Furbetti de nos atre!


Riceviamo dal consigliere regionale, Enrico Tibaldi, e volentieri pubblichiamo.

Cara Patuasia, sono interessanti le informazioni pubblicate sul tuo blog, perché allargano la conoscenza di quel putridume che si trova nello stagno di CVA, nel quale  – e ringrazio sia te che diversi tuoi commentatori per riconoscermelo –  ho scagliato per primo il sasso (http://www.enricotibaldi.it/archivio/256-cva-il-sasso-nello-stagno.html), collezionando una querela. Le mie indagini stanno tuttavia procedendo e quanto prima ci saranno altre novità. Proprio stamane ho reclamato alla Presidenza del Consiglio regionale la mancata ricezione di tutti quei documenti riguardanti la procedura d’appalto a WGP che contiene numerose “zone d’ombra”: l’inadempimento della consegna nel termine di 30 giorni dalla richiesta (2 maggio) va attribuito al Presidente della Regione. Come tutti i comuni mortali ho una pazienza limitata, soprattutto se non vengono rispettati i termini previsti dalle norme. Apprezzabile è anche il lavoro svolto dai grillini, che contribuisce a fare emergere gli interessi sporchi che avvinghiano il nostro patrimonio idrico ed energetico. Già mi erano pervenute notizie sull’alone grigio che ammanta il direttore tecnico di WGP (società partecipata dalla Regione) e sul prezzo che parrebbe gonfiato in fattura a CVA in relazione alle forniture cinesi, ma, in assenza di prove, ciò non si può dire. Le prove spero che le cerchi e le trovi la magistratura di via Ollietti. Dallo stagno si leva un odore sempre più forte: restando in tema metaforico, spero che il cadavere di qualche furbetto venga presto a galla.

Annunci
Explore posts in the same categories: Acqua, Affari, Battaglia, Degrado morale, Folclore valdostano, Lettera, Mala politica, Uomini politici

Tag: , , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

11 commenti su “Furbetti de nos atre!”

  1. G.B. Says:

    La speranza di Tibaldi è anche la mia, ma la Sacra Grolla Unita è molto forte…….allora Forza Grillini….forza Tibaldi che siamo ad un passo dal punto di rottura del muro di omertà della Sacra Grolla Unita!

  2. Francois Says:

    caro Enrico,

    Una semplice domanda:
    CVA è un’azienda privata (partecipata dalla regione) con un suo CdA, un presidente, un bilancio, degli utili (molti) e un piano di investimenti.
    Ora, mi chiedo, com’e’ possibile che un’azienda privata usi l’acqua pubblica (ad esempio l’invaso di Place Moulin che drena tutta l’alta valle di Bionaz ma anche due valli laterali di notevoli dimensioni) per fare attivo da dividere ai soci e per vendere, a sua volta, energia ad una società (anche essa privata e pubblica) energia. Il mercato delle energie cosiddette “rinnovabili” è particolarmente competitivo e immensamente remunerativo. L’energia idroelettrica e’ utilizzata per coprire i picchi di domanda a dei prezzi estremamente alti.

    Le pare normale che la Regione speculi su questo mercato (che è regolato da meccanismi di domanda offerta in tempo reale) sulle spalle dei cittadini??

    Le pare normale che l’acqua (che è un bene comune ed appartiene a tutti) sia usata da un’azienda privata per aumentare il proprio utile?

    Le pare normale che CVA fruisca di finanziamenti pubblici per aumentare il proprio utile (Ad esempio per comprare delle turbine in Cina).

    A me no.

  3. Schopenhauer Says:

    La CVA non è privata ma è interamente regionale (si veda il suo sito) . E’ una di quelle società come INVA, una società in-house, di quelle che servono per fare tutto ciò che la pubblica amministrazione trova difficoltà a fare, ovvero assumere chi e come pare e piace (con finti avvisi pubblici costruiti su misura), non dare troppe informazioni, gestire la “robba nostra” senza che qualcuno ci ficchi troppo il becco. Tibaldi è grande, e ha tutta la mia stima, che gli ho già espresso in privato, anche se ho una cultura politica molto diversa dalla sua. In valle l’affare delle centrali è sporchissimo e stupisce che la magistratura non ci vada più a fondo………

  4. patuasia Says:

    Già, stupisce un po’ tutti, tranne la magistratura stessa. Tibaldi svolge bene il suo ruolo di consigliere regionale e cioè controlla che le cose funzionino correttamente, è l’unico che non usa solo l’arma, spesso inutile, delle interpellanze e delle interrogazioni, ma cerca di conoscere tramite la ricerca e le indagini, ciò che gli sembra poco trasparente. Il suo impegno per scoprire la verità sulla questione della fornitura di materiale cinese per la centrale di Chavonne 2, è ancora più lodevole in quanto appartiene a un partito che fa parte della maggioranza. C’è da augurarsi che il suo sforzo sia di buon esempio ai consiglieri di minoranza, affinché il loro lavoro sia più costruttivo ed efficace di quello che attualmente stanno svolgendo.

  5. bruno courthoud Says:

    Un plauso a Tibaldi, mosca bianca nel nostro panorama politico e in genere nel panorama politico italiano. Quel che altrove è normale, qui è un’eccezione. I politici (tutti) hanno da tempo stipulato un “patto di omertà mafiosa” teso a tenere lontana la magistratura dalle cose loro, a qualsiasi schieramento politico appartengano. Mozioni e interpellanze sono fumo negli occhi con cui prendono in giro i cittadini e coloro che li hanno votati. I politici che non parlano (e sono la quasi totalità) sono colpevoli di “omertà mafiosa”. E’ inutile che continuino a prenderci per i fondelli con ipocriti corsi di legalità: dicano quel che sanno.

  6. bruno courthoud Says:

    p.s. alla magistratura va bene così, la sua aspirazione è non avere grane, e se ci sono, archiviarle al più presto. Con le dovute eccezioni (poche).

  7. Francois Says:

    Appunto, è questo che non mi torna. Una società che ha degli organi statutari da azienda privata ma è partecipata (al 100%%) dalla regione.
    A Genova, dove ho vissuto per un pò, si dice, forse in forma non molto elegante “fare il buliccio con il culo degli altri”.
    Insomma, i soldi li mette la regione (e sono quelli del contribuente italiano) ma, alla fine, gli utili a chi vanno in tasca? Forse, in parte, al CDA. ecco qui i nomi (i soliti noti):

    Riccardo TRISOLDI Presidente
    Firmino CURTAZ Consigliere
    Silvestro MANCUSO Consigliere
    Ettore MARCOZ Consigliere

    Mi pare di aver già letto questi nomi…

  8. bruno courthoud Says:

    E adesso siamo anche i principali azionisti di Power Gen Water, un’agenzia di intermediazione dai contorni più che oscuri che ha stipulato un accordo per la realizzazione, se non sbaglio in quel di Brusson (ma perché sempre Brusson?), di una centralina che costruirà, tra gli altri, la società Alga di Berger (se non l’ha ancora ceduta ad un prestanome).

  9. Francois Says:

    e presto costruirà a Bionaz in località Place Moulin un’altra (micro) centrale idroelettrica

  10. pierre Says:

    peggio di come sembrava, chissa se qualcuno però pagherà questi errori oppure tutto sarà insabbiato?

    http://www.enricotibaldi.it/archivio/275-cva-gia-fermo-il-gruppo-cinese.html

  11. libero Says:

    ma si tratta di un semplice errore nel softwhare!…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: