Assuefatti!


Questo intervento è una questione fra amici!

Questo intervento è una questione fra amici!

Su quello che sta accadendo alla Porta Pretoria occorre che si chiarisca un concetto basilare: non si tratta di una semplice questione di gusti. La proprietà e la conseguente fruizione collettiva è altra cosa rispetto alla degustazione di un gelato o all’acquisto di un abito o a qualsiasi altra cosa che abbia a che fare esclusivamente con il piacere individuale. La Porta Pretoria potrebbe far felici alcuni se tinteggiata di rosa fragola, oppure usata da altri per farne un supporto per la pubblicità, per altri ancora potrebbe essere trasformata in una palestra di roccia unica al mondo ecc ecc. Per regolare i gusti di tutti sui beni culturali comuni occorrono quindi delle regole che nascono da alcuni principi insindacabili. In questo caso si tratta di conservare il monumento per quello che è, seguendo il principio del rispetto. Un comandamento che serve per consegnare ai posteri la ricchezza ereditata dal passato. Solo con questi presupposti si può giudicare l’attuale intervento e non sul “ c’è a chi ci piace e a chi non ci piace”. L’opera svolta dalla Sovrintendenza non valorizza, bensì massacra la Porta romana soffocandola nel cemento e nella ferraglia. L’intero complesso non è più facilmente fruibile perché disturbato dalle ringhiere e la sua vivibilità è stata ridotta a un penoso attraversamento. L’obiettivo di valorizzazione prefissato quindi non è stato raggiunto. Non ci sono giustificazioni, l’operazione è un errore abnorme dettata da ignoranza e da ingordigia. Ci vengono a dire che l’attuale progetto è dovuto ai pochi soldi a disposizione e quindi, nell’attesa di un rimpolpamento europeo, sarà temporaneo. Si arrampicano sui vetri per ammorbidire la situazione, per prendere tempo, sperando nell’assuefazione collettiva. Ci parlano di una copertura futura che consentirà la sostituzione delle ringhiere di ferro con pannelli di vetro attualmente troppo costosi a causa della loro manutenzione, ma non ci spiegano come sarà la copertura che si presume trasparente e quindi altrettanto delicata e sporchevole e costosa. Insomma ci prendono in giro come è loro abitudine. Tanto voi a questo particolare trattamento vi siete già assuefatti da tempo. Chi si indigna ancora per la soletta di cemento che ha mutato in modo radicale l’aspetto monumentale della Porta Pretoria, ora più simile ad uno dei tanti muri di contenimento stradale di cui è ricca la regione?

Annunci
Explore posts in the same categories: Affari, Archeologia, Architettura, Artisti in provincia, Chiarezza, Criminalità, Cultura morta, Degrado morale, Degrado urbano, Favori, Mala Amministrazione

Tag: , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

6 commenti su “Assuefatti!”

  1. libero Says:

    La Sovrintendenza ai Beni culturali della Valle d’Aosta sarebbe da commissariare!

  2. Il Pretoriano Says:

    Il Sig. Libero dice una cosa sacrosanta. Però prima del Commissariamento sarebbero gradite le dimissioni immediate del Consigliere Laurent Prof. Vierin (Prof. di francese! e poco esperto di Restitution) ex Assessore alla Cultura e subito (entro 5 minuti dopo!) il Sovrintendente Arch. Domaine reo come architetto di non aver saputo dire di nò ad un intervento che nulla a che vedere con i concetti basilari del restauro monumenti.
    Forza ragazzi, uno scatto d’orgoglio, dimettetevi, il Vostro passo indietro vi renderebbe più Umani e meno antipatici per il danno che avete arrecato alla comunità internazionale.

  3. bruno courthoud Says:

    In materia di Beni culturali, ai sensi dello Statuto e dei relativi decreti delegati, NON abbiamo competenza primaria (come per esempio per i Beni paesaggistici), ma solo concorrente con lo Stato. La figura del Sovrintendente NON è molto chiara, non si sa neanche bene se competa all’Assessore o al funzionario (nello Stato è un funzionario dello Stato). In ogni caso, se ricordo bene, i progetti dovrebbero essere trasmessi ai competenti uffici statali, i quali hanno la possibilità di cassarli. Sarebbe forse importante informare dell’intervento anche le autorità centrali. Anche la figura del Sovrintendente regionale è fortemente ambigua, in quanto il medesimo riveste anche la figura di coordinatore. Ma, si sa, con la scusa dello spoil’s system tutto diventa possibile. Tutta la problematica meriterebbe un approfondimento anche di tipo giuridico che nessuno ha mai voluto affrontare.

  4. Raggiodiluna Says:

    Assuefare = Addomesticare = Manipolare

    Ecco perché può capitare qualsiasi cosa e noi rispondiamo con un frettoloso “vabbè”…

    Farciti di cose inutili delle quali non possiamo fare a meno non possiamo fermarci a pensare, quindi demandiamo ad altri decisioni, gusti, volontà.

  5. Il Pretoriano Says:

    Leggiamo oggi sulla Stampa l’ennesima giustificazione del Sovrintendente Domaine sull’opera magna della Porta:
    …Trattasi di cantiere work in progression..!
    Traduzione : cazzate una dopo l’altra.
    Si dimetta per favore.!

  6. bruno courthoud Says:

    Non lo dimetteranno, in questi giorni stanno mettendo a posto l’organigramma regionale (spoi’l system). Lo riconfermeranno. Ci scommetto. Troppo prezioso per i beni paesaggistici.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: