Il passo più lungo della gamba


C’è chi spinge per il ribaltone a palazzo regionale. Mi sembra che sia l’UVP a voler dare la botta significativa. Mi chiedo il perché di tanta fretta. Che gli unionisti di Viérin soffrano di astinenza di potere posso capirlo, che per loro stare all’opposizione sia una faticaccia dovuta all’inesperienza, anche, ma gli altri? Che senso ha oggi prendere le mani del governo? Non sarebbe meglio che i nodi li districasse chi li ha intrecciati? Qualcuno mi potrebbe dire che la mia visione così volgarmente pragmatica non coincide con gli interessi della Valle d’Aosta. Io gli risponderei che forse gli interessi della Valle d’Aosta andrebbero più utilmente portati avanti da chi non rischia di dover dare le dimissioni da eventuale assessore a causa degli errori commessi con i contributi. Che per tutelare gli interessi della Valle d’Aosta sarebbe meglio avere degli amministratori con esperienza cosa che invece non accadrebbe dal momento che quelli che l’hanno maturata sarebbero costretti a lasciare il loro posti a chi li segue in graduatoria. Allora perché voler a tutti i costi il ribaltone?

Annunci
Explore posts in the same categories: Delirio, Domande, Politica valdostana

Tag: , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

3 commenti su “Il passo più lungo della gamba”

  1. bruno courthoud Says:

    Hai totalmente ragione! E’ stata una vergognosa congiura di palazzo, organizzata e pensata con largo anticipo. E i Viérin sapevano tutto da giorni.

  2. ultron Says:

    Fa bene, anzi benissimno, l’Uvp a spingere per mandare SUBITO a casa Rollandin e cricca, pare ci stia riuscendo, la giunta Rollandin ha fatto solo disastri, ora che i soldi son scarsi si vede tutta la nullità di questo politicante buono solo a farsi clientele soprattutto tra i calabresi, mica a governare.

    Ogni giorno di più di questa giunta è un’occasione mancata per la comunità valdostana.

    Fuori dalle balle!

  3. roberto mancini Says:

    Mettiamola sul ridere, vah.
    Come dice il grande Chiamparino, “esagerùma nèn”.

    Comando Supremo, 4 novembre 1918, ore 12
    
La guerra contro l’Austria-Ungheria che, sotto l’alta guida di S.M. il Re, duce supremo, l’Esercito Italiano, inferiore per numero e per mezzi, iniziò il 24 maggio 1915 e con fede incrollabile e tenace valore condusse ininterrotta ed asprissima per 41 mesi, è vinta.


    La gigantesca battaglia ingaggiata il 24 dello scorso ottobre ed alla quale prendevano parte cinquantuno divisioni italiane, tre britanniche, due francesi, una czeco slovacca ed un reggimento americano, contro settantatré divisioni austroungariche, è finita.

La fulminea e arditissima avanzata del XXIX Corpo d’Armata su Trento, sbarrando le vie della ritirata alle armate nemiche del Trentino, travolte ad occidente dalle truppe della VII armata e ad oriente da quelle della I, VI e IV, ha determinato ieri lo sfacelo totale della fronte avversaria.
    Dal Brenta al Torre l’irresistibile slancio della XII, della VIII, della X armata e delle divisioni di cavalleria, ricaccia sempre più indietro il nemico fuggente.
    

Nella pianura, S.A.R. il Duca d’Aosta avanza rapidamente alla testa della sua invitta III armata, anelante di ritornare sulle posizioni da essa già vittoriosamente conquistate, che mai aveva perdute.

L’Esercito Austro-Ungarico è annientato: esso ha subito perdite gravissime nell’accanita resistenza dei primi giorni e nell’inseguimento ha perduto quantità ingentissime di materiale di ogni sorta e pressoché per intero i suoi magazzini e i depositi. Ha lasciato finora nelle nostre mani circa trecentomila prigionieri con interi stati maggiori e non meno di cinquemila cannoni.


    I resti di quello che fu uno dei più potenti eserciti del mondo risalgono in disordine e senza speranza le valli che avevano discese con orgogliosa sicurezza.


    Il capo di stato maggiore dell’esercito, il generale Diaz »

    Domanda: chi è il Diaz valdostano?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: