La casta dei local-giornalisti


Ancora una volta: dov’è il problema? Il post di Roberto Mancini ha sollevato il polverone di un esercito in marcia: quello dei giornalisti locali e pare non solo loro. Dunque, il titolo della serata è volutamente provocatorio e un po’ di pepe in questa Valle bollita, non può che fare bene: “Chi uccide il TG3? E chi ha distrutto l’informazione politica RAI in Valle d’Aosta?” Ma ai giornalisti valdostani la provocazione dà il prurito e denunciano un clima di intimidazione. Un dibattito pubblico intimidisce? Il confronto intimidisce? La critica intimidisce? Beh, che i nostri giornalisti non fossero dei leoni lo avevamo capito da un pezzo, ma farsi intimidire da un match pubblico significa che del pubblico hanno paura e se hanno paura devono averne il motivo no? E’ sufficiente che si presentino ed espongano le loro ragioni! Difendano la correttezza del loro lavoro. Rispondano alle domande… . Si sentono nel pieno possesso della loro deontologia professionale? Allora perché reagire così? E poi… quali sarebbero stati gli attacchi e le pressioni rivolti alla redazione del TG3 negli ultimi tempi? Avete sentito o letto qualcosa al riguardo? Io no. E poi… se i giornalisti rivendicano, come è giusto, il loro diritto/dovere all’autonomia dell’informazione e cioè di “compiere quelle scelte informative di cui (in cui n.d.r.) si sostanzia la professione giornalistica, in quanto funzione di intermediazione tra i fatti e i cittadini.” (aostasera.it) è altrettanto giusto che ci siano occasioni in cui il cittadino possa dire la sua riguardo alle scelte informative! Il ruolo dell’informazione è delicatissimo pertanto è più che mai necessario un controllo. In questo caso abbiamo a che fare con una informazione pubblica, pagata da tutti i valdostani, ma la maggior parte dello spazio politico, il 76%, è riservato alla maggioranza. Libertà di scelta? Come dice Mancini, mi scappa da ridere!

Il divieto di scattare foto e realizzare video non lo condivido per niente, anche se immagino sia voluto per proteggere la libertà del pubblico. Meno paternalismo, please! Cari grillini, siamo adulti e vaccinati! Anche Fico la pensa così. Una contraddizione quella di invitare un garante della RAI e poi vietare le riprese. E una scorrettezza in quanto il Presidente della vigilanza RAI dovrebbe essere Super Partes e infatti ha giustamente disdegnato l’invito.

Annunci
Explore posts in the same categories: Buone idee, Casta, Confronto, Cultura viva, Dibattito, Domande, Giornalismo, Mala Educazione, Mala informazione

Tag: , , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

8 commenti su “La casta dei local-giornalisti”

  1. roberto mancini Says:

    miiinkia!!!
    Non ci saranno le telecamere?
    Non ci sarà nemmeno Fico?
    E io che mi ero fatto persino la doccia mensile per risultare più fotogenico…
    Adesso chi mi rimborsa lo shampoo?

  2. Gelindo de Cogne Says:

    Ma nemmeno più un dibattito si riesce a fare? Meno male che ci si dovrebbe sedere intorno a un tavolo per riformare la Costituzione!

  3. Frank Burgay Says:

    E’ vero che si è “adulti e vaccinati”, ma anche terribilmente fifoni. Sia mai che Rolli mi veda tra il pubblico….

  4. Gelindo de Cogne Says:

    Rolly vede e provvede.

  5. patuasia Says:

    Io credo che ognuno debba imparare a prendersi le sue responsabilità senza “partiti-protettori”. Inoltre della serata non rimarrà nulla, se è questo che si vuole il divieto mi piace ancora meno. Un’altra contraddizione dei grillini che si dicono i paladini della trasparenza. Peccato questo scivolone e la figura di emme conseguente che poi gliel’ha fatta fare Roberto Fico, disdegnando l’invito.

  6. Gelindo de Cogne Says:

    A me pare che siamo già al secondo autogol, dopo il discorso dell'”harem” delle segretarie degli Assessori…

  7. capitan Findus Says:

    Sono stato a sentire la conferenza ieri, sera attirato anche dalla presenza di Fico (poi assente).

    Per fortuna che c’era Mancini a illustrare aspetti interessanti: per il resto un’accozzaglia di cose note.

    Peccato, poiche’ il TGR e’ ormai un rotocalco di chi e’ al potere: poco a che vedere con una corretta informazione libera.

  8. roberto mancini Says:

    Grazie!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: