Il silenzio degli innocenti?


Il silenzio della Carradore che significa? Che non ha un tubo da dire? Che si è lasciata innocentemente sedurre? Intorno a lei il rumore sovrasta la piazza, ma lei continua a tacere. Immobile cariatide sorregge il granitico e anglofono NO COMMENT! Qualcuno la paragona a una strega e in effetti il look è quello. Povera vittima di una novella Inquisizione, questa volta di comunisti. Per qualcun’altro si tratta solo di gossip. Per lo stesso gossip, l’assessore alle Finanze regionale, Claudio Lavoyer, si è dimesso. Tra un palazzo e l’altro ci sono due minuti a piedi. E la stessa maggioranza. Ma in piazza Chanoux c’è uno stipendio da salvare.

Explore posts in the same categories: Degrado morale, Domande, Folclore valdostano, Mala politica, Uomini politici, Vergogna

Tag: , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

9 commenti su “Il silenzio degli innocenti?”

  1. mvietti Says:

    Il silenzio della Carradore è più significativo di qualsiasi giustificazione; è lo stesso del suo collega Lavoyer che, pur di non parlare, ha rinunciato alla carica assessorile.
    In questo caso, però, c’è anche la complicità del sindaco Giordano, responsabile della nomina e del mutismo del suo assessore. A nessuno bastano i richiami a fatti personali non meglio spiegati, però la signora continuerà imperterrita ad amministrarci.

  2. tagueule Says:

    Il silenzio è un’ottima tattica politica e mediatica. Il silenzio mette a tacere anche il rumore che sovrasta la piazza. E’ una tattica nota alla politica e all’informazione. L’informazione: i giornali e i mezzi di comunicazione di massa o non sono liberi o stanno sulla notizia sempre meno tempo. L’informazione ha bisogno di fagocitare bulimicamente notizie sempre nuove: se una notizia non crea dibattito subito viene vomitata e sparisce. La politica: l’obiettivo, come nel caso in questione, diventa non alimentare il dibattito, non rispondere, neanche “far finta di niente”, ma non fare niente pubblicamente. Politica e informazione, in certi casi, si ritrovano a fare i conti con i favori dovuti e ricevuti e quindi concordano nel tentativo di manovrare l’opinione pubblica. L’opinione pubblica, se riesce a creare una propria coscienza sul fatto specifico, ha la forza, possibilità e la responsabilità di ottenere risposte agli interrogativi.

  3. fiatosprecato Says:

    Ineccepibile analisi di tagueule.

  4. gentelibera Says:

    solo che dopo aver ottenuto le risposte non sa cosa farsene sino al giorno del voto quando, inspiegabilmente, le ha già dimenticate. Solo così si possono spiegare gli oltre 14mila voti di Rollandin e le altre migliaia di x su nomi impresentabili. Oppure, orrore, con l’assenza quasi totale di una reale opinione pubblica.

  5. tantopercapire Says:

    @gentelibera – magari le preferenze si esprimessero con delle “X”, si potrebbero interpretare come un tentativo di cancellarli dal panorama politico piuttosto che di votarli … e invece si esprimono scrivendo il numero del candidato o il cognome, quindi la scelta di votarli é proprio deliberata. :(((

  6. gentelibera Says:

    @tantopercapire
    Ho detto X tanto per semplificare….ovvio che purtroppo si tratta di scelta deliberata, ed è questo che fa orrore.

  7. cesara pavone Says:

    Purtroppo il silenzio dell’assessora fa il paio con il silenzio, almeno quello pubblico, degli elettori tutti ed in special modo degli iscritti ed aderenti e votanti del partito dell’assessora.
    Dico silenzio pubblico perché immagino che al contrario in privato o in certi ristretti circoli ci siano stati commenti, ammiccamenti ed anche indignazioni….
    Esporsi? Giammai! Vuoi vedere che prima o poi ho bisogno e poi tanto a che serve ecc ecc…..meglio tenere bassa la voce e chino il capo!

  8. catone (cato censor) Says:

    perfetta analisi di Tagueule. mi sa che all’Union fanno dei corsi per amministratori de inque, in cui si raccomanda il silenzio a qualsiasi domanda che potrebbe crare imbarazzo. O anche, in alternativa, la tattica del “girare la frittata”, ovvero ribaltare verso l’accusatore il comportamento -diciamo così- “poco chiaro”, da costui contestato

  9. unoqualunque Says:

    x catone: guarda che la Carradore e Lavoyer sono di Fédération Autonomiste, non dell’uv.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: