La rete fantasma


Riceviamo e volentieri pubblichiamo.

Sono un vostro lettore occasionale e a seguito del nuovo annuncio del presidente della Regione: “Con la banda larga daremo un tablet a tutti”, volevo darvi i seguenti spunti per fare un nuovo post “tecnologico”. La regione sta portando avanti il VDA Broadbusiness presentato nella conferenza stampa di ottobre 2012 congiunta tra il presidente della giunta e il direttore della società INVA. In questa fissavano un cronoprogramma per la realizzazione di una rete in fibra ottica. La prima data di cui si parlava era gennaio 2013 nella quale si doveva presentare il bando di realizzazione… non mi sembra che ci sia ancora niente di pubblico. Inoltre volevo ricordarvi, come già era apparso in alcuni commenti del vostro sito, che la regione ha già realizzato una rete wireless che copre tutto il territorio valdostano, ma questa non è mai stata resa attiva.
Il presidente della Giunta dice che il suo annuncio non è una mossa elettorale… E i ritardi del progetto della fibra ottica? E la rete fantasma? Questi se li dimentica?

Explore posts in the same categories: Chiarezza, Critica, Indignazione, Internet, Lettera, Mala Amministrazione, Mala politica, Nuovi media, Riflessione, Uomini politici, Vergogna

Tag: , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

11 commenti su “La rete fantasma”

  1. pierre Says:

    non basta la rete, ci vuole cultura per farci passare sopra le cose che servono. e su questo invece gli investimenti sono stati ridotti drasticamente.

  2. Nemo Says:

    Mi pare che la VDA fosse regione pilota per sperimentare il WiMax. Il progetto prese il via, se non ricordo male, addirittura sei o sette anni fa. Che fine ha fatto quella sperimentazione? Cultura sì ma dei propri interessi personali.

  3. Censurato Says:

    Banda larga e censura di alcuni siti, come questo, servono a poco se chi gestisce la rete poi la imbriglia a proprio uso e consumo. È un imbroglio.

  4. tagueule Says:

    Se il tablet lo dà con i suoi soldi, Rollandin, che cominci a regalarli. Prima delle elezioni. Se ce li vuole regalare dopo che è stato eletto, con i nostri soldi, allora NO GRAZIE. Il tablet me lo scelgo. Ma è solo per fare una battuta. Perché mi sa che molti valdostani lo voteranno in cambio di un tablet. Questo è il livello.

  5. sully Says:

    mezzo tablet prima delle elezioni e le batterie soltanto a risultato acquisito.

  6. Bisker One Says:

    Dopo quella della “restituzione dei buoni benzina” adesso passa a una nuova berlusconata: “un tablet per tutti”. Il berluska ha avuto tutti i voti che ha avuto grazie alla sua sparata sul “restituire l’IMU”; l’imperatore si dimostra un suo degno emulo, e purtroppo ne intorterà troppi.

  7. tagueule Says:

    Rollandin dovrebbe restituire dignità ad una regione oltraggiata dalla politica e dall’inettitudine personale, morale, professionale e intellettuale dei dirigenti dell’Union Valdotaine.

  8. patuasia Says:

    Signor tagueule, come può Rollandin restituire ciò che ha tolto? Siamo noi, valdostani e italiani, a doverci riprendere la nostra dignità, sempre se ne abbiamo ancora una, qui come a Roma.

  9. Paola Burgay Says:

    Gentilissima Patuasia, indignata dalla notizia che la regione vorrebbe dotare i valdostani di un tablet quando si parla sempre di più di tagli e chiusure nel settore dei servizi (ad es. asili nido e microcomunità) ho mandato questa mail all’assessorato ai servizi sociali della regione. Non servirà, ma sento di dover far sentire la nostra voce e non subire passivamente tutte le decisioni.

    Spettabile ufficio, tramite voi vorrei far pervenire a tutta l’amministrazione regionale questo quesito: come si fa a parlare di dotare i cittadini di un tablet quando nelle comunità montane si parla di tagli o di chiusure degli asilo nido e di tagliare le spese e a volte la qualità del cibo per gli anziani(micro di Variney ad es.) credo che il denaro dei cittadini vada speso per ciò che è veramente necessario in questi tempi . Grazie per l’attenzione. Paola Burgay

    Un saluto a tutti.

  10. pierre Says:

    mi sa che Rollandin non sappia nemmeno cosa sia un tablet, qualcuno gliela ha scritta e lui l’ha pubblicata. E’ una proposta senza senso

  11. ghinodipunta Says:

    Le tablet chez nous, sera comme le Petit Livvre rooge, un livre publié par le Présidet Mao Tse-tung, grand chef de la Republique populare de Chine ?????


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: