Posted tagged ‘Consiglio Regione Valle d’Aosta’

Statuto speciale compreso!

6 ottobre 2012

Personalmente sarei più propensa (non è una convinzione al 100%) a mantenere l’attuale rappresentanza in Consiglio e ridurre in modo significativo il compenso degli eletti, ma se a livello nazionale si decide di diminuire il numero dei consiglieri e loro relativa indennità, mi adeguo: è comunque un cambiamento in meglio e un risparmio. Rollandin non ci sta: “Sul numero dei consiglieri decidiamo noi!”. Perron si scompone in un: “… ma siamo impazziti!”. Già, lo Stato minaccia lo scioglimento dei Consigli regionali che non ubbidiscono (evviva!). Comprese le Regioni a Statuto speciale (doppio evviva!). La nostra specificità di spreconi-speciali non ci difende più: siamo costretti come tutti a ridurre i costi della politica. Con la pessima gestione del denaro pubblico non ci siamo meritati la dignità per poterci indignare: l’Imperatore dovrà ubbidire. Laurent Viérin si smarca, con senso di opportunità politica e seguendo altri virtuosi esempi, dice che la Valle d’Aosta dovrebbe anticipare le scelte di Roma, offrendo a tutta la Comunità quel senso di responsabilità necessaria in tempi dove tutti tirano la cinghia. Una scelta appropriata che salvaguarderebbe quel principio di autonomia che pigola sempre più piano.

La tribù dei Mangia-Mangia

18 aprile 2012

Nonostante la crisi loro continuano a mangiare…

NO!

22 marzo 2012

“Come si fa a non diventare dittatori in un paese di servi?”. Lo disse Mussolini e diventò dittatore. Lo pensa anche qualcun’altro che in Consiglio regionale ha risposto con un semplice NO! a una domanda legittima rivoltagli da un consigliere di minoranza. Quel semplice no avrebbe dovuto scatenare le ire dell’opposizione, perché non esaustivo rispetto al tema piuttosto delicato, oltreché originale, che riguarda l’assunzione di un uomo appartenente alla Gladio a occuparsi della nostra autostrada, e neppure rispettoso. Invece è bastato il sopracciglio alla Diabolik, associato all’avverbio per rimettere al suo posto l’ordinato soldatino.

Stalking a favore degli uomini.

24 novembre 2011

Povera bestia!

Turi Turi Turiddu tutto l’anno… . Dunque, nella giornata contro la violenza sulle donne, il consigliere unionista (seimila euro al mese più i benefit), Salvatore Agostino, spezza una mezza lancia in favore dello stalking verso gli uomini. Non ho sbagliato a scrivere “in favore”, ha detto proprio così. Secondo lui in Valle le donne praticano lo stalking con maggior caparbietà degli uomini. Prendono più botte, ma perseguitano di più. Si complimenta che nella Regione le donne non vengano uccise, da noi  purtroppo solo botte. Non ho sbagliato a scrivere “purtroppo” ha detto proprio così. Dunque i casi sono due: o il consigliere di maggioranza non conosce il senso letterale di quello che dice o è vittima di lapsus freudiani. In entrambi i casi il democraticamente eletto Turi è personaggio imbarazzante.