Linea d’ombra


Finita la lunga stagione delle vacche grasse ecco che il paesaggio valdostano assume nuove sfumature. I colori non sono quelli dell’arcobaleno, più prossimi ai grigi e ai neri delle ombre. La Corte dei Conti finalmente atterra all’aeroporto di Aosta, una delle grandi opere che avrebbe dovuto dare impulso turistico ed economico alla Regione e che invece si è trasformata in un buco nero dove i soldi una volta catturati non sono più usciti, non nel senso dell’interesse collettivo. Il mondo agricolo che dovrebbe essere il fiore all’occhiello di un territorio come il nostro, fornisce di sé un’immagine sempre più opaca. Con le Fontine adulterate, i contributi intestati a persone senza partite Iva agricole, gli animali maltrattati e quelli contaminati, le truffe varie ai danni della Regione, il settore contraddice ampiamente la retorica romantica che aleggia ancora sul mondo contadino. La classe politica è al capolinea di una gestione allegra dei soldi pubblici. La cultura sempre interpretata come un bacino clientelare fra gli altri. La ‘ndrangheta una sede fissa tra i favori degli amici potenti. La mafia locale che incancrenisce il tessuto sociale… Il quadro complessivo che ne esce fuori è un intrico di linee spezzate, incomprensibile ai più. Ma che hanno la stessa origine nell’ignoranza. Una ignoranza primitiva fatta di avidità e paura.

Annunci
Explore posts in the same categories: 'ndrangheta, Affari, Analisi spicciola, Critica, Cultura morta, Degrado morale, Favori, Folclore valdostano, Mala politica

Tag: , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

2 commenti su “Linea d’ombra”

  1. Nemo Says:

    La stessa ignoranza che consente ad una grande impresa della bassa valle di accaparrarsi tutti i grandi lavori disponibili perché (pare) “qualcuno” molto in alto a palazzo ne è socio occulto. Pare anche che sia il solito segreto di pulcinella ma chi dovrebbe controllare/indagare si guarda bene dal farlo.

  2. Il Pretoriano Says:

    @Nemo
    Tutti dicono, sanno, pontificano, bisbigliano nei bar (ed in Valle sono tanti…i bar!) sul socio occulto del Palazzo. Ma se sanno o hanno prove perché non parlano? Attenzione, perchè va a finire che prima o poi saranno accusati dalla Magistratura competente perché ” non potevano di non sapere..! “Esposito docet”.
    E allora, chi sa, non gli resta che fare una passeggiata in Via Ollietti e depositare una dichiarazione spontanea, facendo les noms e les cognoms e fare finalmente luce su questi brutti ultimi 30 anni della real politique valdotaine.

    Poudzo aux amis valdotains e calabrais…!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: