Certo che SI’!


Riceviamo da Valle virtuosa e volentieri pubblichiamo. Inoltre facciamo nostro l’appello per il sostegno al Comitato del sì a cui senza indugio aderiamo.

Valle Virtuosa lancia un appello a tutte le associazioni/movimenti della Valle d’Aosta, richiedendo di sostenere la partecipazione della popolazione al Referendum propositivo del 18 novembre 2012 e proponendo l’adesione al costituendo “Comitato per il Sì”. Tale referendum che intende modificare la legge regionale n.31 del 3 dicembre 2007, in materia di gestione dei rifiuti in Valle, esprime la preoccupazione di molti cittadini per la scelta compiuta dall’amministrazione regionale, fondata sulla realizzazione di un impianto di pirogassificazione e causa di rilevanti impatti ambientali. La modesta quantità di rifiuti nella nostra Regione e il rispetto delle normative vigenti in tema di gestione dei rifiuti rendono ingiustificata la scelta di tale impianto. Vorremmo anche sottolineare che la Commissione regionale per i procedimenti referendari, nel settembre 2011, ha ritenuto che la ratio principale della proposta di legge in questione è la tutela della salute.

Explore posts in the same categories: Ambiente, Battaglia, Buon senso, Coraggio, Lettera, Referendum

Tag: , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

3 commenti su “Certo che SI’!”

  1. libero Says:

    Sarebbe opportuno che l’appello fosse diramato anche ai singoli non solo alle associazioni

  2. Paolo Meneghini Says:

    Ai singoli che vogliono impegnarsi per la campagna referendaria suggerisco di aderire a Valle Virtuosa.

  3. Francesco Statti Says:

    Con vivo piacere ho constatato che alla prima riunione del comitato del sì contro il pirogassificatore vi era molta partecipazione; sia dei partiti che delle associazioni che hanno aderito a tale comitato. La riunione era di tipo organizzativo con la finalità di individuare i problemi che il comitato stesso dovrà affrontare nella campagna referendaria. Il Coordinatore Meneghini ha portato a conoscenza dei presenti la necessità di denaro che il Comitato avrà per condurre un’incisiva campagna in tutto il territorio regionale. La cifra occorrente sarebbe dell’ordine di 16 mila euro, minimo indispensabile per far fronte alle spese delle iniziative previste. Molti sono stati gli interventi ma nessuno ha offerto denaro. Biasimabile è il comportamento degli aderenti “più ricchi”, vale a dire i partiti, i quali non si sono minimamente sognati di assicurare un versamento per la causa. Eppure questi partiti, in particolare quelli che sono presenti in Consiglio Regionale, cioè ALP e PD, ne ricevono dalle istituzioni, denaro che appartiene ai cittadini e ad essi dovrebbe essere destinato


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: