La ‘ndrangheta made VdA (2° puntata)


Questa lettera viene recapitata a mano, con due cartucce a pallettoni, nell’auto di Angelo Tropiano, fratello di Giuseppe. Il contatto avviene durante la festa dei calabresi, San Giorgio e Giacomo, ossia nel luglio 2011.

“Egregio signor Tropiano la invitiamo ancora una volta di usare il buon senso e di essere collaborativo con noi, senza farci giungere a strategie…… bellicose che le causeranno seri problemi a lei, e ai soci della sua azienda e quindi cerchi di trattare con il nostro interlocutore per telefono senza inventarsi storielle inesistenti perchè nessuno di noi potrà venire nel suo ufficio o a casa sua anzi spera che questo non accada mai perchè se verrà qualcuno di noi a trovarla non sarà certo per bere un caffè…… Badi bene che noi vogliamo i soldi il 3% trattabili su tutto l’affare sempre se tutto si svolgerà tra noi e…. aumma aumma, … comprende capisci diversamente non vogliamo più il 3% ma molto, molto di più. Le rammentiamo che oggi il sequestro di persona non si pratica più ma in teoria è molto attuale che nella sua famiglia che ci sono i suoi figlioli che sono molto vulnerabili, pensi se a una di loro capitasse un incidente o in buona sostanza lei non ha valutato neanche un pò la serietà della richiesta e delle persone che ci sono dietro. Lei ci dice di essere un pregiudicato ed allora con questo pensa di poter condizionare le nostre intenzioni o ritrovare un diversivo per non contattare il nostro interlocutore al telefono. Cerchi di non fare lo stronzo o l’infame non dia ascolto a qualcuno dei suoi compari più stretti perchè le stanno dando cattivi consigli i pallettoni quando arrivano non chiedono permesso a nessuno chiaro il concetto a lei sta a portare il valore della sua esistenza all’equivalente di due sigarette Marlboro le diciamo che con i suoi soci se la dovrà sbrigare lei e se loro non vogliono collaborare cerchi di concludere per quanto riguarda la sua quota che ai suoi soci ci penseremo noi chiaro? A scanso di equivoci il nostro interlocutore si farà conoscere sempre come avvocato Silienti e con le sue e con lui deve trattare tutto e non si inventi altri diversivi perchè non le telefoneremo più e da adesso in poi lei perderà la serenità, la tranquillità la pace a qualcosa di più caro è se non conclude questo contenzioso che ha verso di noi la salutiamo”.

La terza lettera è l’unica che non viene trovata. Ne accennano però due intercettazioni ambientali di dipendenti Edilsud (l’impresa di Tropiano, ndr), per cui gli inquirenti la situano temporalmente nel Settembre 2011.

Explore posts in the same categories: 'ndrangheta, Affari, Criminalità, Favori, Guerra fra clan, Lettera

Tag: , , , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

22 commenti su “La ‘ndrangheta made VdA (2° puntata)”

  1. roberto mancini Says:

    interrogativo da porsi:
    chi sono i “compari più stretti che danno cattivi consigli”, cui non dare ascolto ?

  2. Nemo Says:

    Forse persone per bene che consigliavano di rivolgersi alle forze dell’ordine?

  3. Bisker One Says:

    I Tropiano hanno detto “Siamo sereni”. Mah, forte senso di “déja vu”…

  4. Chidicoio Says:

    Ciò che fa rabbrividire, non nella lettera ma collegando questa all’intero blog, è che si cerchi di far passare per colpevole un uomo triplamente minacciato dalla mafia che cerca di uscirne fuori senza piangere familiari morti ammazzati. L’ho scritto già altrove, è molto facile giudicare una situazione senza esserne coinvolti in prima persona, accusando di collusione mafiosa uno che pensa prima ai suoi figli che agli articoli di giornale o alle sparate dei tribunali…

  5. roberto mancini Says:

    Sig Chidicolo,
    I tribunali non “sparano”, giudicano sulla base di fatti e prove.
    A voler sparare, senza metafore ma con prosaici pallettoni, erano altri…
    Il blog documenta non un’opinione giornalistica, ma una sentenza di primo grado di un tribunale della Repubblica.
    Attenda con pazienza e la sentenza risponderà anche ai suoi rilievi.

  6. Chidicoio Says:

    Sig. Roberto Mancini, si può ampiamente notare come lei non abbia mai avuto a che fare con i tribunali, altrimenti meglio di me saprebbe l’incongruenza tra esser colpevoli ad Aosta e innocenti a Torino, e/o viceversa, soprattutto prima delle elezioni.

  7. sully Says:

    giusto per informazione, egregio signor Chidicoio, la sentenza di cui si parla in queste pagine è stata emessa dal Tribunale di Torino

  8. roberto mancini Says:

    Sig Chidicoio;
    Non ho capito il suo ragionamento: se tra primo, secondo e terzo grado ci sono incongruenze di giudizio, come può succedere, questa dovrebbe essere una garanzia per l’imputato.
    Insomma la riprova che le sue ragioni difensive possono trovare ascolto.
    O no?
    Lei prevede un diverso esito in Appello della “Tempus Venit?”
    Se si, con quali argomenti?
    Io intanto prendo atto del primo grado, non posso fare diversamente.
    Le previsioni le lascio agli indovini.

  9. Chidicoio Says:

    La magia la lascio a mia figlia, la preveggenza agli economisti, ma se, nell’ipotesi, dovessero ribaltare la sentenza, quante lettere di scuse pioveranno verso l’impianto? 0 per caso? Perchè a sputtanare qualcuno basta un’idea, a riabilitarlo serve una crociata, e il sig. Tropiano dalla pubblica opinione è già stato crocifisso.

  10. Chidicoio Says:

    Egregio sig. Sully, lo sapevo già, rilegga le mie parole, il concetto è un altro.

  11. Chidicoio Says:

    Errata corrige: l’imputato, non l’impianto… Maledetto correttore…

  12. roberto mancini Says:

    Sig Chidicoio,
    Che dovrebbero fare i giornalisti?
    Dare la notizia solo dopo la sentenza di Cassazione, ossia dopo 12 anni circa?
    Tacere della condanna in primo grado perché in secondo la sentenza potrebbe essere diversa?
    Non dare il risultato odierno della vittoria della Juve, perchè magari domenica prossima potrebbe perdere?
    Lei ragiona in maniera strana, sig Chidicoio: se i giornali si ispirassero al suo pensiero, il Ventennio sarebbe già rinato.
    Credo che in materia Berluska la pensi come lei, il che non è un apprezzamento.

  13. Nemo Says:

    @chidicoio Non so lei ma io al posto del signor Tropiano avrei avuto solo due scelte. Pagare o andare dai Carabinieri. Lui invece si è rivolto a una cosca amica. Lei questo lo trova normale?

  14. Chidicoio Says:

    @nemo quante lettere minatorie lei ha ricevuto nella sua esperienza di cittadino? Molte immagino, e immagino lei abbia sicuramente parenti in Calabria a cui han sparato contro i muri della casa… O magari è lei ad aver sparato? Perchè invidio le sue certezze.

  15. Chidicoio Says:

    Roberto mancini, un giornalista serio espone i fatti nella loro completezza ed esattezza, non li trasla e non omette, non commenta e non accusa, in parole povere non si schiera. Legga i suoi commenti alla parte 1 di questa “inchiesta’ e ci rifletta su. Un imputato non è colpevole fino al terzo grado di giudizio, se lei non fosse schierato non parlerebbe di ventennio, ma pazienza. Fossi Tropiano, nel caso in cui ci fosse un’assoluzione, intraprenderei azioni legali contro certi ‘giornalisti’, o in quel caso sarebbe minata la leicità dell’informazione e si griderebbe nuovamente al ventennio? Ci rifletta.

  16. roberto mancini Says:

    Sig Chidicolo;
    Grazie del messaggio e della gratuita lezione di deontologia del giornalismo.
    Sul tema rifletto da tempo, e come me moltissimi colleghi.
    Qui però non si intimidisce nessuno , nè con la lupara nè con gli azzeccagarbugli.

  17. Chidicoio Says:

    Ah quindi dare del mafioso a società e persone sono fatti ed esprimere l’opinione che una cosa simile sia passibile di querela è intimidazione? Siam messi bene allora 🙂

  18. Chidicoio Says:

    Non dare il risultato odierno della vittoria della Juve, perchè magari domenica prossima potrebbe perdere?

    A me sinceramente lasciano di stucco coloro che son 6 mesi che dichiarano che la Juventus abbia già vinto lo scudetto ad ogni vittoria in campo… È lecito aver dei dubbi, ma certezze? Mah…

  19. Nemo Says:

    @chidicoio Evidentemente non mi sono spiegato oppure lei non vuole capire. Per mia fortuna non ho mai ricevuto lettere minacciose ed intimidatorie. Ma nel caso le avessi ricevute IO probabilmente per paura avrei pagato oppure, in seconda battuta, mosso da spirito civico, avrei contattato le forze dell’ordine. E’ acclarato invece che Tropiano si sia rivolto ad una cosca “amica” cercando un’intermediazione. Io non saprei nemmeno da dove iniziare nel cercare di contattare degli ‘ndranghetisti e lei? Oltre al fatto che mi pare sia reato, almeno in Italia. Ripeto, forse per lei è normale, per me no. E se gli eventuali reati sono tutti da appurare rimane l’evidenza di una mentalità non proprio trasparente nonché lontana dal corretto vivere civile. Perfetta quindi per fare affari con certa politica.

  20. Chidicoio Says:

    L’arte dell’arrangiarsi è tutta farina italiana, non c’entra la provenienza… Fino a prova contraria, la legge non impedisce a tizio di parlare a caio, che è amico di sempronio… Certo, se si contatta sempronio per un omicidio il reato è l’omicidio, non la parola. Nemmeno i magistrati sanno cosa si son detti tizio, caio e sempronio, ma sta di fatto che, per proteggere la famiglia, ogni persona con un briciolo di cervello contatterebbe anche il papa, dio o il diavolo, se servisse a qualcosa. Lei no? Io decisamente si. Ed è troppo facile dire di no non trovandosi a doverlo fare.

  21. Leinonsachisonoio Says:

    @Chidicoio L’ho scritto già altrove, è molto facile giudicare una situazione senza esserne coinvolti in prima persona.

    Signoro Chidicoio lei non riconosce all’uomo la capacità di astrazione tipica dell’essere umano. Capacità senza la quale l’uomo sarebbe un cretino che vive solo in base a ciò che gli capita. E ciò che gli capita nell’arco della vita è, normalmente, un punto invisibile nell’infinità degli eventi, dei luoghi, dei pensieri. Come dire che una donna non può giudicare uno stupratore se non è stata violentata. Un pensiero un po’ semplice. Non crede?

  22. Chidicoio Says:

    Affatto, totalmente fuori luogo questo commento. Lei può giudicare uno stupratore, ma non saprà mai cosa ha realmente subito una sua vittima, e le minacce di mafia sono la stessa cosa, o forse Tropiano è “lo stupratore”? Mah…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: