Mistero buffo


La politica è veramente cosa misteriosa e buffa. Dunque in Consiglio regionale Andrea Rosset, che soli pochi mesi fa insieme ai suoi attuali compagni di partito, quell’UVP nato da una costola dell’UV, aveva votato per il pirogassificatore e aveva sempre espresso parere favorevole sul sistema del trattamento a caldo, ieri in Consiglio regionale ha presentato un’interrogazione insieme ad Alpe che chiedeva quale fosse la posizione della Regione riguardo all’impugnazione della legge da parte del Consiglio dei ministri. Oggi i “ribelli” difendono il referendum.  Qualcuno può obiettare che la parte unionista-viériniana era andata a votare per il sì e quindi è corretto che oggi si senta in parte protagonista della battaglia vinta. Ma perché non ha espresso la sua posizione prima? Perché non ha preso esempio da altri politici che hanno preso le distanze dalle direttive del loro partito e hanno votato in tutta trasparenza? Perché non si è dissociata dall’invito a non andare a votare? Perché aspettava il risultato! Perché l’azione che è poi conseguita, era condizionata dal voto. Se non si fosse raggiunto il quorum Viérin, Caveri e Rosset starebbero ancora tra le fila della maggioranza a ruminare vendetta.

Explore posts in the same categories: Degrado morale, Disonestà, Elezioni, Folclore valdostano, Mala politica, Politica valdostana, Uomini politici

Tag: , , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

3 commenti su “Mistero buffo”

  1. bruno courthoud Says:

    Chissà da quanto tempo la stavano ruminando! Penso che ne vedremo ancora delle belle! Adesso il gregge non sa più dove andare. Cosa farà il buon pastore? Invocherà la protezione di San Giorgio e San Giacomo?

  2. madpack Says:

    Brivido, Terrore, ma soprattutto… Raccapriccio…


  3. Patuasia si domanda:
    – Ma perché non ha espresso la sua posizione prima?
    – Perché non ha preso esempio da altri politici che hanno preso le distanze dalle direttive del loro partito e hanno votato in tutta trasparenza?
    – Perché non si è dissociata dall’invito a non andare a votare?
    – Perché? Perchè?….

    Sarà perchè un certo dubbio inizia ad insinuarsi tra la gente, che non sembra poi così tanto peregrino? Quale? Non è, che per caso c’è un accordo sottobanco tra Uv e Uvp per indebolire “Per la Valle d’Aosta” l’Allenza che fa capo a Jean pierre Guichardaz e Patrizia Morelli? Infatti la desistenza è proprio al Senato dove c’è la candidatura unionista, mentre alla Camera si cerca di portare via voti a S.a e all’Alleanza “Per la Valle d’Aosta”.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: