Popoli senza cervello


La piazza Severino Caveri come si presenta oggi: costata quanto? E’ questo l’uso del denaro pubblico dei Popoli senza Stato?

Sono state investite risorse comuni per creare lo schifo di piazza Severino Caveri (si rivolta nella tomba?), così schifo che non c’è stata neppure un’inaugurazione. Così schifo che le buche che dovevano destare meraviglia con i resti romani affiancati da robuste colonne fintoantiche, sono state poi utilizzate come fondamenta per le casette natalizie. Ora le buche sono state ricoperte da catrame che guarda caso, ha invaso pure un’innocente aiuola, terra secca più che altro. Si tratta del val-style, quel fare e disfare per rifare che prova la negligenza, il vuoto cerebrale, il disprezzo verso la storia e la cultura dei nostri amministratori e politici. Organizzano il festival dei Popoli senza Stato io propongo un festival dei Popoli senza cervello. In questo caso e solo in questo caso, potremmo essere un valido portavoce.

Explore posts in the same categories: Cultura morta, Degrado morale, Degrado urbano, Festival, Mala Amministrazione, Mala politica, Vergogna

Tag: , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

15 commenti su “Popoli senza cervello”


  1. Aosta città turistica! Che schifo

  2. peggiocrazia Says:

    Popoli senza cervello che facendone a meno, delegano a politici senza cervello le scelte per la propria città. ottimo…

  3. vecchia volpe Says:

    d’accordo!!! grande Pat!!

  4. bruno courthoud Says:

    senza cervello e con troppi soldi! il mix è mortale!

  5. bruno courthoud Says:

    Altro mix micidiale: valdostani e calabresi: due popolazioni cresciute per secoli nella miseria, nella m…. e nella servitù e ora natanti nell’oro, di cui non sanno neppure cosa fare, se non sprecarlo.

  6. armando fiou Says:

    Gli architetti: una mandria di bovini al servizio del pastore (politico) di turno

  7. noncacciounalira Says:

    Ne facessero una giusta per sbaglio: a Challand S.A. c’è la nuova carta dei sentieri sulla via principale, peccato che i numeri riportati si rifanno ad una vecchia carta, peraltro ancora in distribuzione in zona, che era già sbagliata e sul terreno vi siano numeri diversi o nessun numero. Alcuni sentieri in mappa mancano (il male minore, nessuno li percorrerà) o sono sbagliati.. Motivo ? I segnali sono stati posti in epoche differenti da enti diversi (regione ? comune ?) che non si sono parlati, nella carta nuova hanno messo quello che hanno messo. Era troppo complicato mandare qualcuno per il comune ed annotare i numeri che c’erano, prima di inserirne nuovi e realizzare la mappa ? E ai turisti che si confondono che gli diranno ? Un lavoro fatto con soldi pubblici completamente inutile (poi qualcuno dice “tanto noi di qua i sentieri li conosciamo già”)

  8. marburg Says:

    Meno grave, ma divertente e emblematico del nostro bilinguismo il cartello per i bikers a Chamolé, che traduce “strade poderali” con “sentiers poderaux”, evidentemente dal francese “podère”.

  9. noncacciounalira Says:

    strade poderali” con “sentiers poderaux”, evidentemente dal francese “podère”, un modo come un altro per dire che non sono strade ma sentieri (v. il “sentiero trattorabile”) ?

  10. bruno courthoud Says:

    a proposito di segnaletica e di sentieri: a Rhemes-Notre-Dame i turisti si lamentano come a Challand S. A. : impazziscono tra le indicazioni numeriche sulle carte segnaletiche e quelle che poi trovano sul terreno. Gli stranieri rimangono colpiti da queste “stranezze” schizofreniche e non capiscono perché non vi si ponga rimedio. Può darsi che sia un benefico effetto dell'”autonomie communale”; comuni, regione, parchi regionali e in via di regionalizzazione, ognuno fa i cazzi suoi, ma vallo a spiegare ai turisti.

  11. tagueule Says:

    Piazza Severino Caveri: scava la buca, riempi la buca
    🙂

  12. marburg Says:

    Keynes non è nessuno al confronto!

  13. maicol Says:

    difficile dire se era peggio prima o adesso …

  14. gentelibera Says:

    passa la voglia anche di commentare…

  15. pdorrfiglidikmerr Says:

    finalmente più spazio per gli chalet dei mercatini di natale….
    schifo, schifo e ancora schifo!!!!!
    CHI decide queste nefandezze? andrebbe preso a calci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: