Domandina facile facile


I documenti – ha affermato il presidente della commissione Empereur – evidenziano che la tratta Ivrea-Aosta negli anni non è mai stata interessata da significativi interventi di miglioramento per cui è rimasta come in origine una linea di carattere interregionale. Al contrario, la tratta Chivasso-Ivrea ha beneficiato di consistenti finanziamenti da parte dello Stato che ha realizzato l’elettrificazione della linea”. (aostasera.it). Chissà come mai la tratta Chivasso-Ivrea ha avuto finanziamenti dallo Stato e la tratta Ivrea-Aosta no. Forse i nostri amministratori erano tutti concentrati sulla Aosta-Martigny?

Explore posts in the same categories: Critica, Delirio, Domande, Indignazione, Mala Amministrazione, Trasporti, Uomini politici

Tag: , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

6 commenti su “Domandina facile facile”

  1. bruno courthoud Says:

    Se la tratta Ivrea-Aosta è di carattere interregionale, la tratta Chivasso-Ivrea di che carattere è? Internazionale?

  2. mesard Says:

    la strategia è sempre la stessa: mandare una cosa in vacca per poi comprarla, farci i soldi con gli appalti e metterci qualche babbeo a dirigerla. Con la ferrovia fino ad ora gli è andata male.

  3. fausto Says:

    O l’una o l’altra: o fai funzionare le ferrovie o regali i soldi ai cementisti. Tertium non datur, e vedo che in Italia facciamo come sempre la scelta peggiore.

  4. Cesare Borgia Says:

    In questo articolo c’è anche scrittto che “Secondo Empereur i lavori della commissione hanno permesso di evidenziare che la proprietà dell’infrastruttura è di Rfi e che i treni sono di Trenitalia”.

    Spero che sia servita anche ad altro, perchè questa fondamentale informazione la sapevamo già tutti.

    http://www.aostasera.it/articoli/2012/11/01/24490/almeno-1-miliardo-per-la-aosta-torino-dibattito-aperto-sul-futuro-dellaosta-p-s-didier

  5. Teddybear Says:

    Empereur (e soci della commissione) hanno scoperto l’acqua calda! Continuano ad accanirsi sul fatto che il trasferimento di competenze Stato-Regione é subordinato ad investimenti che Roma deve fare sulla linea. Ma lo sanno in che mondo viviamo? Pensare che lo Stato, ormai alla bancarotta, metta dei soldi nella ferrovia valdostana equivale a pensare di andare su Marte in bici. Perché non prendersi la linea così com’è e poi pensare a una politica di interventi che non sia quella delle grandi opere ma delle opere fattibili? Ha, già, farlo capire a Marionettaz, questa sì che è fantascienza!

  6. bruno courthoud Says:

    Bella pretesa, quella di voler anche dettare le condizioni! Ma chi crediamo di essere!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: