audace nella voglia di un cambiamento radicale che non può che essere culturale. Se non ci sarà questo coraggio, la voglia di una politica con la P maiuscola, ci ritroveremo a vivere quel passato che ha preceduto il ritorno di Rollandin. A quel punto chiedo la decenza di non chiamarla rivoluzione.