Sicilia = Valle d’Aosta


E’ incredibile la somiglianza fra due regioni che solo geograficamente sono distanti fra loro. Isole e autonome. La Valle d’Aosta e la Sicilia entrambe a Statuto speciale. Entrambe governate da personaggi poco limpidi, anzi limpidamente indagati e condannati (speriamo in un ricambio radicale con Crocetta). Entrambe, protagoniste di scandali e sprechi enormi, temono per la loro specificità. Caveri, uno che possiede ancora lo stupore delle anime innocenti, si meraviglia di come “lo straordinario contenuto dell’originale Statuto d’autonomia della Regione siciliana sia stato adoperato pochissimo e male, preferendo di gran lunga una larga parte dei politici siciliani pesare sulla politica a Roma non impegnandosi nel loro enorme spazio politico. Poi, in certi casi, riscoprono l’autonomismo come bandierone in cui avvolgersi, ma con credibilità zero. Intanto l’autonomia – pure così piena di potenzialità – si è spenta, diventando incremento senza limiti e risultati concreti di una spesa pubblica pazza e senza orizzonti.”. Puntare il dito sulle responsabilità altrui è facile e conveniente. Alleggerisce le proprie. Distoglie l’attenzione da se stessi. Le colpe degli altri sono una benedizione per i propri errori: forniscono un alibi. Così, secondo la poetica del fanciullino,”oggi molti tuonano contro l’autonomia speciale in generale e mirano in concreto alla Sicilia, che porterà allegramente a fondo anche le altre autonomie speciali come la nostra, accomunate dalla logica di un’abrogazione cieca e indiscriminata della specialità.” Se perderemo l’autonomia o se questa verrà mutilata sarà colpa della Sicilia! Sarà colpa del “Governo tecnico che ha umiliato il Parlamento e dunque la politica, riducendolo ad un teatrino di comparse senza alcun potere in nome del “Generale Emergenza”, oltretutto con la scelta evidente di uccidere Regioni ed Enti locali.”. Nessuna colpa viene addebitata a quel Governo che ci ha portato sul lastrico e che ha abdicato al suo ruolo perché incapace di trovare una soluzione politica alla crisi. E nessuna responsabilità viene individuata nei nostri politici che hanno governato la Regione come fosse una proprietà privata di pochissimi. Nessuno spreco di risorse, nessun clientelismo, nessuna subcultura mafiosa, nessuna dipendenza da Roma (si veda alla voce Rollandin che chiede aiuto al Ministro per poter stoppare il referendum voluto dall’autonomia!) vengono al pettine… no! Se perderemo la nostra specificità di ignoranti e spreconi sarà tutta colpa di Roma e della Sicilia!

Explore posts in the same categories: Battaglia, Degrado morale, Disonestà, Mala politica, Referendum, Spreco, Uomini politici, Vergogna

Tag: , , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

4 commenti su “Sicilia = Valle d’Aosta”

  1. bruno courthoud Says:

    Non se ne può più delle baggianate del Peter Pan nostrano. Per fortuna sono i suoi ultimi mesi in politica. Poi si dedichi, come Berlusconi, al suo sport preferito. Quanto ci è costato questo ragazzino viziato!

  2. bruno courthoud Says:

    Se gli sprechi venissero commisurati alla quantità di popolazione delle due regioni, probabilmente supereremmo di gran lunga la Sicilia. Un confronto sulle semplici quantità numeriche non ha alcun senso (questo insegnano la matematica, l’economia e la statistica).

  3. Sinistrorso Says:

    No sbagli, a loro manca un grande consigliere regionale come Raimondo Donzel che si riduce 100 euro al mese per dare il buon esempio..;)

  4. maurizio zegna Says:

    ” ognuno ha il governo che si merita” ma se il detto può venire annacquato dalla intera popolazione italiana non c’è niente di più vero e oserei dire di più colpevole degli abitanti della regione valle d’aosta. State raccogliendo i frutti degli alberi piantati esclusivamente da voi,( poche migliaia di persone ), e oserei dire sperando di non offendere nessuno, della vostra intelligenza e cultura collettiva, salvo pochissime eccezioni. Basta vedere le gestioni fallimentari degli impianti di risalita.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: