Petit Bazar


Sabato scorso, sono stata ad Alba per vedere la mostra di Casorati, artista del novecento che amo. All’apertura ho trovato la coda! Ho aspettato venti minuti sotto la pioggia prima di entrare. La coda! Ad Alba! La Fondazione Ferrero non è una bella architettura, ma è curata e ha un bel giardino e le mostre che presenta hanno tutte un grande successo. Perché? Vuoi perché il luogo ha un’anima? Vuoi perché c’è un privato alle spalle? Vuoi perché c’è un progetto? Prima di Casorati l’ospite è stato Carrà, un altro grande artista italiano del novecento. Facciamo il solito impetoso confronto. Da noi chi decide è il politico di turno che sceglie sulla base dei suoi capricci o tornaconti elettorali o favori al solito amico. Non c’è una progettazione, le mostre si susseguono sulla base di proposte varie e il risultato è il caos. Un bazar dove si trova di tutto. La prossima mostra sarà quella su Mendini. Uno sconosciuto ai più. Prevedo una lunga coda alla biglietteria.

Annunci
Explore posts in the same categories: Arte, Politica culturale, Previsioni

Tag: , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: