Valle virtuosa 1 – Valle responsabile 0


Ho notato nel primo incontro dei sei previsti per la campagna referendaria che i tre invitati per il NO non avevano uno straccio di appunti in mano. Dopotutto le loro dichiarazioni sono così povere di informazioni scientifiche e così monotamente ripetitive che un pro memoria non risulta necessario. Infatti, tutti e tre i presenti sono stati spesso invitati a proseguire perché esaurivano gli argomenti prima dello scadere dei due minuti a disposizione. Esordisce Sudano con la solita nenia: noi non ne facciamo una questione politica e ideologica, ma tecnica… il resto è noia. Scegliere, se usare un pirogassificatore o un trattamento a freddo o, ancor meglio, potenziare la raccolta differenziata è questione ideologica? Secondo me è una questione tecnica che deve essere scelta dai cittadini. Ma è qui il punto cruciale: i cittadini. La “quasi avvocato”, che per incanto viene presentata come avvocato, Valeria Casali di Fédération, con una smorfietta che le piega il labbro, dice che il referendum è inutile in quanto il loro elettorato è efficacemente rappresentato. Uhaa uhaaa uhaaaa, efficientemente rappresentato? Ma se è un partito che pur predicando l’autonomia e, per ultimo, l’indipendenza ha esponenti che non riescono neppure a superare l’esame di francese! Uhaa uhaaa! Ma andiamo avanti. La Fédération, dice la Casali, è contro anche per i costi del referendum che pesano sui costi delle amministrazioni… e i costi degli stipendi e dei vitalizi dei numerosi consiglieri e assessori e presidenti non pesano anch’essi sulle spalle dei cittadini? E gli sprechi che minacciano a ragione l’autonomia non sono costi che hanno succhiato ingenti fondi pubblici? Solo quelli della volontà popolare sono costi che non devono essere sostenuti? I politici del centrodestra dicono di sì. La cosa interessante e che svela la vera preoccupazione di quelli del NO è quella che inconsapevolmente viene fuori dalla bocca schifata della Valeria: il referedum può mettere in crisi la volontà della maggioranza al governo e quindi anche il suo partito. E poi sarebbero quelli del SI che la mettono in politica? Ma andiamo avanti. Mauro Papagni del PdL preme il tasto dell’emergenza e punta il dito contro la discarica che guarda caso è stata gestita da una buona parte di questa maggioranza e sui rifiuti indifferenziati che vengono prodotti in Valle. Come se questi ultimi piovessero dal cielo e non fossero l’effetto di una politica deficitaria e superficiale. Non avendo argomenti da aggiungere Mauro termina con largo anticipo, più di trenta secondi, dicendo che tutta la fatica svolta dalle numerose associazioni che compongono il Comitato del SI è una manovra politica. Ettepareva! Concludo le mie impressioni: quelli del NO non hanno un cazzo da dire  tanto che terminano sempre con largo anticipo; quelli del SI devono essere stoppati dalle troppe argomentazioni. Traete voi le debite considerazioni.

Explore posts in the same categories: Battaglia, Futuro, Politica valdostana, Referendum, Rifiuti, Salute

Tag: , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

8 commenti su “Valle virtuosa 1 – Valle responsabile 0”

  1. tagueule Says:

    “il referedum può mettere in crisi la volontà della maggioranza al governo e quindi anche il suo partito”.
    Questo è molto importante. Qui forse c’è davvero l’occasione per mandare a casa qualcuno e cominciare un nuovo corso. Aostani: abbiamo un’occasione. Giochiamocela.

  2. tagueule Says:

    21 ottobre 2012 Corriere della Sera
    Colleferro, boom di malattie respiratorie. Lo studio «accusa» i termovalorizzatori
    http://goo.gl/mqQVc

  3. tagueule Says:

    Gasification is just like incineration except the resulting gas is captured to produce energy.
    http://goo.gl/758BH

  4. Gelindo de Cogne Says:

    La Casali forse ignora i seguenti dati: spesi 600 mila euro x rifacimento p.zza Deffeyes; 250 mila euro x rifacimento sito Lovevda; 500 mila euro x Sveart; 450 mila euro x Batailles des Reines; 1 milione di euro x Saison Culturelle; vagonate di euro per il nuovo centro fieristico; migliaia e migliaia di euro per insegnare il patois a destra e a manca… più soldi spesi per varie opere incompiute (vedi tra le altre il nuovo, ormai già vecchio, teatro in via Festaz).

  5. babi Says:

    Vedremo i risultati del referendum. E speriamo che in molti vadano a votare. Andate a votare…gente, sveglia. io continuo a sognare almeno questo non te lo vietano.;)

  6. maicol Says:

    come mai in questo caso mandano avanti le seconde linee? paura di metterci la faccia? chi si candida alle regionali non può invitare all’astensionismo? se mette male non c’ero e se c’ero dormivo.

  7. matteo Says:

    tecnica di comunicazione molto semplice: evitare l’argomentazione spostando l’attenzione verso l’appartenenza politica… è tipica di chi non conosce l’oggetto della discussione oppure si trova a difendere l’indifendibile

  8. Guido Says:

    La Federation è messa proprio male, ma dove l’hanno presa la casali?degna compagnona della carradore!che bel partito!nessun altro da esporre in prima linea?paura?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: