Archive for the ‘Carovita’ category

Bel posto!

10 febbraio 2011

Viviamo proprio in un bel posto! Abbiamo il trasporto pubblico che fa quotidianamente bestemmiare. Le tariffe autostradali più care d’Italia e giù altre bestemmie. Scuole senza palestre. Paesaggio devastato dalle centraline, ma il costo dell’energia rincarato come quello dell’acqua. Per una visita specialistica dobbiamo sopportare liste di attesa sempre più lunghe: il tempo di morire d’infarto. Il servizio postale, meglio non menzionarlo. I generi alimentari costosi come pellicce. Gli abiti come i gioielli. Le case come un viaggio sulla luna. Ma allora mi chiedo: dov’è questa meraviglia che chiamiamo Valle d’Aosta? Ci culliamo in una percezione sbagliata della realtà.  In questa soporifera ninna nanna abbiamo perso di vista i nostri interessi, mentre i dati dimostrano, in modo inequivocabile, che il rapporto costo e beneficio pende vistosamente a sfavore del beneficio. Neppure l’aria è buona e qui si muore di tumore più che altrove.

Condividi su Facebook:

Io “centro” eccome!

8 febbraio 2011

Aosta, città nel deserto.

Cara Aosta, quanto sei cara! Il nostro è il carovita più salato d’Italia, l’inflazione ha riportato un +4% rispetto al gennaio del 2010 e sapete quali sono le voci che hanno registrato gli aumenti più significativi? L’acqua, in effetti a noi manca. L’energia elettrica, in effetti a noi manca. La casa, in effetti a noi manca. Viviamo in un posto così arso dal sole e dove l’acqua si trova nelle falde più profonde della crosta terrestre. Viviamo in un posto dove non esistono centrali idroelettriche e siamo costretti a comprare l’energia . Viviamo in un posto dove non ci sono case e la popolazione cresce a un ritmo più elevato che in Egitto. Eppure io l’acqua la vedo ovunque, ma costa più cara che in Sicilia. Le centraline crescono come funghi e produciamo più energia di quella che consumiamo, eppure, per noi consumatori, nessun beneficio economico. Le case divorano incessantemente il territorio, ma non bastano mai, nonostante la crescita della popolazione sia ridicola. Non vi sembra che qualcosa non funzioni? O Aosta si è trasferita altrove?