Posted tagged ‘Calabria’

In quota

28 settembre 2010

Ci sono calabresi e calabresi. C’è la comunità sangiorgiogiacomese che è la più numerosa, quella cosentina, quella di Melito Porto Salvo e quella sidernese. Le ultime tre devono essere comunità piccole piccole, perché nessuno dei vip della politica ha ritenuto necessaria la partecipazione a questa seconda festa dei calabresi che le vedeva coinvolte. In veste di organizzatrice c’era la consigliera regionale Carmela Fontana e basta. Assente pure il Sindaco che, all’ultimo, deve aver accusato un brutto mal di testa. Strani conti della politica: che l’altro pezzo di Calabria sia tutto in quota PD?

Condividi su Facebook:

Bordighera non è lontana

9 luglio 2010

Nonostante le decine di incendi sospettati di dolo che dal 1996 a oggi, riscaldano la Petite Patrie, nessuno, o quasi nessuno, sembra preoccuparsene. Non i giornalisti dei quotidiani locali che si limitano a informare senza porsi dei legittimi interrogativi; non i politici che non ne denunciano la gravità, anzi tendono a nasconderla, oppure, come ha fatto il Presidente della Giunta, Augusto Rollandin, a rassicurare i valdostani dell’assenza di organizzazioni criminali in Valle. Eppure la Valle brucia. I giornalisti, Roberto Mancini e Marco Nebiolo, hanno svolto una inchiesta sulla questione (Narcomafie numero di aprile), elencando i numerosi incendi che si sono susseguiti in questi 15 anni. Principali vittime i piccoli imprenditori edili. Camion, capannoni, depositi di attrezzi, falegnamerie, ma anche pizzerie, auto, escavatori, negozi, betoniere. I sospetti di dolo sono forti e supportati, in alcuni casi, da metodologie “professionali”. Eppure nessuno, pare, ha ricevuto minacce o richieste di pizzo. Nessuno si allarma. Anche a Bordighera ci sono stati molti incendi a bar e imprese. Anche a Bordighera il Sindaco, Giovanni Bosio, escludeva la criminalità organizzata. Eppure, all’oggi, la Giunta comunale è azzerata per i sospetti di infiltrazione mafiosa e le indagini hanno portato all’arresto di otto persone, alcune di queste affiliate alla ‘ndrangheta. La Ligura non è lontana e la Calabria ce l’abbiamo in casa.

Memoria corta

18 Maggio 2010

Il 20 maggio si concluderà la campagna elettorale del PdL, ospite d’onore il Presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti.  Così spiega Giorgio Bongiorno: “La sua presenza e il successo raggiunto, costituiscono l’esempio, l’auspicio migliore e lo stimolo per la comunità aostana a operare una decisiva scelta di campo in favore dei candidati del Popolo della Libertà”. (ANSA). Qualcuno si ricorda che Scopelliti, quando era sindaco di Reggio fu condannato a risarcire un milione e trecento mila euro per l’acquisto della ex fabbrica per la lavorazione degli agrumi Italcitrus? Il costo dell’acquisto era stato valutato dalla Corte dei Conti, doppio rispetto al suo valore reale. Qualcuno si ricorda che il suo ingresso nella politica fu dalla porta del Fronte della Gioventù? Anche il nostro Presidente della Giunta, Augusto Rollandin, era stato condannato al pagamento di 480 mila euro per quello che fu definito l’Affaire Trasporti (cattiva gestione dei contributi concessi alle aziende di trasporto). Adesso i due sono alleati. E la Calabria, quella Calabria, è sempre più vicina alla Valle d’Aosta. ____________________________________
Condividi su Facebook:

L’amicizia vuol dire chiamarsi “fratelli”…

19 agosto 2009

L’Assessorato Cultura e Istruzione della Regione autonoma Valle d’Aosta, ha il piacere di comunicare che  il 12 e il 13 settembre 2009, a Bourg-Saint-Maurice e a Séez, in Savoia (Francia), si terrà la Festa internazionale degli amici del francoprovençal e del  franc-comtois. «Cette rencontre – ha dichiarato l’Assessore Laurent Viérinest une occasion pour relancer le patois en lui attribuant les honneurs de la première page et, en même temps, pour nouer des relations internationales avec des peuples frères…”. Per sottolineare la fratellanza “è stata individuata l’area che diventerà il parco dedicato a San Giorgio Morgeto, la cittadina in provincia di Reggio Calabria in cui è stato allestito il «Parco Aosta» con deliberazione della Giunta guidata dal sindaco Nicola Gargano. Il parco verrà allestito nel quartiere Dora, dove risiede una numerosa comunità di sangiorgesi”.

Una razza, una fazza

4 dicembre 2008

POUDZO!

POUDZO!

Di fronte alla crisi del trasporto aereo la Valle d’Aosta rilancia con un progetto ambizioso: costruire un grande aereoporto, capace di far transitare, dalla Russia al Giappone, centinaia di migliaia di turisti stranieri. E che c’è andata a fare, se no la nostra delegazione diplomatica? A vender solo Fontine? In effetti a noi un aereoporto serve proprio, alla facciazza di quegli esperti-cassandre che prevedono l’ennesimo fallimento. Che poi nel raggio di cento chilometri ci sia quello di Caselle non ce ne fa un baffo! Noi siamo autonomi e autoctoni! A condividere l’esuberante ottimismo della nostra classe politica al comando c’è la regione Calabria. Con la Calabria le affinità elettive diventano sempre più numerose e sempre più simili, lo prova la costruzione a Sibari, frazione di Cassano allo Ionio, di un hub di proporzioni gigantesche. Le motivazioni sono sempre le stesse: portare a casa charter da tutto il mondo. Una Cassandra vive anche da quelle parti e veste i panni di Eugenio Ripepe che gestisce l’unico scalo in attivo della Regione, quello di Lamezia Terme. Dice che il nuovo aeroporto sarà un fallimento annunciato, che quello di Reggio Calabria registra dodicimilioni di euro in passivo e quello di Crotone, nonostante i tre milioni di euro all’anno di incentivi pubblici, non lo vuole nessuno. Ma a noi checcefrega?

Avremo un aeroporto in passivo, ma prima ci saranno gli appalti: e questa è la cosa che più conta no? Qui e là. Una razza, una fazza, appunto.