Bello schifo!


Ci hanno restituito la monumentalità del ferro!

Ci hanno restituito la monumentalità del ferro!

Luigi Monteleone è imprenditore buffo, molto stimato dagli amministratori che di personaggi a loro simili, amano circondarsi. I risultati invece non sono buffi, ma tragici e questi ce li becchiamo noi. Leggete cosa ha detto per la Vallée Notizie: ” Bisogna partire da un presupposto ben preciso, nel senso che le passerelle non sono la cosa più importante della Porta Pretoria, poiché sono nate per valorizzare il monumento, isolandolo per proteggerlo dal contesto che la circondava, cioè asfalto, intemperie, sale invernale e umidità dal terreno. Tutto quello che è stato realizzato fino a oggi è frutto di un progetto destinato a preservare la Porta Pretoria“. Analizziamo il testo di questo luminare dell’archeologia. Secondo Monteleone le passerelle non sarebbero la cosa più importante! Davvero? A me sembra che oggi lo siano diventate: è tutto un corrimano di ferro, di putrelle gigantesche che attraversano e riattraversano l’intera aerea. La cosa più importante doveva rimanere la Porta Pretoria! E non ci volevano geni dell’ingegneria come Giorgio Bernini e Alberto Buzzi e dell’architettura come Fabio Maschio e della carpenteria come Attilio Acerbi e dell’impresa come Luigi Monteleone per raccontarcelo. Lo sapevamo già e da molti anni. Loro invece sapevano altro. Sapevano di un intervento di valorizzazione dei loro portafogli senz’altro. La Porta ne esce svilita e rimpicciolita. Rispetto al piano precedente le passerelle sono posizionate più in alto di circa 50 centimetri e questo mortifica quella monumentalità che invece doveva essere restituita (Viérin li sai leggere i progetti?). I muraglioni di cemento sono così impattanti che ce ne vuole per immaginare l’antico fasto. Passeggiare sotto le passerelle permetterà di vedere le putrelle dal basso e tutta la meraviglia di un’era antica che non si proverà è costata più di un milione di euro. Ma sono soldi europei, soldi da rubare, soldi da dare agli affezionati e della romanità chissenefrega!

Annunci
Explore posts in the same categories: Affari, Archeologia, Bruttezza, Criminalità, Cultura morta, Degrado morale, Degrado urbano, Denuncia, Disgusto, Favori, Indignazione, Mala Amministrazione, Mala politica, Persone pubbliche, Uomini politici, Vergogna

Tag: , , , , , , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

32 commenti su “Bello schifo!”

  1. capitan Findus Says:

    No, Maschio no… non ci posso credere.

    Che un “capitano di filibusta” rinomato come lui sia ancora in giro ha dell’inverosimile. Andate a chiedere in tribunale se lo conoscono.

  2. lilli Says:

    .Come possiamo fermare queste
    “BESTIE “. Non possiamo lasciare che METTANO MANO AI RESTAURI DEI NOSTRI CASTELLI. Bestie incompetenti presuntuosi . come liberarcene ?DOBBIAMO REAGIRE . È urgente !! Ma come ?

  3. catone (cato censor) Says:

    che intorno ai fondi europei girino vorticosamente affaristi e furbacchioni non è una novità. che gli architetti facciano progetti troppo “avanti” per la media della “ggggente” neppure. E che debba uscire bene in vista, a lavoro finito, più la loro megalomania che non il monumento da “restituire” , idem. E, infine, che la procura faccia orecchi da mercante, si copra gli occhi e chiuda le sinapsi cerebrali per qualche tempo infinito… bhè lascio a voi giudicare..
    Ma questa ditta Monteleone non mi risulta nuova. Mi pare averla già sentita da qualche parte.

  4. patuasia Says:

    Signor catone, mi permetto di dire che questo progetto non è brutto perché troppo avveniristico, è brutto perché è brutto! Rovina l’estetica della Porta, è fatto con materiali poveri e il loro utilizzo privo di una qualsiasi qualità progettuale che tenga in conto il contesto archeologico. E’ brutto perchè questi ponti potrebbero andare bene anche in una stazione ferroviaria o in qualsiasi cavalcavia urbano! Essere avanti è un’altra cosa. Avanti fu il Centre Pompidou a Parigi…

  5. Fierobecco Says:

    Detto molto molto molto semplicemente: ” Se fossi un turista adesso non le fotograferei più…”

  6. tagueule Says:

    @lilli
    Cosa fare? A Istanbul volevano tagliare gli alberi del parco per farne un mausoleo. Hanno occupato il parco. Stanno combattendo. Quattro sono morti. Se occupassimo la Porta Praetoriana quanti saremmo? 50? 100? Sotto i 500 vuol dire che la questione non è fondamentale e la società aostana apprezza le passerelle.

  7. patuasia Says:

    Non apprezza le passerelle, infatti se si chiede a un passante cosa ne pensa la maggior parte di essi le trova brutte. Chissà perché questa passività sociale? Se si proponesse una discesa in campo per riavere i buoni di benzina sono certa che ci sarebbe una forte mobilitazione. E’ per questa resa culturale che gli imbecilli prosperano e fanno i loro affari. La passività è complice. Io farò qualcosa, ancora non so cosa, ma farò… perché non voglio sentirmi connivente con questa scelleratezza.

  8. giancarlo borluzzi Says:

    Quanto taguele propone, relativamente ai lavori alla Porta Pretoria, è astrattamente perfetto ma concretamente un flop annunciato: i valdostani se ne infischiano di queste cose.

    Ma c’è un giudizio di fondo: le scelte delle autorità non si cambiano con le mobilitazioni, si possono al più influenzare.
    Bisogna cambiare le autorità figlie di quella roba che si chiama voto.

  9. Coglil'attimo Says:

    ..che brutta cosa! Non e’ una bella vetrina !All’arco d Augusto cosa facciamo..dei murales come Orgosolo..??

  10. patuasia Says:

    Lei, signor Borluzzi, dice il giusto quando afferma che “Bisogna cambiare le autorità figlie di quella roba che si chiama il voto”, ma anche in questo caso i valdostani dimostrano di infischiarsene. La tragedia è l’assenza di cultura e di dignità.

  11. Il Pretoriano Says:

    Siamo arrivati al punto che bisognerà cambiare tutte le informative sulla Porta Praetoria (testi, brochures, e quant’altro) con costi rilevanti immagino. Infatti, il manufatto non sarà più da annoverare nell’età romana, (fu costruita nell’anno 25 a.c.) ma risalente all’età del ferro, IV secolo a.c…!
    Pazzesco..!

  12. zazzak Says:

    Perché? Non capisco. Io non condanno a priori l’attività di un amministratore, ma sta porcheria non la comprendo. Se il discorso era usare soldi a fondo perduto, piuttosto si fossero fatti un monumento equestre a casa loro. È uno scempio, anzi no un cesso

  13. maicol Says:

    trovo che ci siano responsabilità politiche e tecniche per le scelte fatte, ma per imprese e fornitori è solo lavoro e di questi tempi è già abbastanza.

  14. patuasia Says:

    Signor maicol quanti spacciatori campano con la droga, è solo lavoro e quindi va bene? Non la penso affatto così.

  15. Il Pretoriano Says:

    Patuasia ha scritto sulla Porta Praetoria. Mai più! E allora tutti noi che abbiamo detto e scritto dobbiamo agire subito.Per coerenza almeno. Indichiamo un pubblico dibattito,invitiamo Sgarbi ed il Gabibbo,mettiamo in piazza lo scempio che stiamo avvallando tutti noi con la compiacenza di una Dirigenza corrotta e mafiosa.Le passerelle vanno smontate,costi quel che costi! E poi se dobbiamo saltare una festa millenaria per lavori,non importa. Diremo ai posteriche grazie all’imbecilita’ di una classe dirigente corrotta ed inetta la festa non fu fatta ma solo per il bene della porta praetoria e della civile comunità’ valdostana. Forza ragazzi un sussulto d’orgoglio è la porta che ce lo chiede!

  16. patuasia Says:

    Signor Il Pretoriano la sua indignazione così vitale mi riempie il cuore!

  17. homo erectus Says:

    il centre di Parigi a cui la “Signora” fa riferimento penso sia il “centre Pompidou” e non Pompidour..così… tanto per rammentare la precisione .che è caratteristica propria di Madame!!!!…….

  18. patuasia Says:

    Brazie signor homo erectus, quella r scivolata nella fretta è davvero fastidiosa. Al Centre ci vado ogni anno per affetto e per curiosità, sempre ricco di mostre interessanti e di meravigliosi ricordi, pertanto non merita da parte mia un simile affronto. Corrego subito, la pregherei solo di segnalarmi il post dove ho commesso l’abuso, grazie.

  19. homo erectus Says:

    più sopra …quì, il16 Giugno 2013 ore 22,25 ma…. non è sicuramente un “abuso” …gli abusi sono ben altro ma chère M.me!!

  20. patuasia Says:

    Violentare la lingua per me è un abuso, questione del tutto personale, pertanto la ringrazione per l’osservazione.

  21. homo erectus Says:

    considerata la buona propensione che Ella dimostra per correggere ciò che ritiene sia una violenza lessicale, la pregherei di rileggere attentamente ciò che ha affermato nello stesso “post” a cui facciamo riferimento e chiarirmi, di grazia, …..”come può un materiale (qualsiasi esso sia) contenere delle qualità progettuali ??

  22. patuasia Says:

    Nei commenti sono piuttosto frettolosa e quasi mai li rileggo, soprattutto quando sono arrabbiata: errore mio e chiedo scusa a tutti gli utenti ai quali pregherei di correggermi sempre, possibilmente senza usare il tono così astioso del signor homo erectus, ma per nulla simpatico. 🙂 Con la mia puntuale correzione chiuderei il “dibattito” che è fuori tema e vi invito a riportare la discussione sull’argomento in questione. Grazie.

  23. tagueule Says:

    @homo erectus più sopra …quì, il16 Giugno 2013 ore 22,25 ma…. non è sicuramente un “abuso” …gli abusi sono ben altro ma chère M.me!!

    Immagino che “quì” scritto con l’accento in un post sulla precisione lessicale sia una volontaria scelta di grande umorismo.

  24. patuasia Says:

    Grazie signor tagueule, io, essendo in colpa, non ho osato far notare quell’accento di troppo che, lo confesso, mi ha fatto sorridere.

  25. homo erectus Says:

    casualmente ha ragione M.me e, accenti umoristici a parte, attendo con ansia che la stessa “Signora” mi fornisca, gentilmente, i chiarimenti che le ho richiesto ieri alle 18,16..Non vorrei annoverare le affermazioni,da Ella fatte, tra quelle rese, di “fretta”, con la “colite”, facendo altresì (notare l’accento) mucchio con la quantità di ulteriori “fregnacce” che tutti i saccenti frequentatori di questo blog amano cospargere nell’aere !!!!

  26. patuasia Says:

    Quanta pazienza. 🙂 Signor homo erectus, le ho risposto nel modo migliore possibile, vada a leggere il commento inquisito. Ora però basta con questo giochetto che sta diventando noioso e non è corretto verso gli altri utenti.

  27. homo erectus Says:

    beh…. mi dispiace che Ella sia così facilmente suscettibile…….sicuramente troppo indaffarata a “sterminare” tutto quanto!!. (le sue “ottiche” restano le migliori interpreti dei Suoi più nobili pensieri). Ritengo… (e poi abbandonerò la posizione eretta e tornerò al lancio dei femori delle mie prede…tacendo, infine, per la Sua tranquillità.)..che non sia sufficiente dire che un materiale è povero (quanto è povero l’acciaio…. se Ella sapesse….) ….. e che il suo utilizzo non contenga qualità progettuali…… (per questo sarebbe stato meglio far lavorare Calatrava ??? ) per annoverare una qualsiasi costruzione nel “girone” dei BRUTTI. Le Sue esternazioni mi sembrano mal allocate e poco attinenti al senso di ciò che Ella vorrebbe, forse, fosse inteso. Tale disordine è apprezzabile anche in altra sede, dove, disturbando la memoria collettiva, si “giustifica” la Sig.ra Aulenti per essere, a Suo dire essere stata “cassata” dai Committenti incapaci di comprendere il suo progetto……
    Si decida…..ma chère M.me ( il Suo caro Centre Pompidou, all’epoca ebbe non poche critiche ed il “povero” Renzo P. ebbe modo di affermare che. ” i tubi erano un pò tanti”), non se l’abbia a male se, ogni tanto, qualcuno non è d’accordo con i pacchi di “fesserie” di cui è cosparso questo “visitatissimo” Blog.
    Grazie dell’ospitalità e ….Adieu!!!!

  28. homo erectus Says:

    beh….. evidentemente chi non è d’accordo con le grandi e stupidissime esternazioni di cui è colmo questo Blog…… viene “sgridato” e “licenziato con garbo”.. meglio così.

  29. Il Pretoriano Says:

    Cara Patuasia, oggi ho trovato il tempo per soffermarmi nel sito della Porta all’ora del solleone..! (il caldo gioca brutti scherzi per chi ha la pressione alta…!, Ma alta per l’incazzatura di vedere lo scempio sotto gli occhi di tutti, pensionati compresi che scuotono le teste in segno di dissenso, almeno loro hanno il coraggio e la dignità di dissentire!)e mi è parso di intravedere, tra i soffi del caldo gente con cartelli che protestava, con su scritto CHE SCHIFO.! Poi un alito di vento mi ha riportato alla realtà, e tutto era svanito. Mi sono appoggiato alla balaustra della passerella e mi sono ustionato..! Poveri ragazzi delle scolaresche che frequenteranno il sito in gita scolastica e poveri quei gruppi di cinesi che verranno in massa da Saint-Vincent prima di passare le serate alle sale giochi, per i quali sarà bene avvisarli del pericolo che correranno..per le ustioni che riporteranno!
    Secondo Lei, sarebbe il caso di inserire un impianto di raffreddamento a pioggia sulla Porta da implementarsi nel contratto siglato dal legale rappresentante della Regione con la Ditta Archeos? Se sì, bisognerà aggiungere una pagina al file o bisognerà fare una nuova gara di appalto…!

  30. libero Says:

    L’Homo erectus è per caso il genio creatore della mostruosità? O un suo parente o un suo amico o comunque uno che nell’affare c’è, perché è l’unico che scriva (da cani) apprezzamenti per i tubi. Fortuna che ha detto che sarebbe tornato carponi a lanciare i femori delle sue vittime, cioè i nostri femori perché noi tutti siamo le sue vittime ahimé!

  31. Pippo Says:

    Forse gli ascensori ed il parcheggio multipiano a base del Forte di Bard sono belli ? funzionali si, ma belli ? E la Soprintendenza non ha mai detto nulla al riguardo ? Dove lavoro io la Soprintendenza contestava anche il rosso degli estintori nelle sale di un museo 😦 Quanto al discorso del moderno, spesso gli architetti (come fanno ultimamente in certi rifugi alpini moderni) adottano anche scelte estetiche discutibili non per necessità ma per differenziarsi visivamente da costruzioni “tradizionali” (pensate alle fotocamere digitali, le prime non sembravano fotocamere per distinguersi da quelle a pellicola, ora che ci sono solo quelle son tornate a sembrare fotocamere). E il senso estetico torna quello degli anni 70: moderno = brutto anche se tecnologicamente più avanzato (caratteristica che il pubblico nota meno)

  32. maicol Says:

    mi premeva sottolineare la maggiore responsabilità dei decisori e con tutta la buona volontà e le migliori intenzioni chi può permettersi di rifiutare un lavoro o una commessa oggi? per uno che rifiuta ce ne sono 10 pronti a prendere il lavoro e pure sottocosto.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: