Posted tagged ‘Digos’

Indagine-rappresaglia

30 giugno 2011

Riceviamo dal Collettivo studentesco valdostano e volentieri pubblichiamo.

Da alcune settimane continuano le perquisizioni/intimidazioni/intercettazioni di un indagine – rappresaglia nei confronti di alcuni membri del Collettivo studentesco valdostano ad Aosta e a Torino. La motivazione: il lancio di molotov contro una filiale dell’Unicredit di Aosta. Sono indagini che non hanno un senso, infatti dalle stesse dichiarazioni del pm non è stato trovato nulla. Sono state invase case private alle 6 del mattino con motivazioni false da parte della Digos, poi smentite, atte a spaventare le famiglie e come mezzo intimidatorio nei confronti del Collettivo. Per questo parliamo di rappresaglia poiché il Collettivo è sempre stato per una lotta intensa e pacifica che, però, ha sempre dato fastidio a chi, ai piani alti della politica valdostana , pensa di poter fare gli affari propri senza rendere conto a nessuno. Un manipolo di ragazzi, per la maggior parte minorenni, pronti a tutto fuorché commettere atti violenti. Non sarà comunque la sete di promozione di qualche questore di paese a fermare chi da sempre lavora per un sociale critico e vivo, per una scuola più culturale e consapevole, perché ognuno abbia in mano gli strumenti per far sentire la propria voce da ormai troppo tempo assopita in una Valle che, in passato, fu bacino di Resistenza ai soprusi della dittatura.

La piazza di Patuasia

29 novembre 2010

Più soldi alla scuola e alla ricerca!

Questa mattina in piazza Chanoux, una manifestazione non autorizzata di studenti si è sciolta come neve al sole. Pur comprendendo le ragioni della subitanea evaporazione, non ce la sentiamo di abbandonare quel centinaio di giovani che volevano protestare contro la riforma Gelmini. Giovani arrabbiati, ma ragionevoli, infatti non si è rilevato nessun incidente quando un esponente della Digos ha invitato gli studenti a sciogliere il corteo. Oggi, domani e dopodomani pubblicheremo alcune fotografie della loro protesta. Che il freddo patito non sia stato invano.

Condividi su Facebook: