Censura esiste!


Nella Biblioteca regionale gli utenti non sono liberi di navigare dove vogliono: alcuni siti sono cancellati. Fra questi, guarda caso, c’è Patuasia!

Annunci
Explore posts in the same categories: Censura, Cultura morta, Folclore valdostano, Indignazione, Mala Amministrazione, Mala politica

Tag: , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

10 commenti su “Censura esiste!”

  1. bruno courthoud Says:

    disturba i lettori, i frequentatori della biblioteca? Ne approfitto per far presente ai responsabili che pare che in biblioteca non sia reperibile questo testo di Maryse Vuillermet, originaria di Ayas e insegnante a Lione: “Mémoires d’immigrés valdotains: du val d’Aoste au Jura”, edizioni L’Harmattan, 2002. Si è sempre in tempo a provvedere. In libreria pare non sia mai comparso.

  2. fiatosprecato Says:

    Sarebbe bello avere una spiegazione “ufficiale”. Così, per farsi due risate.

  3. giovanni Says:

    Il mare valdostano è ultimamente molto agitato. La navigazione vi è pericolosa, a volte impossibile!

  4. bruno courthoud Says:

    E’ senz’altro un problema “tecnico”!

  5. Enrico Says:

    La censura causa cecita’.

  6. Paul Says:

    alla fine dei conti cosa si censura? la maggior parte della popolazione ormai naviga dalla propria abitazione (o con altri mezzi, vedi iphone, ecc ecc).
    quindi penso che più o meno tutti i valdostani hanno accesso a patuasia, senza per forza dover navigare dal proprio ufficio (per chi lavora in regione).
    quindi la censura di patuasia in regione penso sia dovuta ai filtri che vengono inseriti (per evitare che i dipendenti possano navigare su siti extra-lavorativi) piuttosto che per oscurarla (che senso avrebbe?)

  7. fiatosprecato Says:

    Beata ingenuità…

  8. Bisker One Says:

    In regione non censurano TUTTI i siti extralavorativi, ma solo ALCUNI. Chissà come mai. In ogni caso, sì, è davvero ingenuo credere che la gente che vuole seguire Patuasia non possa farlo da qualunque dispositivo non collegato con la rete regionale. Basta che, anche dal suo posto di lavoro, qualunque lavoratore regionale si connetta a Internet con qualche chiavetta, qualche smartphone, qualche tablet dotato di connettività, e il gioco è fatto.

  9. Paul Says:

    Bisker ho un parente che lavora in un ente pubblico (non regionale ma comunale).
    mi ha affermato che questi filtri non sono così perfetti, non censurano tutti i siti extralavorativi e censurano anche dei siti utili per l’attività lavorativa… insomma non sono filtri “perfetti”…
    in ogni caso ripeto che non avrebbe senso censurare Patuasia apposta visto che tanto ognuno può accedervi dai computer domenistici.


  10. Confermo quanto affermato da Paul.
    Nella stupidità censoria dell’amministrazione e dei suoi filtri rientrano anche diversi siti (blog di commercialisti e professionisti dell’amministrazione) che quando ci sono novità legislative o casistiche concrete urgenti sono i primi a riportare commenti e interpretazioni molto qualificati. Commenti che poi ritrovi sul Sole 24 Ore o altre testate specializzate solo settimane dopo.
    A me è capitato decine di volte.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: