Aumma aumma!


Il signor Tropiano, quello di Edilsud e cioè dell’affaire ex Residence Mont Blanc e cioè dei garage pagati al doppio del loro prezzo e cioè del patron della Festa dei calabresi, è indagato per favoreggiamento. Come avevo avuto l’ardire di scrivere tempo fa, una persona normale non avrebbe chiesto, dopo aver ricevuto delle minacce, aiuto a una nota famiglia calabrese per avere la dovuta protezione, ma alle Forze dell’Ordine. Un gesto simile è caratteristico di una “familiarità” alquanto sospetta. Che lo abbia fatto dopo, se lo ha fatto lui: le informazioni sul caso non trapelano, non lo giustifica a sufficienza.

Explore posts in the same categories: 'ndrangheta, Affari, Criminalità

Tag: , , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

10 commenti su “Aumma aumma!”

  1. libero Says:

    Nella Edisud c’entrano anche i figli di Coda? e Marguerettaz non è il commercialista di Tropiano? E Serafino Pallu, l’ingegnere della caserma che è cadura e del ponte a 90° non è il progettista dei garage di Tropiano? E Tropiano non è l’organizzatore della Festa dei calabresi? E Rollandin non è stato eletto con i voti dei calabresi. Mi sembra una bella combriccola di amici, quasi parenti.

  2. Mistinguet Says:

    Tropiano è anche amministratore unico della soc. St-Bernard, di cui sono soci i figli di Guanni Coda (testimone di nozze di Rollandin). La società ha la medesima sede dell’ufficio da commercialista di Marguerettaz, di cui ha curato il restauro della casa-castello di St-Rhemy-en-Bosses dello stesso Marguerettaz.
    Si mormora anche che i due (l’aurelio e Tropiano) stiano costruendo un bel complesso immobiliare nella zona di Borgnalle.

  3. armando fiou Says:

    interessante…io darei un’occhiata anche ad un altro castello, quello di Bard.
    Ho l’impressione che si troverebbero degli interessanti spunti di riflessione sull’irrefrenabile sinergia tra il mondo politico e quello imprenditoriale

  4. alessio Says:

    il sig. tropiano è il burattianio della festa dei calabresi, e questa festa, se non ve ne siete accorti, diventerà (lo è già) la vergogna della popolazione valdostana. Se non sbaglio si vantano di mettere in atto il più grande raduno di calabresi, mai visto al mondo, con partecipanti che arrivano dal canada, con persone che prendono le ferie in quel periodo per poterci partecipare, fuochi d’artificio, politici, ect, L’altra faccia della medaglia è la citta di aosta che muore per due settimane, con i locali, già indebitati che si trovano un concorrente nuovo, che per le due settimane di luglio, può fare e offrire tutto ciò che vuole. Si sottraggono denari all’economia reale aostana, e si fanno confluire al sistema Tropiano. E con lui fanno affari molti personaggi , per lo più meridionali, che hanno trovato qui l’america, possono vendere al comitato a prezzi alti qualsiasi prodotto, al pagamento dei corrispettivi una parte deve tornare indietro al comitato, che così ha la sua quota di nero, che coi tempi che corrono pare faccia bene. E le collaborazioni continuano poi tutto l’anno, e i coglioni che hanno un’etica e che lavorano con il merito devono guardare e stare zitti, perchè questa è l’italia. Nero, nero e patti di famiglia. Chissà come si capiranno nei loro discorsi, calabrese stretto e di risposta un italiano con dizione incomprensibile dei nostri politici. L’importante è che ce ne sia per tutti… per tutti loro. E gli altri ? E chi non vuole avere di questi amici, chi non è andato da Rollandin a chiedere di essere assunto in regione,o alla forestale, o alla cva, o ai musei, o al casinò, o … chi vuole LAVORARE e pensare solo ai propri figli ? Cosa deve fare, se poi sei anche uno che lavora bene, che si informa, che ascolta, che capisce, chi lo aiuta a portare il peso di queste schifezze ? Ah le schifezze, ho letto che un immobile della famiglia Bertolin sarò affittato per la nuova cucina Usl, a Arnad. Ma la fortuna non era cieca ? Mi sembra che invece ci veda benissimo, del resto questa sì è un’azienda valdostana, forse anche troppo valdostana, forse la sede è in piazza deffeyes.. Ho pensato, ma così se ne accorgono subito tutti.. Io comunque vado avanti diritto e a testa alta, merito ed etica innanzitutto. Buona Vda a tutti !!!

  5. Mistinguet Says:

    Chissà se prima di versare gli abbondanti contributi della Presidenza della Regione e della Presidenza del Consiglio al comitato dei calabresi, nella persona di Giuseppe Tropiano, vengono fatti gli accertamenti antimafia che a noi piccoli imprenditori dobbiamo produrre anche per una fornitura minima?

  6. marburg Says:

    Da La Stampa di oggi : “Dice il presidente della Corte d’appello Finocchiaro di Reggio Calabria, «stiamo parlando di una regione, la Calabria, dove l’indice di densità criminale è stato stimato al 27% della popolazione». Traduzione: un calabrese su tre entra in contatto con la ‘ndrangheta. E’ impressionante. Del resto, il procuratore di Reggio, Giuseppe Pignatone, non fa mistero che dalle indagini emerge che «in paesi con 10.000 abitanti, gli affiliati alla ‘ndrangheta sono circa 400». Quattro mafiosi su cento abitanti. Chiosa il procuratore generale Salvatore Di Landro: «Si avverte sempre la presenza massiccia e soffocante della ‘ndrangheta in ogni angolo della provincia».”
    Domanda: in Valle importiamo solo quelli buoni?

  7. Tagueule Says:

    @marburg

    Ma davvero credi di fare una domanda intelligente? Il livello del tuo ragionamento è paragonabile ad un intervento del figlio di Bossi. Degno di un discorso di Turi Agostino.

  8. marburg Says:

    @talgueule
    La mia è una pura considerazione statistica: qual’è la percentuale probabile di valdo-calabresi che “entra in contatto con la ‘ndrangheta”?

  9. libero Says:

    Domanda legittima invece, se il 27% dei calabresi hanno rapporti con la ‘ndrangheta è impossibile che da noi arrivino solo quelli esenti da contaminazioni, i fatti di questi ultimi giorni confermano l’ipotesi.

  10. libero Says:

    Ma a chi va una consistente parte dei voti calabresi? Sicuramente a Rollandin, a Marguerettaz che è il commercialista di Tropiano e a Carmela Fontana che ha inventato la Festa della capra e che cerca di attirare a sè, tramite cene, pranzi e festival di teatro una fetta di suoi compaesani. Quella della festa è una procedura che funziona sia a destra che a sinistra e sappiamo bene che la ‘ndrangheta non ha pregiudizi in politica!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: