Bravo Massimo!


Applausi a Massimo Tamone! Dopo il comune di Saint-Oyen anche il comune di Etroubles ha detto NO alla centralina idroelettrica, un progetto presentato dalla Società Sofina. I due sindaci hanno preferito la salute e l’ambiente. Non ce ne sono molti di amministratori così coraggiosi che difendono il loro territorio e gli interessi della collettività. Che sia l’inizio di una nuova era?

Condividi su Facebook:

Explore posts in the same categories: Ambiente, Battaglia, Buona amministrazione, Uomini politici

Tag: , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

19 commenti su “Bravo Massimo!”

  1. Michele Says:

    Salute?

  2. Frank Says:

    Quando in Valle ci sono persone con le palle è giusto che vengano menzionate! BRAVI!

    Per quanto riguarda la salute, come Michele non capisco! Fatto sta che la salvaguardia dell’ambiente, per lo meno, è garantita!

  3. la bela gigogin Says:

    Mi associo ai complimenti al grandissimo Tamone e al suo pari, Proment, sindaco di Saint-Oyen! Che il dissenso venga dalla Comba freida, tradizionale feudo di Iddu, poi, è un vero miracolo!

  4. superzenta Says:

    Salvaguardare l’ambiente è per principio salvaguardare la salute.

  5. Michele Says:

    “Salvaguardare l’ambiente è per principio salvaguardare la salute”

    Quindi bonificare una palude non è salutare?

    Battute e frasi fatte a parte, non si può tirare di mezzo la salute parlando di una centralina idroelettrica. Si può discutere dell’impatto ambientale, di chi e come la costruisce. Però ci si renda conto che si parla di una fonte di energia rinnovabile, pulita e molto più affidabile rispetto al fotovoltaico o all’eolico.

  6. la bela gigogin Says:

    michele come fai a dire che l’idroelettrico è più pulito e affidabile del fotovoltaico o dell’eolico? SPIEGARE PLEASE…

  7. Michele Says:

    Più pulito non l’ho scritto.

    E’ più affidabile perchè è più facile prevedere quando puoi produrre energia. In pratica sai se il fiume ha dei periodi di secca ( e in ogni caso esistono le dighe ) mentre non sai se tra due settimane il sole rimarrà coperto per 4 giorni di fila. Questo è uno dei motivi per il quale non è possibile arrivare al 100% di energia prodotta da fonti come sole e vento con la tecnologia di oggi.

  8. libero Says:

    Michele se bonifichi una palude per costruire un’ industria dai fumi tossici fai un danno alla salute. Detto questo ricordo che il richiamo alla salute è stato espresso proprio da Tamone e poi comunque qui si tratta di capire se l’ennesima centralina sia effettivamente più utile di una valle intonsa, io propendo per quest’ultima. Quindi evitate di attaccarvi strenuamente su una parola e valutate tutto il contenuto del post.

  9. la bricolla Says:

    il richiamo alla salute, ahimè, è sempre più impropriamente utilizzato da tutti coloro che intendono giustificare un opera o impedirne la costruzione; la salute, un po’ come le tasche vuote, è un grimaldello impareggiabile nello scassinare la sensibilità dell’elettorato tanto dei politici più blasonati quanto dei sindaci di paese.
    Signor Libero, quanto alla valle intonsa, le consiglierei di fare un giro nei pressi di Etroubles, dove il paladino dell’ambiente che tanto osannate ha cementificato il tottente Artanavaz per costruire una circonvallazione…certo nessun pericolo per la salute, ma un doloroso pugno allo stomaco, quello si!

  10. Michele Says:

    Il punto è proprio che una centralina idroelettrica non produce fumi.

    ” Le parole sono importanti”. E poi non sono io ad aver scomodato addirittura Orwell e la Neolingua di 1984 in un altro post 🙂

  11. patuasia Says:

    Santo cielo! non mi sembra che sia io che Superzenta abbiamo scritto chissà che! Abbiamo peccato di un briciolo di retorica? E allora! Di un post che segnala un episodio buono (ci criticate sempre perché siamo troppo cattivi) vi soffermate su un’inezia? Suvvia, siate seri per favore! Le parole sono importanti e qui la parola salute non danneggia nessuno, semmai enfatizza il discorso e poi cosa cavolo c’entrano la neolingua e Orwell.

  12. bruno courthoud Says:

    ma basta là, se ne sentono proprio di tutti i colori su queste centraline! eppure questa volta sembra che il parere del VIA fosse favorevole! Probabilmente è sfuggito loro qualcosa … . I soliti maligni dicono che si tratta di una società “extracomunitaria” (pare vengano da torino), che non hanno una “base d’appoggio” locale, né in comune, né in regione … Avrebbero dovuto per lo meno avere un socio in loco, come hanno pensato di fare altre società estere, che venivano anche da molto più lontano … . Comunque, visto che la regione ha ormai regionalizzato quasi tutto il comparto dell’energia elettrica, mi pare giusto che non si conceda l’acqua a società estere! Altrimenti a che serve la regionalizzazione?
    Per quanto concerne il parere del VIA, è chiaro che è sfuggito loro qualcosa di grave! Non sarebbe il caso di riproporne l’esame per un controllo un po’ più attento?

  13. mistery Says:

    @bruno, pare che i due sindaci eroici di Etroubles e Saint-Oyen vogliano tentare TUTTE le vie compreso un esposto alla Corte europea! Benedetti siano mille volte! che sia la volta che l’Europa viene a cercare di capire com’è che c’è tutto sto interesse per l’energia idroelettrica e che spari un po’ di sanzioni economiche, tanto per gradire? A proposito, venerdì 25 a Pont-Saint-Martin, ore 21, maison du boulodrome (“il Boccio”, per quelli della Bassa), appuntamento con i Grillini VdA per capire cosa c’è dietro l’affare dell’idroelettrico, con L’INCONTRO PUBBLICO SUL TEMA “LA BANDA DELLE CENTRALINE”.

  14. la bricolla Says:

    dalle pagine del semestrale del comune di Etroubles:

    “Centralina idroelettrica “Etroubles-
    énergie” • Dallo scorso anno
    la centralina comunale è in
    funzione sul torrente Menouve
    con una buona produzione energetica.
    L’energia prodotta viene
    ceduta alla Deval e garantisce al
    nostro Comune un’importante
    entrata. Nel 2007, sono stati prodotti
    5.807.185,450 kw, senza però
    produrre un’utile di esercizio.
    Centralina idroelettrica “Saint-
    Rhémy-en-Bosses-énergie” • Per
    quanto riguarda la produzione
    dell’anno 2007, che è stata di
    11.802.114,00 kw., in occasione
    della riunione del 29 aprile
    2008, si è deciso di suddividere
    una quota dell’utile di esercizio
    (400.000 euro) fra i vari soci. Nelle
    casse del Comune di Etroubles
    sono arrivati 76.000 euro.”

    stando alle regole del gioco del sospetto, tanto in voga fra gli internauti del blog, verrebbe quasi da pensare che la nuova centralina stia così tanto indigesta solo perchè lascia a pancia vuota i sindaci ambientalisti…..

  15. marburg Says:

    Il problema è che sembra proprio che queste nuove centrali ingrassino solo le imprese produttrici e non i sindaci e i loro concittadini (ambientalisti o meno). Pare giusto?

  16. libero Says:

    Ai tipi come Bricolla, dico solo questo che se un sindaco deve cedere il territorio dei suoi cittadini per fare solo gli interessi del privato è un delinquente che lucra solo per sè ( privati sanno essere generosi) se invece una centrale riesce a sollevare un paese da grossi problemi economici e non è incompatibile con le regole di tutela del paesaggio ecc ecc, perché no? L’importante è che anche gli abitanti del paese che subiscono comunque dei disagi, abbiano un ritorno positivo. In valle invece, ultimamente il ritorno economico per i Comuni è ridicolo! Allora meglio investire conservando il patrimonio naturale, sicuramente più produttivo in termini di turismo.

  17. la bricolla Says:

    Signor Libero, io non sono un “tipo come” o un “quello”, ma un educato pensatore a cui è parso di capire che certi appellativi un po’ sprezzanti non siano graditi alla nostra gentile ospite; a parte questa puntualizzazione, intendevo solo stemperare l’idealismo un po’ strabico dell’amministratore sul caso in questione.

  18. libero Says:

    la bricolla@ hai ragione, nessuna intenzione offensiva da parte mia è solo che l’argomento mi sta a cuore e mi sembra che il sindaco in questione abbia un atteggiamento molto diverso al riguardo rispetto a tanti altri, ecco perchè ho esagerato, chiedo scusa.


  19. @libero, @marburg: 100% d’accordo.
    Vi posso suggerire una serata a Pont St Martin venerdì prossimo? Sveleremo un po’ di cose sulla questione centraline.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: