Archive for the ‘Legge’ category

Il vento di primavera

18 gennaio 2013

Dunque proviamo a ragionare su questa che di primo acchito appare una botta e che probabilmente non è così. Il Consiglio dei Ministri ha impugnato la legge sui rifiuti, quella nata dal referendum. E’ legittimo dubitare che questa impugnazione sia stata attivata attraverso un’azione di lobby da parte dei costruttori di inceneritori e da qualche politico valdostano compiacente. Ma nella lettura della delibera si legge che oltre alle questioni di natura ambientale è di competenza esclusiva dello Stato anche l’individuazione di siti per la costruzione di impianti di smaltimento rifiuti. Quindi la legge precedente a quella riformata era anch’essa illegittima. Quindi, se come temo, sarà difficilissimo difenderci da una legge nazionale che va rispettata e, magari cambiata, sarà altrettanto difficilissimo poter tornare alle origini. Di fatto è come se nulla fosse accaduto e nessuno ci obbliga a costruirlo un pirogassificatore. Potranno anche accelerare il verdetto della Corte costituzionale per arrivare prima delle elezioni e fare una legge ad hoc, ma la vedo dura comunque. Anzi, mi sembra che l’Union e i suoi alleati pro-piro si siano dati una mazzata sui piedi. Sarà difficile difendere una legge nazionale dopo che hanno sbraitato in lungo e largo la difesa dell’autonomia contro gli attacchi romani. Sarà ancora più difficile andare contro a una popolazione imbufalita. Li spazzeremo via con il primo vento di primavera.

Panni sporchi

1 agosto 2012

C’è uno sforzo in atto nelle democrazie occidentali, se ancora resteranno in piedi, che è quello di pubblicizzare le varie attività di governo con l’obiettivo di rendere più visibile, comprensibile e quindi partecipata la vita pubblica. Alpe e Pd hanno presentato una proposta di legge per la pubblicità della vita istituzionale e amministraticva, proposta che è stata bocciata dalla II Commissione consiliare dalla maggioranza, fedele al detto popolare che i panni sporchi si lavano in casa!

Quale privacy?

20 febbraio 2012

L’ex assessore Lavoyer ha sempre detto che la questione dei suoi conti bancari è una questione personale, ma c’è una legge regionale dell’11 agosto 1981, n.48 che chiede a ogni consigliere di presentare annualmente alla Presidenza del Consiglio una dichiarazione dalla quale risultino lo stato patrimoniale e tutti i redditi provenienti da attività di qualunque genere o natura. Inoltre OGNI CITTADINO può prendere visione dell’anagrafe patrimoniale con semplice richiesta scritta al Presidente del Consiglio. Questo per dire che il concetto di privacy del nostro Claudio non coincide con quello delle istituzioni.