Museo dello spreco


Dell’areo della Nazionale di calcio sul quale aveva giocato a carte l’ex e mai dimenticato Presidente della Repubblica, Sandro Pertini, ne aveva scritto il giornale online valledaostaglocal.it

L’ormai relitto staziona da anni presso un hangar dell’aeroporto Corrado Gex. Il suo trasporto da Roma ci è costato 100.000 euro. Altri soldi buttati. Doveva diventare un museo dell’aviazione… propongo che questo aereo abbandonato si trasformi nel simbolo dello spreco in Valle d’Aosta. Che la ruggine faccia il suo lavoro e corroda il ferro. E che la carcassa diventi il più onesto ed eloquente museo della politica valdostana.

Annunci
Explore posts in the same categories: Brutto esempio, Cultura morta, Degrado morale, Degrado urbano, Delirio, Mala Amministrazione, Mala politica, Spreco, Vandalismo istituzionale

Tag: , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

5 commenti su “Museo dello spreco”

  1. Paolo Ciambi Says:

    Sull’argomento segnalo questo articolo del Comitato Aeroporto Sostenibile: http://goo.gl/rF4aCu
    Segnalo anche, solo per curiosità, che l’aereo è un DC-6B dell’Aeronautica militare, acquistato dalla Regione nel 2007 a scopi esercitativi (ma mai impiegato), che però non ha mai trasportato la nazionale di calcio del 1982, in quanto era in servizio 15 anni prima. Gli azzurri sono rientrati su un DC9 (v. http://goo.gl/2Gc3xA)

  2. uomo ragno Says:

    Forse è per quello che una squadra di vigili del fuoco è distaccata all’aeroporto. Ormai qualcosa dovranno pur inventarsi per giustificare la spesa per un mezzo antincendio di ultima generazione alla modica cifra di 800.000 euro e che una squadra di pompieri professionisti passa il tempo a tener d’occhio le partenze e gli atterraggi di alcuni alianti. Ma come sempre si resta fiduciosi di veder nei cieli della nostra Regione fior di 747 pieni di turisti che con larghi sorrisi arriveranno a riempire le casse vuote di alberghi formato maxxi.

  3. guadonelguano Says:

    Caro Cambi, aereo di Pertini o no (chi lo ha venduto alla Regione lo aveva spacciato per tale e la bufala non è mai stata smentita), lo spreco è evidente e vergognoso. Sottoscrivo la proposta di Patuasia

  4. patuasia Says:

    E non è neppure vero! Ah ah ah! Beh uno dei big nostrani si chiama Gerardo, battezzato in seguito a una colossale bufala, il Bugiardo. Si vede che ha fatto scuola o, più semplicemente, qui siamo dei boccaloni! (pieni di soldi).

  5. charlie victor Says:

    aspettiamo un commento del direttore della protezione civile valdostana…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: