Non se ne può più!


Un passo indietro. Un passo avanti. Rollandin darà soddisfazione a tutti rimanendo fermo. Intanto i Viérin scalpitano: le loro ambizioni rischiano di rimanere congelate. I grillo-talpa si sono smarcati e hanno ripreso la loro autonomia: la recente approvazione del M5s alla proroga delle graduatorie lo conferma. (Non ho capito il motivo dell’astensione da parte della minoranza, la proroga era necessaria. Ma evidentemente il “Bene della Valle d’Aosta” viene messo in secondo piano rispetto ai giochi politici. E questo sarebbe il nuovo modo di fare politica? Altro punto in meno all’opposizione e chapeau ai grillo-talpa che si sono smarcati dalla “questione politica” e hanno preferito gli interessi dei valdostani.). Alpe non ci sta a fare da gregario e così pure il PD di Centoz. La richiesta dell’UVP a una verifica tra alleati, sa di controllo sulla coalizione da parte di chi lo sta perdendo. Stare all’opposizione per chi ha costruito il consenso grazie ai soliti vecchi trucchetti significa perderlo, il clan dei Viérin lo sa benissimo. Attualmente i numeri sono 18 a 15 con i due pentastellati che voteranno di volta in volta. Le elezioni forse non si faranno (quanti sono che rimarrebbero a casa con il rischio di una possibile incandidabilità?) che la maggioranza allora esca dallo stallo e presenti la nuova squadra di governo. Uffa che barba!

Annunci
Explore posts in the same categories: Casta, Clientelismo, Cultura morta, Delirio, Elezioni, Mala politica, Politica valdostana, Uomini politici

Tag: , , , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

9 commenti su “Non se ne può più!”

  1. bruno courthoud Says:

    La maggioranza (i 18), a questo punto ha il DOVERE di formare un governo in tempo utile per NON andare ad elezioni anticipate, e NON ci sono scuse e bla-bla che tengano.

  2. giancarlo borluzzi Says:

    Qui si vivisezionano le caratteristiche di Rollandin e Vierin 1&2. Manca invece un tentativo di analisi dell’agire di Leonardo La Torre, che ha fatto scoppiare la crisi e poi pare essere tornato sui suoi passi.
    Perché, con chi, a che fine sia il primo agire sia il secondo?
    Appare poco ipotizzabile che abbia agito per solo impulso personale.

  3. libero Says:

    Provaci tu Borluzzi a fare delle ipotesi.

  4. giancarlo borluzzi Says:

    Non sono in grado, non ho seguito granchè, sono stato via.
    Quello che mi stupisce è il fatto che una persona sicuramente navigata si sia comportata in maniera avventata ponendo credo fine alla sua carriera politica con questa legislatura: chi mai vorrà ancora candidarlo?
    Avevo sentito voci di una non assonanza tra lui e il Milanesio che lo tirò fuori dal suo cilindro decenni orsono; forse aveva agganci con unionististi che lo spingevano in avanscoperta.
    Ancora più inspiegabile è però il suo rientro nei ranghi.
    Perché? Le contrapposizioni o si evidenziano e mantengono, oppure si resta in gruppo.
    Se qualcuno sa illuminare, lo faccia.

  5. sully Says:

    A pensar male si può credere che l’operazione La Torre sia stata ordita dal duo Rolly&Bruno con il duplice scopo di spaccare l’opposizione, ridimensionando le strategie vieriniane e di fare un rimpasto di giunta: fuori i ragazzini e dentro quelli che più hanno scalpitato (Ego, per non far cognomi). Brillante risultato.
    Il premio per La Torre sarebbe il coordinamento delle attività valdostane per l’expo di Milano. Di questi tempi è un premio avvelenato, con Cantone che vigilerà con pieni poteri

  6. libero Says:

    Ma quel coordinamento La Torre non ce l’ha già?

  7. bruno courthoud Says:

    A quasi centomila persone residenti in valle d’Aosta, e forse più, è rimasta la curiosità di conoscere come si sia risolta la crisi mistica di Leonardo La Torre e se si sia risolta con esito positivo e in maniera definitiva. Siamo tutti in ansia, sia per le sue angosce personali ed esistenziali, per le quali non possiamo che augurarci ed augurargli una pronta guarigione, sia per gli eventuali contraccolpi che le crisi relative possono avere sul buon andamento e sul funzionamento delle istituzioni e in particolare del consiglio regionale. Non osiamo neanche pensare che tali crisi nascondano un sotterraneo e non dicibile malessere da astenia di potere, malattia purtroppo inguaribile allo stato attuale della scienza. Se così malauguratamente fosse, purtroppo non verremo mai a saperlo, o lo sapremo (forse) a fine legislatura. O per vie traverse. Ma la scienza, per il momento, non è in grado di individuare se i due fatti possano o potranno avere un comune denominatore, così come non riesce ancora a dirci chiaramente perché a Taranto ci si ammali e si muoia così facilmente di cancro. Renzi vorrebbe fare qualcosa (investire nella ricerca), ma i fondi a disposizione sono molto limitati ed il problema è molto complesso. Intanto a Leonardo La Torre giungano i nostri migliori auguri per un pronto e definitivo ristabilimento.
    p.s. Pare che gli altri unionisti colpiti da analogo malessere siano in via di definitivo miglioramento.

  8. anonimoperchètengofamiglia Says:

    Mamma mia sig. o sig.ra Sully, complimenti. Lei, persona molto ben informata, ha risposto correttamente al sig. Borluzzi. Ecco la parolina magica del ravvedimento del sig. La Torre di fronte a Rolli bis : EXPO 2015 (+ altre cosine varie)

  9. patuasia Says:

    Da sempre ho sostenuto la tesi che si trattasse di un ricatto per favori non ricevuti e per incarichi non avuti. Ve lo ricordate Pastoret, fedelissimo di Viérin, quanto ha rotto pur di avere un assessorato? Avutolo si è messo tranquillo, così sarà per Perron e per La Torre, magari a quest’ultimo un incarico da qualche parte. La Valle d’Aosta sono loro! Di conseguenza il bene è rivolto a loro! Nessuna novità.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: