Magna-magna!


Riceviamo e volentieri pubblichiamo.

Cara Pat, lo segnalo a te poiché  non so a chi dirlo. In tempi di crisi, soldi al fuoco. Alla recente festa di Santa Barbara, protettrice dei VVF, al Comando di Aosta hanno fatto la tradizionale festa: un super-pranzo a base di pesce con buon vino bianco (mi dicono diretti interessati). Naturalmente gli uffici – formalmente aperti – erano deserti: i dipendenti, cartellino timbrato, erano a far festa sin dal mattino. Quante persone… mah, 100? 200? Sono in tanti lì dentro e il clima è pre-elettorale. E chi ha pagato tutto ciò? Noi, come sempre. OK, dico io, poco male: serve pero’ un equilibrio. Propongo similmente di fare altrettanto a San Luca, protettore dei medici, organizzando un bel banchetto per ASL & co.; a San Giovanni Battista De La Salle tutti gli insegnanti con segretarie e bidelli (oltre ai dipendenti dell’omonimo comune); a San Francesco d’Assisi tutti gli allevatori, canile compreso. Alla fine la domanda: ma quanti santi ci sono?

 

Explore posts in the same categories: Disgusto, Domande, Folclore, Indignazione, Lettera, Mala Educazione, Tradizione

Tag: , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

41 commenti su “Magna-magna!”

  1. paperina Says:

    ci manca pure che i vigili non possano festeggiare santa barbara……. comunque anche quelli in servizio festeggiavano, ma con l’orecchio al telefono e pronti a partire in caso di bisogno…

  2. Manuel Says:

    Che amarezza.. e quanto pressapochismo.. Festa dei VVF non vuol dire Festa dell’Unità o del centro destra percui non saprei quale clima pre-elettorale si sia respirato.Chi parla di certe cose non credo conosca un vigile del fuoco e il suo senso di appartenenza ad un corpo che al momento di indossare quella divisa diventa FAMIGLIA. Quella di quest’anno è stata un festa diversa dalle utlime, forse diversa da tutte, molto più sentita, molto intima, ma allo stesso tempo anche più triste. Ma i Vigili del Fuoco hanno voluto così ricordare un fratello a cui piaceva sorridere e fare festa. La crisi? certo! Infatti con 5000€ si è organizzata messa, rinfresco, pranzo e giochi per 200 persone. Tali giochi a pagamento serviranno poi per autofinanziarci e organizzare la festa della Befana per 120 bambini. Inoltre gli unici che avevano timbrato erano il Vigili di turrno che oltre a preparare tutto per la festa si occupavano anche degli interventi di soccorso tecnico urgente della giornata. Per tutti gli altri, che cita il post, compresi gli amministrativi era una festività e per questo motivo gli uffici erano chiusi. Si può anche rinunciare ma chiedo solo a chi scrive certe cose di informarsi bene prima.

  3. syndic Says:

    A proposito di magna magna, ho saputo che è tradizione nelle partecipate e controllate dalla Regione, all’avvicinarsi del Natale e non solo, fare omaggi oltre che alle autorità anche a tutti i dipendenti, pagare cene e viaggi fuori valle (Oktober Fest ad esempio) a cui partecipano anche le solite autorità e i consigli di amministrazione delle società.
    Consideriamo che queste scatole cinesi girano solo grazie ai soldi pubblici, cioè i nostri , ma sfuggono alle regole imposte agli enti pubblici in materia di tenuta dei bilanci. Non avendo nessuno che controlla possono spendere e spandere e concedere livelli e bonus ai dipendenti senza ritegno.

  4. Enrico Says:

    Santa Barbara e’ un diritto sacrosanto.
    Tralasciamo cartellini timbrati e il mitico “orecchio al telefono e pronti a partire in caso di bisogno” che dopo una festa etilica lascia il tempo che trova.

    Ma qualcuno puo’ dire che non c’erano politici alla festa?!

    Benvengano le collette per famiglie disagiate e bambini: bravi.
    Bravi come tante altre realta’ dove si fa beneficenza. Non poche. Ma niente feste a carico di chi versa le tasse.

    Qualcuno puo’ dire che la festa sia stata pagata autonomamente da chi vi partecipava?

    E inoltre… non facciamo diventare tutti i VVF degli eroi come nei film americani, per favore. Chi lavora su ponteggi e tetti, semplici e meno filmici operai edili, spesso rischiano la pelle 100 volte in piu’ di un vigile… anche perche’ non hanno tutta la gestione della sicurezza che invece orbita (a caro prezzo) attorno al Corpo VVF.

    Differenza sostanziale poi la fa lo stipendio: 1000 Euro un operaio, 1.600 netti per un vigile (+ 13a e 14a?). E con che orari di lavoro?

    Non per colpa dei VVF stessi, ma… qualcuno vuole parlare dei pericolosi incarichi dei vigili del fuoco presso l’aeroporto commerciale di Aosta?
    E dei relativi costi?
    Eh?

    Suvvia.

  5. camosciobianco Says:

    … @Enrico … e come non ricordare il veicolo antincendio dell’aeroporto, costato la bazzecola di Euro 800.000,00 e che prende polvere?

  6. WF Says:

    Dai, poche storie… C’E’ LA CODA PER ANDARE A FARE IL POMPIERE!

    Chiediamoci il perché…

  7. andre Says:

    Da vigile del fuoco volontario vorrei spezzare una lancia in favore della nostra Santa patrona. Nel mio paese,ad esempio,ci autofinanziamo la festa con una lotteria e niente politici tranne sindaco e parroco. E poi non esageriamo,una volta l’anno si puó fare festa! E poi bisogna aggiungere che sono i vigili stessi,parlate pure con loro,che non vogliono passare il tempo all’areoporto.
    Evviva i pompiero di Vigiù

  8. deRrrroma Says:

    Eddaje ammettetelo. I VVF hanno magnato come i nostri politici…. e sono stati peccati con le mani ancora unte.
    Che ve stupite?!

    Tutti bravi a fare li viggili coraggiosi, ma poi davanti ad un bel piatto ricco… seguono la tradizione. Sai che sorpresa.

    Maddecheao…

  9. Lino in the wood Says:

    Enrico, nn ti sembra di esagerare attaccando cosi i VVF?quanto dovrebbero prendere mensilmente secondo te? E iniziata la guerra tra poveri?mi sembra che parli piu per invidia che altro. I vigili sono comuni lavoratori che svolgono onestamente e spesso con passione la propria professione!Gli facciamo un torto perche la loro sicurezza costa?!?!?ma stiamo scherzando? Nn possiamo addossare alla base scelte politiche sbagliate o stravaganti!! @camosciobianco: il mezzo dell’aeroporto credo sia stato acquistato in rispetto della normativa, a causa del passaggio di classe dello scalo, nn credo sia uno sfizio del vigile in turno!!!Per quanto riguarda il clima pre-elettorale devo fare una considerazione: anch io ho spesso considerato i VVF schierati verso una certa direzione invece durante il referendum sono stato piacevolmente smentito, ho trovato un blocco di persone compatte nel sostenere il si incuranti dei diktat provenienti dall’alto!!!

  10. brother Says:

    Divisa, corpo, appartenenza, famiglia…dio e patria no? Meno retorica e andate a lavorare.

  11. Enrico Says:

    Caro Lino da Nottingham,

    Cio’ che dici non e’ sbagliato; almeno non del tutto. Io non ce l’ho affatto con i VVF che si guadagnano i meritati 1660 Euro, anzi. Li conosco: sono brave persone, normali.

    E son contento che si siano schierati per un SI’ fondamentale.
    Meno contento per aver loro avvallato – anche se solo con una mangiata – il gioco imposto dal sistema politico vigente: bastava dir di no a quel pranzo. Et voila’!
    E’ ora di smetterla con questo balletto.
    I Vigili, come tanti altri, sono in fondo solo vittime del meccanismo al quale non e’ facile dir di no… per “cosi’ poco” (un pranzo).

    Poco, poiche’ e’ con poco che ti comperano.
    E tant’e’… e’ poco che vali.
    Medita. E’ facile, puoi.

    La mia non e’ invidia: e’ totale disappunto! Usiamo le parole giuste, per favore.
    Ci sono tanti dipendenti NON pubblici, tanti professionisti non collusi che sudano piu’ del calore del fuoco per arrivare a fine mese; essere un dipendente pubblico e’ un Bengodi oggi: soldi sicuri, subito e sempre, con tante tutele.
    Se solo i dipendenti pubblici iniziassero a ribellarsi al sistema politico, allora ne usciremmo piu’ in fretta da questa melma puzzolente venduta per Chanel.
    E – tienti forte – forse un po’ ci siamo: qualche vigile del fuoco in effetti non ha partecipato alla magnata. Per favore, sorprenditi!
    Io rispetto MOLTO quei pochi. Pochi, pochi… che costituiscono un precedente. Mica male!

    E ora apri gli occhi anche sull’aeroporto: e’ un giochino simile all’inceneritore, solo meno visibile.
    Qualcuno ti ha detto quanto e’ costato sino ad oggi? Comprese le opere annesse? Comprese le consulenze? Compresi gli stipùendi inutili (compresi quelli dei VVF che volenti o nolenti sono li’ a non far nulla assieme a tanti tanti altri)? Tutti pagati da noi, da te compreso.
    E hai idea di quanto costera’ ancora? Una follia.
    E per che cosa? 28 passeggeri annui?!
    SVEGLIA SCERIFFO.

    Hai idea di quanti “pranzi” vengono gentilmente offerti ai vari gruppi, amici, CDA, dipendenti, amici degli amici, sino a giungere a Cosa Nostra? Hai idea del totalone generale di questo piccolo spreco (piccolo paragonato ai costi generati dai politici, ma in effetti vien fuori un bel numerino in Euro, sai?!)?

    E infine, siccome c’e’ stato gruppo compatto per salvare la pelle nostra (e loro) anche da parte dei VVF, allora forse c’e’ speranza: qualcosa sta cambiando davvero.

    Se tutti smetteranno di accettare di essere comperati, allora la valanga di m****a travolgera’ davvero la classe politica che ci malgoverna.
    E poi, solo poi, si potra’ finalmente ripartire.

    Tu, da che parte stai?

    – Enrico

  12. Manuel Says:

    @Enrico: Tralascia le due cose fondamentali a cui si riferiva il post poi al resto le rispondo: in timbratura, ed ho già puntualizzato, gli unici erano i turnisti come un normale giorno lavorativo e inoltre può stare tranquillo che chi di partenza non ha festeggiato “etilicamente”, è chiaramente vietato! Al resto posso tranquillamente rispondere: i politici erano solo presenti alla messa e al discorso che il comandante fa abitualmente citando i numeri degli interventi annuali e delle attività in genere. Il budjet è prestabilito in un capitolato di spesa a inizio anno; ciò che viene stanziato viene decurtato da un altro capitolato spesa per il vestiario. Al pranzo non c’era nessun politico se è questo che la disturba. Nessuno ha mai fatto apparire i VVF come degli eroi americani perchè mi creda, essere eroi è l’ultima cosa che un vigile vuole essere. Nessuno ha mai detto che l’operaio edile o operai che lavorano sui ponteggi non rischino o che non meritino di più di stipendio tant’è che ci sono parecchi ex operai di questo genere nel corpo che sono fondamentali in caso di interventi in zone terremotate. Ed è anche interessante leggerela: “la gestione della sicurezza che invece orbita (a caro prezzo) attorno al Corpo VVF”; mi piacerebbe sapere cosa intende per caro prezzo perchè scritta così fa veramente paura. Il vigile è parificato ad un operaio (B2 regionale), si aggiungono le indennità notturne, festive, di rischio e bilinguismo.La tredicesima nessuna quattordicesima. I turni sono 12 (giorno) lavoro – 24 riposo – 12 (notte) lavoro – 48 riposo in maniera perpetua. Infine discorso aereporto: la giunta Caveri aveva deliberato sull’ampliamento dello stesso e sulle dotazioni antiincendio in ottemperanza alle normative ICAO. Il mezzo acquistato contiene l’estinguente necessario in base a queste normative così come la presenza di un certo numero di vigili. Ma ora mi dica.. cosa c’entra tutto questo col voler festeggiare Santa Barbara? Ha ragione Lino.. su tutto..
    Saluti

  13. patuasia Says:

    I VVF sono lavoratori come gli altri giusto! Allora perché mai dobbiamo loro pagare la festa? Che la facciano e che se la paghino. Sono finiti i tempi delle vacche grasse e tutti dobbiamo tirare la cinghia quindi chi festeggia paga. Più che mai un corpo che dovrebbe essere d’esempio.

  14. Alessio Says:

    E’ bello vedere che in tanti hanno postato e, quasi tutti correttamente. Conosco molti vigili del fuoco, anche troppi, ed è risaputo che le raccomandazioni per entrare a farne parte si sprecano. Così come si sprecano i doppi lavori, per occupare il tempo libero. Il posto al casinò ha perso appeal a favore della Cva, del vigili del fuoco, dell’Inva ect. Personalmente, rispetto molto chi per professione aiuta gli altri, anche a rischio della propria salute, però è grave vedere che non si trova copertura per tante spese mediche, ma poi si hanno a budget feste. E’ l’etica che si è persa, come ad esempio vedere Monti e signora, recarsi oggi alla scala, con enormi costi di ordine pubblico, proprio mentre agli italiani si taglia di tutto, salute, scuola, pensioni, però andare a teatro in veste politica è inderogabile… Che nervi !!!

  15. Lino in the wood Says:

    Manuel ha risposto per me.. In merito al discorso aeroporto lo SCERIFFO è ben sveglio!!! Sono il primo ad essere contro l’inutilità di una struttura cosi sovradimensionata ma che c entrano i VVF in tutto questo? La legge prevede tot personale in servizio per quella determinata categoria di pista e loro son li per servizio, niente di piu. Boh, nn capisco tutta questa polemica…

  16. Paul Says:

    Ste partecipate e controllate sarebbero da dismettere e liquidare immediamente!
    in sti tempi di crisi sono una vergogna, considerando anche che hanno un vero e proprio bilancio parallelo a quello regionale….
    qui avvengono i più grossi sprechi e le più grandi porcate, pensiamo solo alle migliaia di persone, ovviamente raccomandate, assunte senza uno straccio di concorso o al massimo con un “concorso fittizio” … i soldi pubblici detenuti da queste società sono fuori da ogni controllo, quindi possiamo solo immaginare ciò che vi succede all’interno (e Syndic ci ha fatto qualche esempio…).

  17. Cesare Borgia Says:

    Il contestare in maniera tanto forte la spesa per una festa molto sentita dai vigili ha principale effetto quello di distogliere l‘attenzione dai veri sprechi. Alcuni di questi li abbiamo già segnalati in queste pagine (siti web strapagati, studi di fattibilità, analisi sulla valorizzazione strapagate, ecc.)
    Concentriamoci su queste, non su un pranzo che agli occhi di molti elettori non appare come uno spreco eccessivo.

  18. Cesare Borgia Says:

    Concordo con chi parla di partecipate. Andate a vedervi gli stipendi sui siti (iniziate da finaosta).
    C‘è gente che guadagna più di molti capi di governo……

  19. Gundulfo de Candia Says:

    Riassumo: se vogliono festeggiare lo facciano ma paghino con i loro soldi non con i nostri. Lo stesso vale per le altre categorie a gestione diretta dei politichiens.

  20. Paperina Says:

    Mamma mia… quanta invidia.. Si sono sprecate parole e parole su un misero pranzo.. e nemmeno una sul fatto che quest’anno quei fagnan dei vigili (e speriamo non dobbiate mai avere bisogno di loro) hanno voluto dedicare Santa Barbara ad Erik Mortara… Ma pensate ai problemi veri va…

  21. Iron Says:

    Spero che non dobbiate mai avere bisogno di queste persone che rischiano la loro vita per salvare quella altrui (potrebbe anche essere la vostra o quella di un vostro caro), andate a cercare gli sprechi dove realmente ci sono.
    Hanno una caserma a dir poco fatiscente facciamogli almeno “festeggiare” il loro Santo Protettore senza sollevare sterili polemiche.

  22. camosciobianco Says:

    …@Lino: i Vigili del fuoco non hanno colpe per il veicolo antincendio dell’aeroporto, ma i politici sì. La decisione di allungare la pista e di costruire un’aerostazione è stata presa in Consiglio, o meglio, in Giunta.

  23. FtW Says:

    “Piccolo pranzo”… al di là del fatto che se é stato pagato con soldi pubblici E’ UNA VERGOGNA, COMUNQUE!

    Ma ipotizziamo 2 conti (stando bassi): 22 € pranzo con pesce, 3 € catering, 2 € vini, 3 € noleggio/montaggio/smontaggio struttura = 30 € a persona.
    Tra 100 3 200 persone …facciamo 150 x 30 = 45.000 € !!

    Questo E’ un problema vero.

  24. Paperina Says:

    Ftw: rimangiati la bile
    Non hanno speso 45000 euro tranqui

  25. patuasia Says:

    Mi sembra che il problema stia scadendo in sterile polemica. Dunque, nessuno mette in discussione l’importanza del lavoro dei vigili del fuoco, anche se preferirei una minor demagogia sull’argomento: tutti i mestieri hanno un aspetto eroico persino fare il casellante dell’autostrada, quello che si voleva mettere in luce era l’opportunità, in tempi di crisi nera e di grande disoccupazione, di investire una qualsivoglia somma di denaro pubblico per organizzare una festa. Secondo me no. E soprattutto questa festa che è di un corpo che, simbolicamente, dovrebbe essere solidale verso i problemi altrui. Rischiare di perdere la vita sì e rischiare di non fare una festa no? E’ un paradosso non vi sembra?

  26. Aiuto Says:

    Marco vierin ha festeggiato tutto il giorno con loro…quindi per cortesia non raccontiamo frottole!!!che schifo…complimenti ai vigili che si fanno pure prendere in giro da quell’essere!!a pensate che il buon assessore vierin sia stato li a festeggiare perché ha tanto rispetto di voi e del vostro patrono o solo ed esclusivamente perché tra 5mesi ci sono le elezioni regionali???!!!che schifo!!!

  27. Aiuto Says:

    Vorrei sapere i nomi degli altri politici che hanno partecipato a questo magna magna…qualcuno li conosce??

  28. Iron Says:

    Prima di sollevare alcune polemiche bisognerebbe per lo meno documentarsi, si eviterebbe di “insultare” inutilmente persone che si guadagnano lo stipendio lavorando.

  29. Cesare Borgia Says:

    Volete capire che accanendosi sulla festa di Santa Barbara si fa il gioco dei politici che stanno all’attuale governo.

    Ho fatto la somma degli stipendi lordi dei dirigenti di Finaosta ed è pari a ca 1.195.000,00 (e sul sito ne mancava pure uno).

    E questo non è il costo del lavoro (per quello bisogna aggiungere i contributi).

    Se tagliassimo dello 0,3/0,4% gli stipendi di questi dirigenti abbiamo i 4.500 euro (e non quarantacinquemila) che servono per il pranzo.

    E lo stipendio dei dirigenti non è lo spreco più grosso della partecipate.

  30. patuasia Says:

    Magari, signor Borgia, sarebbe più opportuno devolverli per qualcos’altro. 🙂 Ho come l’impressione che i VVF siano per molti una categoria protetta, tipico da italiani che ancora amano le corporazioni. In ogni caso non si vuole comprendere la questione, quindi per non scadere nell’inutile polemica direi di chiudere l’argomento. Grazie a tutti.

  31. Cesare Borgia Says:

    Forse sono stato frainteso.

    Non mi sono mai piaciute pranzi e cene pagate con il denaro pubblico.

    Mi è stato riferito che pochi giorni fa in centro ad Aosta c’era una cena pagata dal contribuente per tante persone.

    Con un po’ di fatica (il motore di ricerca del sito regionale non è molto d’aiuto) ho visto che c’è stato un bel magna magna per 55 persone al costo di 2750,00 euro.

    Potete guardare qui:
    http://www.regione.vda.it/amministrazione/atti/ui/documento.aspx?vis=vis&tipo=d&id=31885

    Se proprio devo iniziare a criticare pranzi e cene iniziamo da questa e altre simili.

  32. patuasia Says:

    Signor Borgia credo che ci sia una differenza sostanziale fra un buffet di lavoro e una festa. Voglio evitare derive dal momento che qui non si è capito il senso della discussione. Ripeto che l’argomento è chiuso. (Avere un ufficio di rappresentanza a Bruxelles è inutile quanto averlo a Parigi e a Roma, dovrebbero essere tolti!)

  33. Serafino Pastorello Divino Says:

    Ufficio di rappresentanza a Bruxelles??? Dio mio! Cos’è?

    Serve a qualcosa?

  34. Mistinguet Says:

    E il bello è che l’ufficio di Bruxelles è “gestito” tramite Finaosta, dunque i suoi costi non si vedono sul bilancio della Regione, quindi nessuno sa in effetti quanto peso sulle nostre schiene e nessuno si incavola.
    E’ una delle tante spese che sfuggono al controllo sia della Corte dei Conti che del cittadino, perché i costi diretti li sostiene una partecipata e quelli indiretti li sosteniamo tutti noi.

  35. Gundulfo de Candia Says:

    L’anno passato ho conosciuto a Bruxelles ad una riunione della Commissione Europea DG/ECHO un funzionario dell’ufficio di rappresentanza della valle d’aosta accompagnato da un simpatico consulente.
    Il funzionario era un simpatico e giovane ragazzo calabrese catapultato li da chissà quali meccanismi, mentre il consulente, un signore francese sulla cinquantina, non parlava una parola di italiano (e fin li passi) e soprattutto masticava malissimo l’inglese (unica lingua parlata in Europa).
    Il suo intervento è stato un pò strampalato e ha messo in luce (almeno per chi conosce la valle d’aosta) quanto poco questa persona sapesse della piccola regione transalpina che lo paga(va?) per rappresentarla alle riunioni di coordinamento.
    That’s Aosta..

  36. Luca polo Says:

    Non vi rispondo perché sul serio non sapete quello che dite

  37. Luca polo Says:

    E mi spiace che chi non conosce come sono le cose sbagli per il 90% di cio’ che pensa o immagina, proprio perche’ non sa. mettete i vostri nomi per uno scambio vero e leale che servira’ anche a voi. Se tutti voi sapeste non la pensereste così.

  38. patuasia Says:

    Signor Polo noi non sappiamo quello che diciamo, ma lei si guarda bene dal comunicarcelo. Ci dice solo che sbagliamo, ma in cosa? C’è stata una festa dei VVF? Sì! E’ stata pagata con i soldi pubblici? Sì! La domanda che è nata su questo blog è semplicemente una: è opportuno oggi, tempi di crisi nera e con un tasso di disoccupazione molto alto, finanziare con risorse pubbliche le feste dei patroni, in questo caso di santa Barbara, patrona di un corpo che ha fatto della solidarietà il suo tratto distintivo? Nessuno di voi qui e su FB è entrato nel merito della questione, ma si è lanciato nella difesa del corpo come se questo fosse stato criticato in sé, cosa che io non ho fatto, anzi ho espresso la mia stima (peraltro oggi appena compromessa viste le reazioni elementari e infantili di molti). Tutti a inneggiare alla retorica dell’eroismo e del sacrificio che nessuno mette in dubbio, virtù che io mi sono permessa di espandere anche verso altre professioni. E questo evidentemente dà fastidio perché certe virtù appartengono solo ai VVF e non posso non notare, in questa difesa a oltranza e priva totalmente di autocritica e di riflessione su un quesito posto dai cittadini, come l’arma in oggetto sia chiusa in se stessa, sia una corporazione del sacrificio intoccabile. A cui non si possono rivolgere domande. E con questo chiudo. Grazie a tutti.

  39. pierre Says:

    C’è stato un pranzo? Sì. Pagato dall’amministrazione? Sì. Tale spesa è da considerarsi uno spreco? Secondo me, no. Ci sono decine e decine di spese di rappresentanza, rinfreschi, manifestazioni varie, a cui partecipano quasi quotidianamente politici e dirigenti. Offrire una volta all’anno un momento di festa ai dipendenti non mi pare sinceramente così scandaloso, soprattutto se l’entità della cifra è quella indicata.
    Se poi si vuole attaccare sempre e comunque su tutto, va bene.
    Ma mi sembra che qui siamo veramente alla guerra tra poveri.

    P.s. non sono VF, nè effettivo nè volontario.
    E sono dipendente regionale.

  40. Luca Says:

    Semplicemente ho detto che chi scrive, e non in particolare Patuasia, ma quasi tutti gli altri, non sanno di cosa parlano, hanno poche informazioni e ben confuse. In questo periodo di crisi e’ vero che bisogna stare attenti a ciò che si spende ma le assicuro che mai come quest’anno la festa di Santa Barbara e’ stata importante x tutti noi, per la famiglia di un collega, per dare importanza alla cerimonia nella quale ci è stato confermato che la caserma verrà proprio dedicata a lui. Quindi accetterò tutte le critiche per la nostra “indifferenza” al problema della crisi non quest’anno!
    Problema che le assicuro mi tocca da vicino e nel profondo…
    In oltre non credo nell’eroismo di cui si parla ma le assicuro che “ad ognuno il proprio mestiere”, e chi vuole capire ha capito a cosa mi riferisco.
    Luca

  41. tagueule Says:

    @Luca
    Guardi, io credo che vada fatta una lettura critica del disappunto che si è sviluppato in questo post. Giusto o sbagliato che sia. Su questo blog (come negli altri) tutti sono rappresentati: chi non sa di cosa parla, ma anche chi lo sa bene. E anche chi ne sa certamente più di lei. Capisco la sua irritazione. Ma prenda in considerazione che, talvolta, il punto di vista è migliore dall’esterno. Pensi che spesso sui blogs c’è anche chi pensa una cosa e ne dichiara un’altra per mille motivi: strategia, propaganda, calcolo. C’è chi si vuole sfogare. Chi grida “E’ scappato il leone” per vedere di nascosto l’effetto che fa.
    Io credo che nessuno volesse toccare i sentimenti che lei tira in ballo (anche lei strategicamente) in riferimento ad un ragazzo tragicamente scomparso. Ma non ho tabù e quindi credo che, anche di fronte ad una tragedia, ci siano comportamenti diversi e di questi alcuni migliori di altri. Quindi, se fosse il caso, non mi spaventerebbe continuare una critica anche di fronte al morto che lei tira in ballo. Piuttosto che liquidare tutto con “quasi tutti gli altri, non sanno di cosa parlano” fornisca la sua visione, il suo punto di vista per sostenere, senza la retorica dell’eroe, che in Valle d’Aosta il corpo dei pompieri è autonomo, immune al clientelismo, senza privilegi, meritocratico, che nessuno è pompiere perché “amico di”. Forse scopriremo che il corpo dei pompieri è sotto organico, sottopagato, che per accedervi i test sono severissimi, che i turni sono massacranti e che i pompieri vengono portati dalla popolazione di Aosta in palmo di mano grazie ad un rapporto straordinario creato negli anni. Infine, ma solo per curiosità, ma perché Patuasia saprebbe più degli altri? Cosa che sarà certamente vera, ma una ragiona andrebbe esplicitata. Saluti


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: