Chi uccide il TG3?


Riceviamo dal Movimento 5 stelle e volentieri pubblichiamo.

“Chi uccide il TG3-VdA? E chi ha distrutto l’informazione politica RAI in Valle d’Aosta?” è il titolo dell’evento che il gruppo consiliare Movimento 5 Stelle organizza per venerdì 11 ottobre 2013 alle ore 20.30 all’Hostellerie du Cheval Blanc di Aosta.
Come siamo messi in Valle d’Aosta? Lo stato dell’arte della testata giornalistica regionale RAI e delle sue scelte redazionali molto discutibili sarà analizzato, nel corso delle serata, dal Presidente della Commissione di vigilanza RAI, Roberto Fico, dal deputato del M5S, Ivan della Valle, dai Consiglieri regionali del M5S, Stefano Ferrero e Roberto Cognetta. Interverranno il caporedattore de La Stampa-Valle d’Aosta, Stefano Sergi e il giornalista Roberto Mancini.
 
 
Annunci
Explore posts in the same categories: Denuncia, Dibattito, Domande, Giornalismo, Informazione, Mala informazione

Tag: , , , , , , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

10 commenti su “Chi uccide il TG3?”

  1. giancarlo borluzzi Says:

    Un lancio di uova (di emu, beninteso!) al TG3.Vda e un sentito grazie a Ferrero e Cognetta che hanno intuitivamente dato il via alla sacrosanta iniziativa.

    Ma … ma … ma… incontrai casualmente Cognetta e gli feci presente la mia critica per il suo voto favorevole all’ingessare la Valle nel suo attuale integralismo grazie alla surreale proposta dell’intesa Stato-regione per le modifiche statutarie = nulla può cambiare se non gradito all’UV.

    Cognetta cadde dalle nuvole, non comprendendo la sua malefatta.

    Ciò premesso, come può criticare una cinghia di trasmissione del talebanismo micronazionalista quale è la Rai (con al suo interno Lucien Caveri dell’UVP ” alleato dei pentastellati) chi non afferra le finalità del principio dell’intesa cui ho fatto riferimento e che sarebbe il supporto al predetto integralismo?

    Quali informazioni può Cognetta fornire ai parlamentari grillini che, con merito ma forse anche nel burocratico ambito del voler visitare tutte le 20 regioni, vengono in Valle?
    Questi parlamentari non possono conoscere tutto, men che mai relativamente alla nostra miniregione: quali input da Cognetta che non ha focalizzato il “problema dei problemi”, tale in quanto il suo successo infesterebbe per tutto il secolo la Valle?
    So che il collegamento purtroppo sfugge a troppi…

  2. cittadinanza reattiva Says:

    Pluralismo di informazione politica è rispetto della cittadinanza; siamo una piccola regione che ha visto e vede gli organi di informazione tradizionali “proprietà” del potere di turno e non organo di informazione plurale. La rete è venuta in soccorso alla cittadinanza, purtroppo una ancora un’ ampia fascia di cittadini, per motivi culturali e tradizionali, raccoglie informazioni solo dal TG3vda – allora è necessario Reagire con determinazione .

    Un solo appunto al primo commento i grillini ci pare che non abbiano stretto alleanze con nessuno, appoggiano idee, mozioni, interpellanze e interrogazioni che la democrazia partecipata, strumento principe di azione del Movimento, da mandato di condividere e/o appoggiare.

    Lo sappiamo che sembra strano a chi vive il concetto di politica tradizionale ma i consiglieri M5S portano le istanze della cittadinanza militante e non rappresentano il volere personale dei dei singoli rappresentanti nelle istituzioni.

  3. Sully Says:

    Le parole si lasciano usare ed il cittadino reattivo le usa per farci credere che i grillini in Consiglio regionale non fanno politica tradizionale; libero di affermarlo, naturalmente, ma mi spieghi qual è la differenza tra la firma di Chatrian e quella di Ferrero sotto una mozione

  4. Steve Rogers Says:

    Pare che il signor Caveri, non pago del munifico incarico presso la sede Rai Vda, stia tentando di mettere le mani sul gruppo radiofonico TIR – Reporter – Club. Utilizza, come già fatto in passato, l’arma della diffamazione. Se l’è presa in particolare con alcuni speaker (Due di Picche e Bob Sinisi) colpevoli di non essere allineati.

  5. cittadinanza reattiva Says:

    Sully,
    te lo spieghiamo volentieri; la firma di Stefano Ferrero o di Roberto Cognetta compare solo se la base militante da’ mandato, ai loro rappresentanti, di sottoscrivere condividendo la linea e l’agire politico di quel momento.

    Questa è la differenza. – grazie Sully – per averci permesso di spiegarlo chiaramente.

  6. Nemo Says:

    @Steve Rogers Mi pare che certe azioni, oltre che scorrette, prefigurino un certo conflitto d’interesse. O sbaglio?

  7. patuasia Says:

    La diffamazione, arma che il signor Caveri ha usato anche contro di me.

  8. Steve Rogers Says:

    @Nemo: peraltro, fino a quando è stato consigliere regionale, aveva il suo bel programmino settimanale su Top Italia Radio. Che non gli bastasse lo spazio in Rai?

    @Patrizia: la diffamazione? Il suo sport preferito.

  9. Steve Rogers Says:

    Indovina indovinello: chi legge le news in francese sulla predetta radio?
    Al primo che risponde, in omaggio una tessera progressista.

  10. Nemo Says:

    @Steve Rogers La moglie? Nooooooo…! 😉 (La tessera non la voglio, grazie lo stesso)


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: