Posted tagged ‘Claudia Trafficante’

Sveart (Svenart), riassunto

1 dicembre 2012

Dopotutto a fare un po’ di attenzione si sarebbe dovuto intuire che dietro Svenart oltre alla bufala culturale si celava solo un affare per gli organizzatori. I cognomi: Levi, voce del verbo levare, seconda persona singolare, presente; Trafficante, uno che traffica, commercia; Faloppa, in patois grossa cazzata. Per riassumere il succo dell’iniziativa: i tre hanno imbastito un bel commercio per levare soldi ai valdostani in cambio di una grossa cazzata.

(La “filosofia europeista dei giovani” trova conferma nel sito dove per alcuni articoli si legge: Désolé, cet article est seulement disponible en Italiano/Sorry, this entry is only available in Italiano.).

Spento sarà lei

29 novembre 2012

Il critico e curatore di Svenart, Paolo Levi, così esordisce in conferenza stampa: ” Grazie a Rollandin, questo presidente illuminato di un paese spento“. Doveva arrivare lui, professore di arte, per dirci che siamo spenti. Spenti, ma spendaccioni visto che gli abbiamo dato 500.000 euro per il suo giocattolo. L’anziano signore nel suo delirio afferma che Saint-Vincent rottamerà eventi come la Biennale di Venezia, Documenta a Kassel, la Tate Gallery (che non è un evento, ma un museo), Rivoli (che non è un evento, ma un museo). A questo parole persino Rollandin che di arte non solo non ci capisce, ma non gliene frega un accidenti, solleva un sopracciglio, accenna a un sorrisetto che Levi, nel suo personalissimo vaneggiamento, non nota. Dunque, Saint-Vincent affida la sua “sfida culturale”, come dice Adalberto Perosino più somigliante a una sorpresina kinder che a un sindaco, a un personaggio simile. Ma li cerchiamo con il lanternino questi qui? L’altro curatore-insegnante, Federico Faloppa, trova azzeccatissima l’idea di essere venuto in Valle d’Aosta e gli credo. Quale altra amministrazione avrebbe sponsorizzato una roba simile? Faloppa con le parole galoppa, aggiunge che si tratta di una grande esposizione: ottantotto opere una grande esposizione? Così grande da mettere in crisi la Biennale di Venezia? Le parole chiave che gli hanno aperto le porte di questa brillante idea sono: nuovo e altro. Parole davvero nuove e altre. Dice che Svenart fotografa quello che sta succedendo in Europa. Ma di Biennali di giovani artisti europei ce ne sono diverse e nate molto prima, grazie anche ai fondi UE. Ma Svenart è soprattutto una “filosofia europeista per giovani” conclude in conferenza stampa tale Claudia Trafficante, sputando così non solo sull’arte, ma anche sulla filosofia.