E stronzi!


Per il PD di Donzel, Guichardaz e Fontana, trovare il dialogo con Rollandin era blasfemia pura (Centoz lo aveva preso in considerazione), con il clan dei Viérin no. Perché? Perché in realtà chi detta ancora l’agenda del PD non è uno del PD, ma l’eterno Dino! L’unionista di sinistra. Come se esistesse un’Union solo rossa! E un’Union solo nera! La locazione politica della Balena è sempre stata chiara: ni droite ni gauche. Il GPS del partito rossonero ha da sempre indicato un’unica via: quella dei soldi. Cioè quella del Governo romano in carica da cui l’Autonomia dipende. Adesso è la volta di Renzi. Fulvio Centoz a cui non frega nulla della dignità e di una visione politica più a vasto raggio altrimenti agirebbe diversamente, può dunque contare sul ruolo di sindaco di Aosta, ma si contenterebbe pure di quello di vice-sindaco. Sbattuto fuori di casa verrebbe quello attuale: Bruno Giordano. Montone sacrificale per il bene della Vallée. (Ma siamo certi che non rimarrà a bocca asciutta!).

Dunque, il quasi ritorno a casa dell’Union “prodiga”, secondo la proprietà transitiva, ha riavvicinato il PD a Rollandin. Ma cosa dicono le sinistrissime voci civatiane del partito? Cosa dice l’integralista Jean-Pierre Guichardaz? E cosa dice il cattolicissimo Raimondo Donzel? Pochi mesi fa così dichiarava: “Bisogna essere chiari coi cittadini: noi non riteniamo utile alla Valle d’Aosta e ai valdostani la prosecuzione della Giunta Rollandin!“. E ancora: “Nessuna larga intesa è possibile con chi difende i grandi manager del Casinò e delle Partecipate pubbliche, con chi non ferma le grandi opere inutili, e continua a colpire le fasce deboli, i precari, i lavoratori e taglia trasporti, sanità, scuola e servizi sociali”. Se ieri il vecchio leone si trovava in eterno bilico: occasione unica per il PD e Alpe di dare alla Giunta un maggior equilibrio politico, oggi la Giunta Rollandin, grazie a Donzel, ma non solo a lui, potrà godere di un appoggio numericamente corposo, composto soprattutto dai numeri unionisti. E ancora il PD: “O si fa un governo di cambiamento o si va ad elezioni: in ogni caso l’attuale Governo regionale deve dimettersi e toglierci da ogni imbarazzo istituzionale anche a livello nazionale”. E’ bastato l’azzeramento del Consiglio regionale per togliere il PD dall’imbarazzo? Una leggina elettorale che riguarda principalmente i Comuni sotto i mille abitanti? No, è bastato che ci fosse il clan Viérin! Il PD ha due palle così! Per essere onesti una bella fetta di responsabilità ce l’hanno pure i consiglieri di Alpe, forse perché mai stati arancio, ma sempre rossoneri? Anche il loro segretario che proviene da un’altra area politica, non ha saputo vedere più in là. L’orizzonte corto paga il prezzo. Alpe, isolata dagli ex alleati, si trova tagliata fuori e, in virtù di questo, perderà pure qualche pezzo. Il PD non farà da stampella, nossignori! Per il semplice fatto che di una stampella questo “nuovo” governo non avrà bisogno. L’unica carta che potrà giocare sarà quella solita del fil rouge con Roma. E sappiamo per esperienza di quali ideali e di quale cambiamento sarà portatore.

Annunci
Explore posts in the same categories: Clan dei Viérin, Critica, Delirio, Domande, Elezioni, Mala politica, Politica valdostana, Uomini politici

Tag: , , , , , , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

One Comment su “E stronzi!”

  1. giancarlo borluzzi Says:

    Patuasia qui definisce Guichardaz integralista e Donzel cattolicissimo.

    Non so nulla sulla fede di Donzel, so che a Messa vedo sovente Guichardaz, oltre ad Avati.

    E’ totalmente incongruo il professarsi cattolici e avere qualsiasi legame politico con chi (parlo dei localisti stile UV e UVP) non rispetta l’unicità e la specificità delle persone (valore cardine del cattolicesimo) in quanto vorrebbe annullarle in un medesimo calderone per creare residenti tutti uguali, accomunati da manicomiali panzane e schierati a difendere una regione che non esiste contro uno Stato che esiste (e foraggia).

    Patuasia definisce Guichardaz integralista: per me è in primis un cattolico che non ha le idee chiare sulla religione che professa; tutti i piddini, poi, portano servilmente acqua allo stralunato integralismo dei localisti nostrani e quindi sono essi stessi integralisti non in prima, ma in seconda battuta perché non pensano a una propria linea politica dignitosa ma solo a fare da colf a chi cavalca integralismi beoti e li utilizza per fini che in nulla coincidono con quelli che dovrebbero caratterizzare localmente il nuovo corso renziano.

    Questo penso, anche se scriverlo qui mi fa sentire un vegetariano che dice la sua all’interno di una macelleria.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: