Posted tagged ‘Anni di piombo’

Digressione 37

9 aprile 2012

Sono andata a vedere Romanzo di una strage. Non potevo non farlo, visto che quella bomba distrusse anche la mia prima adolescenza. Avevo quattordici anni, quasi quindici e frequentavo il primo anno di Liceo artistico (quello vero) in quel di Verona. La notizia della strage in piazza Fontana deflagrò dentro alla mia giovane anima e nulla fu più come prima. Non più spazio per le scempiaggini della mia età e per i sogni che non fossero quelli circoscritti entro il sole dell’avvenire. Il buio calò sulla mia generazione portandosi appresso la voglia di ridere. Noi giovanissimi eravamo particolarmente seri e la lotta al fascismo e al capitalismo divenne l’unico argomento delle nostre conversazioni. Eravamo cuccioli molto presuntuosi come solo i cuccioli sanno essere. Eravamo in guerra con altri cuccioli di colore diverso, entrambi mossi da forti ideologie contrastanti. Facevamo parte di un gioco più grande di noi, ma noi ci sentivamo così parte della nostra Storia che questo bastava per farci sentire come non potevamo essere. Non so dirvi se mi piacque muovere i primi passi della mia autonomia in quel periodo, certo non fu una passeggiata. Del film dico solo questo: concordo con la figlia di Pinelli quando sostiene che pur non essendo il commissario Calabresi un assassino, fu certo il maggior responsabile della morte di Pinelli. Tre giorni chiuso in questura senza mangiare e dormire in netto contrasto con i diritti di un cittadino. Il Commissario Calabresi non avrebbe dovuto permetterlo, se fosse stato il personaggio buono e trasparente che emerge dal film. Aveva le sue belle contraddizioni, ma nel film queste non trapelano e non è giusto ai fini di una comprensione più obiettiva e anche umana del personaggio. La morte di Calabresi è come tutto quel periodo avvolta nel mistero, nonostante la testimonianza di Marino e la successiva condanna di Sofri. Allora non si aspettava molto per vendicarsi di un compagno o di un camerata morto. Sono invece trascorsi tre lunghi anni dal salto nel vuoto al sangue sull’asfato: troppi per una resa dei conti. Chissà, se mai sapremo le tante verità nascoste che caratterizzarono gli anni della mia giovinezza. Cossiga sapeva tutto e, come un faraone, si è portato il ricco bagaglio nella tomba.

Digressione 4

17 novembre 2010

Ho ancora nelle orecchie la registrazione dei lamenti delle vittime della strage di Brescia. E sono passati trentasei anni. Gemiti che ti rimangono addosso, insieme alle immagini di quegli anni di piombo. Cicatrici della prima giovinezza che non si emargineranno mai. Lo sanno tutti coloro che in quegli anni hanno pianto, gridato, manifestato, lottato per difendere la democrazia contro il fascismo. Le sue istituzioni. Oggi lo Stato non ha prove sufficienti per condannare gli imputati di strage. Dopo tanto tempo nessuno è colpevole. Oggi si sa, ma lo si sapeva anche ieri, che lo Stato è in parte colluso. Omertoso. Inaffidabile. Mi piacerebbe credere nello Stato, affidarmi alle sue istituzioni, provare fiducia nella giustizia. Confesso che non ci riesco e non per ideologia, più semplicemente per intuito. L’Italia è malata, le metastasi sono diffuse ovunque. Questa ennesima prova di debolezza sfianca l’ultima resistenza. Resistere a cosa? Al malaffare che è coperto dai funzionari pubblici? Suggerito dai politici? Ignorato dai più?

Condividi su Facebook: