Mafia di casa mia!


Inquietanti sono le minacce che l’avvocato, Gianpaolo Zancan, ha fatto emergere durante l’arringa difensiva in favore del suo cliente, Riccardo Orusa. Intimidazioni pesanti, ricevute dal direttore dell’Istituto zooprofilattico da parte di alcuni allevatori valdostani (il mitico mondo pastorale des nos-atre!). Si direbbe il classico metodo mafioso: se fai qualcosa che ci può danneggiare, in questo caso la richiesta d’impiego del gamma test interferone per rilevare la presenza della TBC, noi te la faremo pagare. Ipotesi credibile basta associarla agli incendi di fienili, alla tradizionale legnata dentro al sacco (ha un nome preciso, ma al momento mi sfugge potreste ricordamelo?) e ad altri fatterelli che provano, anzi consolidano, la teoria di una mafia autoctona e autonoma.

Annunci
Explore posts in the same categories: Allevamento bovino, Casta, Degrado morale, Folclore valdostano, Inquietudine, Mafia di montagna

Tag: , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

10 commenti su “Mafia di casa mia!”

  1. bruno Says:

    Forse ti riferisci a “ensabloué” (insabbiare), riempire di botte, a viso coperto e ovviamente notte tempo, con sacchi ripieni di sabbia. C’è chi, nel tempo, “insabbiato”, ha passato mesi e mesi a letto.

  2. Ya basta Says:

    E brava patuasia! Ho avuto la stessa impressi o e leggendo l’articolo di stampa. Minacce, intimidazioni ma non sono cose solo da meridionali?

  3. patuasia Says:

    Grazie Bruno, la domanda era diretta a lei! 🙂 Sì era proprio quello il termine che non mi veniva.

  4. bruno Says:

    I grossi allevatori sono sempre stati temuti, anche dal popolino valdostano che aveva 4 mucche, o anche meno, da inviare in alpeggio e stentava a campare. Non stento pertanto a credere alle parole dell’avvocato Zancan: arroganza e prepotenza li contraddistinguevano, probabilmente è anche per questo che il potere politico li ha sempre coccolati e amati.

  5. bruno Says:

    p.s. sarà un caso, ma le minacce di morte che a suo tempo sono pervenute a me, ai miei figli ed ai miei familiari provenivano proprio da un allevatore locale che si era improvvisato amministratore ed era convinto di poter fare impunemente il bello ed il cattivo tempo con questi metodi. Il sindaco approvava. E’ ovvio che su questo terreno locali e meridionali si siano trovati,si trovino, e sempre più si troveranno in perfetta sintonia. Il mondo politico favorisce e benedice questo incontro.

  6. patuasia Says:

    Bruno, lei conosce molto bene il mondo valdostano: le credo.

  7. Emilio Says:

    chi conosce l’ambiente zootecnico, sia dalla parte degli allevatori che da quello dei controlli (veterinari, regionali e quant’altro) sa bene che non è stato certo Orusa a proporre il Gamma-interferon come metodica di controllo della TBC, per altro materia fin troppo regolamentata da leggi e regolamenti vari assolutamente indipendenti dalla volontà di una singola persona, direttore o dipendente che sia. Le minacce ci saranno anche state (?) ma i prelievi venivano fatti dall’Usl e le analisi effettuate a Torino ed il ruolo dell’IZS erano di puro tramite per cui sarebbe stato inutile minacciare il dr. Orusa. Altra cosa è poi la strategia difensiva durante un processo in nome della quale si può affermare qualsiasi cosa

  8. nicola69 Says:

    Scusate!!! con tutte le riserve del caso, perche’ chiamare sempre in causa i meridionali?? A me sembra che tutta questa faccenda riguardi pressoche’ esclusivamente gente “de inch”. Non mi sembra corretto chiamare in causa i meridionali anche quando non c’entrino nulla. Questo sta a significare che gente di m…..e’ presente ovunque, e la Valle non e’ esente!!!!!

  9. patuasia Says:

    Mi scusi signor nicola69, ma l’ha letto il post? Perché, se l’avesse fatto, avrebbe capito che la tesi è appunto quella di una mafia nostrana autonoma da qualsiasi inquinamento esterno: il titolo la riassume. Leggere prima di commentare! 🙂

  10. Il Pretoriano Says:

    La mafia calabrese si chiama n’drangheta quella valdostana si chiama “mafietta de inchie” che colpisce comunque chi non si allinea e ti colpisce ovunque: sul posto di lavoro, sugli affetti, sugli amici e non ultimo sul fatto che ti tagliano i viveri per il tramite del potere che gestisce grazie ad un fracco di yes man messi da loro nei posti chiave anche se non capiscono una beata minchia.
    E’ chiaro stu fattu!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: