I soldi fanno l’anima


Secondo il novello unionista, Leonardo La Torre, l’autonomia è in “primo luogo una categoria dello spirito. Il suo fine ultimo è quello di aumentare gli spazi di libertà per i valdostani.“. Cioè noi siamo autonomi perché c’abbiamo l’anima autonoma. MA… “non possiamo tuttavia prescindere dalla disponibilità delle risorse economiche e finanziarie necessarie per perseguire tal fine.” Cioè l’anima senza un corpo ben nutrito non conta un cazzo. Davvero un pensiero mistico quello riportato sulle pagine del Peuple a firma del consigliere multicolor. Secondo l’ex Fédération la nostra immacolata anima sarebbe aggredita dallo Stato cattivo. Cioè Roma comincia ad averne due balle di contribuire al nostro mantenimento. Dunque, sollecita La Torre, occorre contrastare con forza e possibilmente compatti il diabolico disegno che macchierebbe la nostra innocenza. Come? Le modalità operative da condurre contro il Nemico numero uno e suggerite dal rivoluzionario-sognatore sono ridicole e non trattengono le risate. Ve ne riporto qualcuna: “Intraprendere una mobilitazione inaudita e clamorosa della nostra comunità che, per forza, estensione, parole d’ordine e dignitosa compostezza, possa bucare l’informazione nazionale e internazionale!” Uhaaaa uhaaa uhaaaaa! Noi quattro gatti vissuti nell’opulenza senza sviluppo dovremmo attirare l’attenzione internazionale? Leggete ancora: ” Contribuire a creare una corrente di simpatia nazionale, ma soprattutto internazionale, nei confronti di una piccola regione che si vede schiacciata e violentata nella sua identità dal ritorno di fiamma di un cieco e burocratico centralismo.” Valle d’Aosta come il Tibet e Roma come Pechino! Uhaaaa uhaaa uhaaa e chi sarebbe il nostro Dalai Lama? Joseph Rivolin? Leonardo sul giornalaccio di partito si è lasciato andare all’entusiamo. Immagina una nuova Révolution des Socques. Tutti in piazza appassionatamente per portare davanti alle telecamere di mezzo mondo la nostra appartenenza, la nostra tanto amata identità. Tutti abbracciati intorno alla bandiera rossonera a intonare le lugubri note di Montagnes valdotaines per difendere i nostri soldi romani, pardon, la nostra anima. (Qualcuno sa dirmi che tipo di eccitante prende quotidianamente La Torre?).

Annunci
Explore posts in the same categories: Alcoolismo, Delirio, Domande, Folclore valdostano, Identità, Politica valdostana, Risate, Uomini politici

Tag: , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

11 commenti su “I soldi fanno l’anima”

  1. bruno courthoud Says:

    off-topic, patuasia mi perdoni.. A Joseph Rivolin, ideologo e storico, consiglio di informarsi meglio sull’origine del cognome Louvin in val di Rhemes (ultimo numero del Messager, appena uscito). A uno dei vari Louvin propongo di porvi rimedio. Se no provvedo io. Mia nonna, “bochacia” anche lei, (battezzata Alban), mia grande maestra di vita (terza elementare di paese), mi ripeteva sempre: “la carta si lascia scrivere”, anche da un qualsiasi leonardo la torre, purtroppo.

  2. exit paul Says:

    Povero La Torre, ridotto a comico da avanspettacolo.
    Su basi del genere, che provi a chiamare i valdostani in piazza. Anzi, fa un po’ freddo: che li chiami tutti al “Villettaz”, il martedì mattina.
    Vedrà, che con un condottiero pieno di ideali come lui, ci sarà ancora qualche tavolo libero.

  3. Gelindo de Cogne Says:

    Il Villettaz…ecco un pilastro dell’autonomia!

  4. roberto mancini Says:

    Ma poveraccio!
    Povero ascaro!
    Ma che gli fanno scrivere i bwana rossoneri per fargli guadagnare il suo tozzo di caviale e champagne….

  5. paolo fedi Says:

    L’accostamento Rivolin – Dalai Lama è stupendo! Grande Patuasia

  6. Elio Says:

    La révolution des socques bisognerebbe farla contro coloro che mi fanno vergognare di essere valdostano.

  7. Geronimo Says:

    Ma il Nostro non ha mai parlato con qualcuno di fuori per sapere cosa pensi della Valle d’Aosta? Se va bene siamo considerati dei privilegiati (e non sanno tutto). Mi sembra come quando Belusconi invoca a sua difesa la Corte europea di giustizia. Da ridere: chissa come sarebbero preoccupati in Europa dei diritti del signor B. e insieme come sarebbero angosciati delle sorti della Valle d’Aosta, oppressa da Roma ladrona (9 su 10 ci riderebbero dietro, i famosi 9/10).
    Ma facciamola pure questa grande campagna pubblicitaria, nazionale e internazionale. Ma non lamentiamoci poi degli eventuali risultatati. Di una torre dei Balivi forse abbiamo bisogno, ma di un Latorre no.
    E lasciamo perdere il bar Villettaz, non ha nessuna o quasi colpa.

    PS Mi sembra come la raccolta di firme inviata in Europa per tenerci i buoni di benzina (che l’Europa cattiva ci voleva togliere).
    Invece i buoni sono stati tolti, confermando la vocazione anti valdostana dell’Unione europea.
    Ma solo i buoni di benzina sono stati tolti ai valdostani, perchè mi sembra che i soldi (attraverso il famoso meccanismo dei 9/10 – per cui le tasse riscosse in loco rimangono in questa pecentuale alla Regione) con il fatto che le accise sul costo della benzina (leggi tasse) che sono oltre il 60% del costo rimangono, se non ai valdostani, alla regione.
    Che bontà sua eroga (forse ancora per un pò) il “bon chauffage” che vale però, in soldoni, più o meno un decimo del valore dei buoni, il cui importo quasi intero rimane nelle casse della regione e non nelle tasche dei valdostani.
    Alla faccia dello spirito dell’autonomia e lo spazio di libertà dei valdostani!
    Confondere cittadini valdostani con Governo regionale può esser fonte di contraddizione e di involontaria comicità per chi ne parla.
    Ma di sicura incazzatura per chi la subisce.
    Geronimo

  8. roberto mancini Says:

    Léonard La Tour, genere méli-mélo, forse propone di omaggiare turisticamente (ehm…) altri giornalisti?
    Non è bastato lo scandalo di Lavoyer/Monica Setta e Franca Cosentino?
    Oppure di acquistare spazi pubblicitari sui media, naturalmente con denaro pubblico?
    La Tour in versione Borghezio (“Europa delle regioni”) potrebbe darsi fuoco di fronte a palazzo Charlemagne.
    Il bonzo valdostano attira radio-tv e giornali ….
    Sul credito a queste minkiate da disperati peseremo Renzi e renziani.

  9. catone (cato censor) Says:

    Ma Leonardone la tour non lo sa che l’Insurrection des Socques (anzi le TRE insurrections des Socques) erano movimenti reazionari, di destra e clericali? Povero Leo… si legga un Bignami di storia valdostana, va!

  10. bruno courthoud Says:

    Quando leggo certe affermazioni fatte da La Torre o dell’Aquila, valdostani (?) dell’ultima ora, che molto probabilmente dei valdostani e della Valle d’Aosta conoscono solo gli stereotipi che circolano, mi vengono i brividi. Quando poi li vedo abbracciare l’ideologia UV per motivi non comprensibili e non giustificabili, se non per l’unica ricerca di visibilità, e questa accoglierli a braccia aperte, i brividi raddoppiano. Per quanto riguarda il voto europeo, NON abbiamo bisogno di NESSUN rappresentante in Europa e personalmente andrò alle urne per contrastare questa pretesa assurda. Ripeto: NOI, valdostani da sempre, non abbiamo bisogno di NESSUN rappresentante in Europa.

  11. roberto mancini Says:

    Cato Censor,
    lei è la consolazione della mia vecchiaia!
    Ho passato gli anni a sacramentare, dicendo ( e scrivendo) che i Socques erano l’equivalente valdostano dei lazzari di Fra’ Diavolo, che sterminarono la Repubblica Partenopea.
    O, più modestamente, dei vandeani clericali.
    Dunque che di loro ci si doveva profondamente vergognare, altrochè celebrarli!!
    Pensi che la Sinistra valdostana ci ha messo 40 anni a capire e a reagire contro questa sbobba propagandistica.
    Voglio la mia mamma…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: