All’attacco!


Se il Governo Monti, così cattivo con le autonomie, non avesse dato un ultimatum alle regioni, comprese quelle speciali, per il contenimento dei costi della politica tramite la riduzione dei contributi ai gruppi consiliari e il numero dei consiglieri, voi pensate che la legge apportata dal Consiglio della Valle d’Aosta che va in questa direzione, sarebbe stata fatta? La risposta è NO! Nel 2008 il gruppo Alpe aveva presentato una proposta di legge in tal senso e la maggioranza l’aveva bocciata tacciandola di demagogia. Scusate tanto, ma a me questi attacchi centralisti fanno tanto piacere!

Explore posts in the same categories: Folclore valdostano, Mala politica, Politica valdostana, Spreco

Tag: , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

5 commenti su “All’attacco!”

  1. Alessandro Says:

    Alpe ha fatto proposte nel 2008?però i suoi illustri consiglieri hanno continuato ad intascare tutti i soldi, sia per l’indennità sia per i gruppi o sbaglio???! Come osano parlare ora?non difenderli per cortesia, soprattutto il sig Louvin che ha già intascato tutti i soldi del vitalizio per le sue tre passate legislature (800.000€??!!!) ma con che faccia osa ora proporre di abolirli? Cominci a restituirli!! E la Certan che e’ l’unica ad essersi aumentata lo stipendio??guarda io sono davvero schifato da tutto questo, lunedì voglio andare a sentire Renzi..ma ho poche speranze ormai!

  2. Gargouille Says:

    @Alessandro: dove ha recuperato il dato che lei denuncia?
    C’é un elenco di tutti i vitalizi erogati dalla Regione?

  3. tagueule Says:

    E poi quale sarebbe la “proposta di legge in tal senso” del 2008?

  4. patuasia Says:

    Non mi piace fare di tutta un’erba un fascio, cerco di mantenermi lucida e razionale e attenta alle sfumature, ma è difficile non capire le ragioni dei signori Alessandro, Gargouille e Tagueule. Alpe aveva presentato una proposta per ridurre i consiglieri, ma essendo in minoranza non poteva che essere bocciata da coloro che oggi sembrano rincorrerla per la paura di sanzioni da parte del governo centrale. Apprezzo la differenza, ma non posso che condividere quel certo scetticismo che mette sullo stesso piano tutti i politici. Infatti Alpe, per dare un esempio concreto di effettiva onestà, avrebbe dovuto autoridursi lo stipendio, una scelta possibile che non ha fatto, cadendo così nel trabocchetto preparato dalla maggioranza. Io sto attenta alle sfumature, ma queste nei fatti, sono sempre più labili.

  5. Marco Gheller Says:

    @ Alessandro: mi chiamo Marco Gheller e sono consigliere comunale a Saint-Christophe nonchè membro di Alpe, permettimi di correggere i dati che hai dato…Chantal Certan non si è aumentata lo stipendio bensì se lo è diminuito del 10 % ( come tutta la giunta di cui fa parte) appena eletta e se non sbaglio fummo il solo comune a farlo. permettimi poi di aggiungere che per fare il vice-sindaco ha preso part-time sul posto di lavoro, posso quindi affermare con tutta sicurezza che il segretario del mio movimento non appartiene alla ” casta” e che non fa politica per il vile denaro…
    Marco
    P.S: inutile aggiungere che come segretario di ALPE non percepisce ne un salario ne rimborsi di alcun genere


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: