Il valdostano!


Il consigliere regionale del M5s, Stefano Ferrero, invitato al Congresso dell’Union, espone il suo intervento in francese e in patois. Più valdostano dei valdostani.

Explore posts in the same categories: Chiarezza, Dibattito, Folclore valdostano, Narcisismo, Politica valdostana, Propaganda

Tag: , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

9 commenti su “Il valdostano!”

  1. roberto mancini Says:

    Se si accetta che l’essenza della cittadinanza sia l’appartenenza etnico-linguistica, si accettano i presupposti dell’ideologia identitaria unionista.
    Quindi spero che la paraculata di Ferrero sia stata solo un espediente di marketing.
    Pericoloso però, alla Renzi.
    Trucchi buoni per vendere prosciutti: per rendere seria la politica, meno….
    Spero che il M5S non dimentichi che qui vige il valore taumaturgico del dialetto:
    per i razzisti identitari, il dialetto serve a delimitare il territorio con muri invisibili, altrochè “ricchezza culturale”.
    L’altro nocciolo dell’ideologia valdostanista è infatti sempre stato che “basta parlare dialetto e lavorare la campagna per essere persone per bene”.
    Non conta non rubare, al prossimo o alla PA, l’importante è essere patoisants.
    La cittadinanza non è data dai comportamenti di fronte alla legge ed ai proprio simili, ma dalla lingua che parli :
    lo “ius linguae” ha sostituito lo “ius sanguinis”.
    Bossi insomma.

  2. Plucio Says:

    Bof, “when in Rome…” premesso che le lingue servono per comunicare, spiegare, condividere, che uno parli patois (quale?) e francese al congresso dell’unione mi sembra normale e dove senno’? e poi fino all’avvento dello Zio Benito e delle sue politiche in Valle si parlava in prevalenza francese, i miei antenati pur combattendo sotto la bandiera tricolore, scrivevano in francese, soltanto la generazione dei nostri genitori è stato privata del “privilegio” per non parlare delle generazioni del dopoguerra.

    Con questo “chi c’a l’ha d’lingua, el mund berlinga” Il problema, come giustamente sottolineate, non à nel mezzo, ma nel contenuto…

  3. giancarlo borluzzi Says:

    E’ possibile che Ferrero abbia usato tali idiomi quale presa per la culinaria, dimostrando di conoscerli meglio di tanti presenti al congresso.

  4. lilli Says:

    La penso come lei Sig.Borluzzi. Aggiungo che del Sig.Ferrero apprezzo la “freschezza”…quella di un frutto di stagione appena colto. In tempi di “mele. marce ” o “modificate. geneticamente”…MI PIACE!!!!!

  5. Gelindo de Cogne Says:

    @Plucio

    I miei antenati in Valle d’Aosta parlavano latino. Attendo con ansia un intervento in tale nobile lingua al prossimo Congrès.

  6. Reginaquadri Says:

    Evidentemente gli antenati di Gelindo de Cogne, con molta probabilità, erano preti.

  7. Gelindo de Cogne Says:

    @Reginadiquadri

    Hanno studiato dai preti…

  8. Reginaquadri Says:

    Il latino si è evoluto in diversi parlati, ma é lingua orale morta già dal Medioevo. I suoi antenati avranno imparato dal prete a pregare in latino, ma a parlarlo dubito

  9. Gelindo de Cogne Says:

    @Reginaquadri

    Lo parlavano così così, esattamente come parlano il francese alcuni (buona parte?) Consiglieri regionali.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: