Esposto alla Procura


Riceviamo da Legambiente e volentieri pubblichiamo.

L’Associazione Legambiente della Valle d’Aosta ha effettuato nei giorni scorsi una segnalazione alla Procura della Repubblica di Aosta, concernente l’impianto idroelettrico con opera di presa sul torrente Chalamy e la pista multifunzione nel comune di Champdepraz. La segnalazione riguarda l’intreccio delle vicende legate alle autorizzazioni per la realizzazione di una pista multifunzione e la costruzione di un impianto idroelettrico in località Chevrère di Champdepraz, opere realizzate negli anni dal 2007 al 2011, che fanno entrambe riferimento a Luigi Berger, sindaco di Champdepraz. A proposito della pista, Legambiente rileva che: 

la pista si sviluppa tutta in verticale, con una pendenza media molto marcata e, quindi, poco si presta ad essere percorsa, come da destinazione, in mountain-bike e con gli sci da fondo, in quanto eccessivamente faticosa in salita e pericolosa in discesa, mentre per il percorso a piedi e con racchette da neve era più indicato e gradevole il vecchio sentiero preesistente;

 la pista si sviluppa in una zona classificata ad alta e media pericolosità degli ambiti inedificabili per rischio di frane, inondazioni, valanghe e slavine, ed è quindi poco indicata per richiamare l’afflusso di turisti, per i rischi a cui gli stessi sarebbero esposti.

– la pista è pericolosa e non potrebbe essere omologata, non avendo i requisiti della Legge Regionale n. 9 del 17/03/ 1992 “Norme in materia di esercizio ad uso pubblico di piste da sci”.

 La pista si presenta di fatto difficilmente utilizzabile ai fini turistici e quindi non giustificata nelle motivazioni economico-sociali, poste alla base della sua realizzazione, che fanno riferimento alla generica esigenza di completare l’offerta turistica escursionistica e sciistica della zona.

La stessa è però stata utilizzata per l’interramento della condotta dell’impianto idroelettrico in corso di realizzazione. Pare quindi che la finalità di realizzazione della pista non sia stata di servizio pubblico ma piuttosto di favorire il privato nella realizzazione del proprio impianto idroelettrico.

 A prescindere dal costo di realizzazione e manutenzione della pista, resta il fatto che senza la preventiva autorizzazione della pista, che giustificava con l’interesse pubblico l’alterazione dei luoghi, l’impianto idroelettrico difficilmente sarebbe stato autorizzato perché comportava danni all’ambiente. Ne fa prova il fatto che l’iter per l’autorizzazione della centrale è stato interrotto una prima volta nel 2004 ed ha, poi, ricevuto parere negativo alla Valutazione di Impatto Ambientale nel 2009. Tale valutazione negativa è stata quindi modificata in valutazione positiva condizionata in seguito alla approvazione del progetto della pista.

Legambiente segnala i fatti alla Procura affinché possa valutare se non ricorrano reati sia in materia urbanistica sia in materia di tutela dell’ambiente, nonché altri reati in danno della Pubblica Amministrazione.

Explore posts in the same categories: Ambiente, Degrado ambientale, Favori, Mafia di montagna, Mala Amministrazione, Montagna, Turismo

Tag: , , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

4 commenti su “Esposto alla Procura”

  1. bruno courthoud Says:

    Si tratta del cosiddetto “sci in verticale”, sport ancora poco conosciuto e poco praticato in questa valle, il quale consente di conciliare senza problemi, come in questo caso, esigenze improcrastinabili ed ineludibili di sviluppo con la salvaguardia dell’ambiente, ammesso che ne abbia bisogno. Occorre inoltre, ça va de soi, che i promotori dello sviluppo possiedano i necessari requisiti di merito e di competenze.

  2. pierre Says:

    chissà perchè mi fa venire in mente la famosa metropolitana di Aosta ed il progetto di teleriscaldamento

  3. Alessandra Piccioni Says:

    Ah, Pierre, purtroppo no! Quelli sono rimasti nei cassetti, questo progetto è diventato realtà…Si faccia un giro in zona, complice la primavera(che speriamo finalmente arrivi) e constati da sè….

  4. libero Says:

    Anche a me è venuta in mente la metropolitana: far pagare il buco alla collettività per favorire il teleriscaldamento. Stessa procedura si trova una scusa per il bene di tutti per far risparmiare il privato. Che poi sarà generoso…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: