AAA Bruto cercasi


Così scrive il presidente dell’UVP, Alessia Favre, sul sito di partito: “E qui voglio ribadire quanto già detto, anche in occasione del nostro Rendez-vous Progressiste, che non siamo disposti a fughe in avanti se queste presuppongono accordi sotto banco.” Non hanno ancora deciso quali e quante poltrone assegnare ai possibili transfughi e, naturalmente, tutto alla luce del sole! “Dialogare sempre e dialogare con tutti, ma facciamo attenzione.” Che non chiedano troppo. “Non abbiamo promesso posti di lavoro, noi, non abbiamo promesso contributi, noi, non abbiamo nemmeno giurato che la crisi era una scusa, ma abbiamo promesso coerenza ed onestà. E non siamo cambiati.” Che non siano cambiati da che stavano con l’Union è più che vero che non abbiano promesso questo e quello fa scompisciare dalle risate: se vogliono governare hanno bisogno di qualche “traditore” e con che cosa lo comprano? Con gli ideali? Uhaaa uhaa! “Lo spirito di solidarietà fa parte dell’anima valdostana, lo è sempre stato. Ma che non si confonda la necessità di trovare strategie e soluzioni concrete per non far crollare ancora più a picco la nostra comunità, con il ricorrere agli “inciuci”. Union e UVP hanno la stessa anima, quindi impossibile che non siano solidali fra loro, se troveranno il giusto accordo sulle cadreghe da occupare, mi raccomando, che non venga interpretato come inciucio, ma come strategia per la salvezza della Valle! Uhaaa uhaaa uhaa! Mettono già le mani avanti! “Ricordiamoci che per ripulire il tavolo, non basta togliere le briciole (parola che purtroppo tanto si adatta alle problematiche finanziarie che la nostra Regione dovrà affrontare a breve!), ma bisogna scuotere la tovaglia.” Insomma per l’UVP è sufficiente far fuori il vecchio leone per risollevare le sorti della Regione. Viérin è il nuovo uomo del destino, quello dei “certi ideali quali la libertà, la chiarezza, la trasparenza” Quello “della voglia di cambiare e la necessità di ripulire il tavolo”. Cioè cambiare l’attuale tovaglia per sostituirla con una dal proprio armadio. Quanti saranno i Bruto? E ci saranno?

Annunci
Explore posts in the same categories: Affari, Casta, Clan dei Viérin, Favori, Folclore valdostano, Mala politica, Politica valdostana, Uomini politici

Tag: , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

2 commenti su “AAA Bruto cercasi”

  1. Gelindo de Cogne Says:

    Bisognerebbe guardare alla figura di Bruto con un po’ più di romanticismo, come fecero Plutarco e Shakespeare…

  2. Il Pretoriano Says:

    3/10/2013 ore 23:41 mio commento
    Non era una visione dettata dalla cattiva digestione, vista l’ora tarda..! Ma già si intravedeva questa “soluzione finale”. L’avevo messo in conto che tra leoni difficilmente si mangiano.! Si strattonano, si insultano, si denunciano, ma alla fine per il bene supremo della Valle d’Aosta e per i suoi (loro) interessi fanno quadrato e si rimettono insieme con la scusa di compattare i partiti regionalisti!
    Basta con questa politica asfittica che ci ha portato fin qui.! Alziamo il coperchio e che la schiuma faccia uscire tutto questo marciume che naturalmente la stampa locale (di regime) tenta invano di alleggerire e sviare.
    Li genti di muntagni non sono più “analfabeti” e sanno ragionare con la propria testa, sempre che non vengano “comprati” per un posto, un favore, così come sempre avvenuto con questa classe politica della lippa..!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: