L’isteria della Zublena


L’amministrazione regionale si sente sotto attacco! Lo dice l’assessore all’Ambiente, Manuela Zublena. I nostri eletti considerano i moltissimi cittadini che vogliono partecipare direttamente alle scelte importanti che riguardano il loro futuro come un attacco contro le istituzioni. Anzi, peggio, considerano i valdostani degli imbecilli, facilmente manipolabili dalle opposizioni che usano il problema dello smaltimento dei rifiuti come campagna elettorale. E’ molto probabile che dal loro punto di vista abbiano ragione. In Regione comanda uno solo, non ci sono dibattiti, partecipazione democratica, punti di vista differenti, discussioni animate, ma solo ubbidienza, è quindi spiegabile la sorpresa, comprensibile lo smarrimento verso le più ovvie forme di democrazia quali il referendum. La certezza dell’assessore è che ciò che anima i promotori dei comitati non sia l’interesse della Valle d’Aosta, tantomeno la risoluzione del problema dei rifiuti, ma una campagna politica contro la maggioranza. Sa la Zublena che diversi partecipanti virtuosi appartengono al suo stesso partito?

Explore posts in the same categories: Ambiente, Battaglia, Inquinamento, Mala Amministrazione, Mala politica, Malumore, Politica valdostana, Referendum, Rifiuti, Saluti, Uomini politici

Tag: , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

17 commenti su “L’isteria della Zublena”

  1. libero Says:

    Quando non sanno cosa dire, quando hanno fifa, tirano in ballo sempre il complotto! Patetici!

  2. bruno courthoud Says:

    Sta per concludersi l’era della politica delegata ai partiti tramite il voto. La partitocrazia non vuole assolutamente capirlo, come è ovvio. I cittadini vogliono partecipare, controllare, essere attori in prima linea, ogni giorno, costantemente, partecipare e condividere le decisioni. Si sono stufati delle deleghe in bianco. Occorrono elementi aglli ed efficaci di cerniera e confronto continuo tra i delegati e i cittadini (assemblee? … ). I referendum non sono assolutamente sufficienti, macchinosi e sempre boicottati. I comitati neppure, anch’essi boicottati, macchinosi e resi inutili, lo stesso per le petizioni, quasi una presa per il sedere.Se si pensa che in pieno medioevo era sufficiente un suono di campana per riunire i capifamiglia all’uscita di messa! Partiti, fatevene una ragione!


  3. Sto notando che in Valle d’Aosta c’è una campagna per la riscoperta del Medioevo. Sono diversi i motivi che portano la cultura romantica a rivalutare il medioevo. Le motivazioni principali sono fondamentalmente tre:
    1. il medioevo è stato un periodo mistico e religioso
    2. nel medioevo si sono formate le nazioni europee
    3. nel medioevo il lavoro era soprattutto artigianale.

    Bene, vedo che ci stiamo incamminando per una strada abbandonata da secoli, contrabbandandola per modernismo romantico.

  4. bruno courthoud Says:

    non c’è peggior sordo di chi non vuol capire. W la partitocrazia!


  5. Credo che il tuo ultimo messaggio sia un boomerang e si riferisca infatti alle persone che come te non leggono tutto sino in fondo o non ascoltano, quelle che fanno sempre sì con la testa, impazienti di parlare e rispondere, ma sono così prese dal desiderio di contestare a prescindere, che pur non avendo sentito le altrui ragioni, pretendono anche di essere in grado di parlarne per pontificare.

    Chissà se tra le dieci regole di Noam Chomsky, ce n’è una anche per te, che ti si addica – forse la seconda – visto che ormai pratichi l’area degli “Indignati”.Che sia quella di “Creare problemi e offrire le soluzioni”?

    Ad esempio: lasciare che si dilaghi o si intensifichi la violenza urbana, con lo scopo che sia poi il pubblico che richiede le leggi sulla sicurezza e le politiche a discapito della libertà (non è un tuo amato personaggio quello che ha di nuovo proposto la legge Reale?)!

  6. bruno courthoud Says:

    NO; è un partitocrate. Signor Bruscia, credo che le nostre discussioni non interessino a nessuno. A me personalmente danno solo sui nervi, vista la loro sterilità ed inutilità.


  7. Va bene! Allora ti prego di non scrivere più nulla a mò di battuta come fai tu, dopo quello che ho inviato. Eviteremo cosi di controbatterci. Vedo che avere l’ultima parola a te piace moltissimo. Purtroppo io non mollo mai.

  8. patuasia Says:

    Vero, difficile e anche poco piacevole seguirvi, signori Bruscia e Courthoud, quando fate scaramuccia, molto più interessanti i vostri interventi quando riguardano esclusivamente il post. Per i duelli vanno bene i bar.

  9. bruno courthoud Says:

    E’ il mio ultimo commento. Per salutarvi e ringraziarvi tutti.

  10. patuasia Says:

    Signor Courthoud, non intendevo offenderla tantomeno zittirla, il suo intervento è prezioso. Intendevo ricordare a lei e al signor Bruscia, che la botta e risposta non porta da nessuna parte. Spero di poter ritrovare le sue acute osservazioni. In caso contrario e mi dispiacerebbe molto, la ringrazio per la sua onesta collaborazione.

  11. carcarpi Says:

    L’amata assessora ha appena diramato un comunicato stampa. Pare che i sudtirolesi abbiano spiegato ben benino quanto fanno bene all’aria gli inceneritori, le brutte e cattive sono le automobili! Mamma mia che che mazzata per i virtuosi che erano lì pure loro, questi birboni! Eh già ma adesso torneranno al loro posto e proporranno l’aerosol per tutti con i fumi del piro!

  12. bruno courthoud Says:

    Cara Patuasia, scusami ma non sopporto più Giorgio Bruscia.

  13. bruno courthoud Says:

    mi corre anche l’obbligo di ringraziare patuasia per la gentilezza, per le sue gentili parole, e per avermi pazientemente soppostato per tanto tempo. Grazie patuasia!

  14. patuasia Says:

    Grazie a te, Bruno, la porta è sempre aperta, ti aspetto.


  15. Da Facebook – ieri 25.10.2011
    C’è un mio ex amico su fb (l’ho radiato) che parla male di tutti e di tutto (grillini, indignati, e altri gruppuscoli inconsistenti di questo genere), ma guai a toccargli il suo PD. Il Partito (è rimasto un veterocomunista). Ma se il PD pensa ogni giorno di essere un partito a vocazione maggioritaria, con chi ce la dobbiamo prendere? A me pare un partito (?) con il culo moscio e flaccido, come quello di berlusconi.

    Bruno Courthoud
    *****************************************************************************

    Ok. Ero (e non sono) un veterocomunista e un veterocomunista non dovrebbe guardare e leggere i messaggi di Bruno Courthoud . Mai. In Valle d’Aosta esistono (dati Istat) migliaia di operai disoccupati e (dati Patuasia) un Bruno Courthoud. Ed allora perché, a leggere questi messaggi nella giornata, sembra invece che esistano migliaia di Bruno Courthoud, e nemmeno un operaio ? Qui non siamo alla decadenza dell’impero. Qui siamo oltre. Qui siamo già morti e sepolti e non ce ne siamo ancora accorti. E che la terra ci sia lieve.

    Ebbene ho volutamente pubblicato questo messaggio per fare capire a tutti i nick del blog quanta doppiezza ci sia in una persona che accusa sempre il sottoscritto di essere veterocomunista. Molti momenti del suo tempo libero sono dedicati a sparare alzo zero e a palle incatenate contro il Pd-Vda, reo, ai suoi occhi, di essere uno dei pochi partiti organizzati e riconosciuto ufficialmente dai media come: “il partito d’opposizione valdostano”. Ora se il sottoscritto scrive rispondendo alle accuse da lui inviate – comunque lecite – nel proprio forum di Area Democratica o qui su Patuasia o su Facebook, che la sinistra radical, il M5S, e qualche altro partitino dalle percentuali da prefisso telefonico non sono all’altezza numerica per esigere successi, allora si scatena uno strano fenomeno: “divento talmente antipatico da non essere più sopportato, e da come si evince sopra, vengo radiato dai suoi amici e divento ex.

    Cioè io sono un veterocomunista e può anche starmi bene, ma lui è talmente illuminato e democratico da tagliarmi fuori persino dalla sua cerchia di amicizie. Ebbene mi sono stancato di sentire offendere, non il sottoscritto, ma quelle persone, quegli elettori di sinistra che si identificano nel Pd-Vda. Questa non è una difesa d’ufficio delle mie convinzioni politiche che vedono il Pd lottare per il lavoro, il welfare, la sanità, ma per ricordare un frase di Voltaire animatore ed esponente principale dell’Illuminismo: «Non condivido le tue idee, ma sono pronto a morire affinché tu possa avere il diritto di esprimerle».
    Voglio anche ricordare a Bruno Courthoud un altro aforisma di Voltaire: «Un uomo è libero nel momento in cui desidera esserlo». Io lo sono dalla mia nascita!
    Buona giornata Patuasia, spero che anche per il sottoscritto la porta rimanga aperta.

  16. patuasia Says:

    Signori Bruscia e Courthoud, ma perché non vi telefonate e prendete un appuntamento? Credo che a quattrocchi sia più facile chiarirsi e magari riderci su, la vita è abbastanza difficile di suo no?


  17. Carissima Patuasia,
    anche a me corre l’obbligo di ringraziarla; purtroppo a me mancano le suadenti e dolci parole da lei usate ovviamente per altri nick. Conosco la mia suscettibilità, e capisco bene che il botta e risposta non porta da alcuna parte, specie se questo scambio al calor bianco non è diversificato dall’intervento di altri interlocutori.

    Capisco anche, per la leggibilità del blog, che dovrei essere più acquiescente o arrendevole, ma le denigrazioni nei miei confronti e nei riguardi del Pd – negli ultimi tempi – sono diventate sempre più specifiche, mirate e al limite dell’offesa. Il sottoscritto non ha mai cercato nessuno, ha sempre agito di rimando e in risposta. Perciò un minimo di orgoglio personale, stante il mio “sangue romagnolo”, non mi consente di essere remissivo nè tantomeno taciturno.
    Sono fatto così, mi accetti così.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: