La ‘ndrangheta canta in Valle (3°parte)


Ecco alcuni testi di canzoni e inni popolari rinvenuti dagli inquirenti in casa dei fratelli Taccone abitanti a St Marcel in fraz Prarayer dal 2004. I Taccone, secondo l’ipotesi accusatoria, sarebbero collegati alla cosca Pesce di Rosarno. I reati ipotizzati a loro carico sono: Tentato omicidio, tentata estorsione, rapina, lesioni, danneggiamento con incendio, il tutto con l’aggravante del metodo mafioso. Alcuni frammenti dattiloscritti non sono decifrabili, ce ne scusiamo con i lettori.

Latitanti – Nesci lu suli ta la muntagna e sentu u cantu di na mitraglia, sento la vuci i tanta genti viiu i cani de lu tenenti. Senti lu rastu e abbaia u cani lu lupu fugii di li so tani grida na vuci a tradimentu simu accerchiati stanno venendu. Trema lu cori trema a muntagna tra i nostri mani a lupara canta scurri lu sangu faci sciumari ma i nostri mani aimu a stari simu puntati cui farionetti…..simu stringiuti cu li manetti come animali simu trattati a lu macellu simu portati. Cala la sira su friddi i mura ma c’è un focu che di riscalda e chiudu l’occhi mi scura u chiantu e tra sti sbarri mi ughi u sangu e di luntanu sentu ciangiri, chiama a muntagna cu non pò ghiri dietru sti sbarri guardu sta stanza e giungi u cori insemi à cumpagna na na na na… nesci lu suli ta la muntagna ma la lupara chiù non canta……( 2 volte).

Annunci
Explore posts in the same categories: 'ndrangheta, Calabria, Criminalità, Cultura morta

Tag: , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

One Comment su “La ‘ndrangheta canta in Valle (3°parte)”

  1. bruno courthoud Says:

    non conosco a sufficienza le motivazioni e le origini di questi romantici e, credo, ottocenteschi canti di ribellione. Mi sembra però che essi rivelino plurisecolari frustrazioni, sensi di inferiorità e malversazioni da parte del potere. In questo vi è una certa analogia con la Valle d’Aosta, dove i medesimi sentimenti hanno trovato altri sbocchi. Là, la rivolta con l’invito a impugnare la lupara, qui, la supplica e l’umiliazione del mettersi sempre in ginocchio a supplicare (leggansi in proposito i verbali, dal 500 al 700, dell’Assemblea dei Tre Stati, un piagnisteo unico). Due modi diversi di fare del vittimismo.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: