Distratti e disattenti!


Si lamentano i consiglieri di minoranza comunale in targa Alpe, di avere scarsa visibilità sui media. Da questo punto di vista, ammettono di sentirsi inutili. Si avverte, nell’articolo apparso nell’ultimo numero di Alpe, una palpabile e legittima frustrazione. Si chiedono, se la disattenzione della stampa nei loro confronti, fosse anche causata dall’incapacità, intrinseca al partito, di comunicare. Si domandano, se sia meglio riflettere o spettacolizzare. Si rispondono, prendendo a esempio il giornale, che si può fare l’una e l’altra cosa: veicolare contenuti tramite forme piacevoli e di facile lettura. Ma, rilevano, nelle assemblee consigliari questa possibilità comunicativa rischia di trasformarli in clown. Chiedono, quindi, all’elettorato di aiutarli nel diventare opposizione anziché minoranza. E qui mi cascano le braccia per due motivi. Motivo uno: si rendono conto ora, dopo essere stati eletti e dopo averci assicurato, in caso di sconfitta elettorale, un’opposizione (quella che svolgono evidentemente non è tale neppure per loro, visto che pregano affinché l’anno nuovo ce la porti), di non sapersela cavare con i media? Chiedono a noi un aiuto per presentare i loro contenuti, quando noi li abbiamo votati perché convinti fossero loro i migliori? (Aiuto che peraltro non ascolterebbero, lo dico per esperienza). Motivo numero due: questa trasparenza nel presentare i propri limiti non è un’ingenuità imperdonabile per dei politici di lungo corso? Questa ammissione pubblica di inettitudine non svilisce “l’elevato contenuto delle loro riflessioni politico-amministrative?”. Fortuna per loro che non sono tutti come Patuasia, più spesso disattenti e distratti.

Condividi su Facebook:

Explore posts in the same categories: Commenti vari, Critica, Domande, Folclore valdostano

Tag: ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

24 commenti su “Distratti e disattenti!”

  1. roberto Says:

    Sono andato sul sito dell’alpe per rivedere la pattuglia degli “eletti” e sinceramente non mi sembrano degli sprovveduti o dei neofiti, anzi.

    Credo che con questa manfrina vogliano semplicemente cercare di far passare il messaggio che loro non possono nulla se i giornali non gli vanno dietro.

    Cercano di far passare l’idea che i giornali vanno dietro a chi fà della politica uno show a sensazione e loro poverini non si vogliono sentire dei clown.

    Forse se pensassero e studiassero di più le carte che gli passano tutti i giorni sotto gli oicchi e si chiedessero il perchè delle cose che accadono e portassero alla luce i collegamneti tra i vari personaggi, facessero delle proposte concrete andando in mezzo alla gente a condividerle, forse non avrebbero così bisogno dei giornali (che poi siamo 4 gatti e con tuttii i soldi che mette insieme l’alpe tra consiglieri regionali e comunali un giornale potrebbero distribuirlo gratis ogni mese a tutti i cittadini del comune e forse della valle).

    Non vorrei dire altro ma ci starebbe bene un: ma andate a lavurà….

  2. penelope Says:

    forse è sfuggito che un giornale l’alpe lo fa e lo distribuisce gratis non proprio a tutte le famiglie ma a molte,in tutta la valle. Ed è fatto non da un politico, ma da un giornalista, mi pare. Poi mi pare di percepire un’ostilità a prescindere. non mi pare una colpa imperdonabile quella di non essere ancora molto visibili per via della scarsa attenzione che gli

  3. penelope Says:

    scustae, mi è scappato il mouse….
    dicevo “scarsa attenzione che gli riservano i media. la qualità di un gruppo politico si vede da quel che fa o non fa, dal coraggio che ha o no nel prendere posizioni chiare…. e qui forse c’è davvero qualcosa da dire all’alpe, però per favore evitiamo di sbranarli ogni volta che aprono bocca…

  4. oscar rubio Says:

    “La qualità di un gruppo politico si vede da quel che fa o non fa, dal coraggio che ha o no nel prendere posizioni chiare…. E qui forse c’è davvero qualcosa da dire all’alpe, però per favore evitiamo di sbranarli ogni volta che aprono bocca…”

    Finalmente una cosa, un pensiero che condivido totalmente, non fosse altro per quello che sto dicendo da tempo anche per la mia parte politica.

  5. Lo Teison Says:

    Che la minoranza abbia meno cassa di risonanza della maggioranza è un dato di fatto che anche un neoeletto capisco subito.
    E così: prendere o lasciare. Tertium non datur.

  6. Libero Says:

    Allora ditemi dov’è tutto questo coraggio? A parte le interpellanze doverose per giustificare lo stipendio che altro fanno i consiglieri di Alpe? Li vediamo volantinare in giro per la città? leggiamo manifesti contro le grandi opere? sulle centrali che fanno? indicono conferenze, manifestazioni? ma dove cavolo sono questi eroi? E poi smettetela di prendervela con le critiche feroci di Patuasia che sono le uniche in questa palude di melassa.

  7. Mistinguet Says:

    La minoranza sia a livello regionale che comunale non ha grandi mezzi per incidere; l’interrogazione e l’interpellanza sono due mezzi molto efficaci se utilizzati con cognizione dei fatti e delle circostanze su cui si “interroga” la maggioranza. In genere questi mezzi fanno seguito all’attività ispettiva o a segnalazioni che arrivano dai cittadini.
    A Libero chiedo se ha un’idea di quanta gente partecipa alle iniziative pubbliche, quanti sono disposti a leggere giornali e volantini, quanti sono pronti a fare la rivoluzione anche quando sono ben consci delle nefandezze che si consuamno nei palazzi del potere?

    La palude di melassa la creiamo noi, popolino vile e criticone, sempre pronto ad abbassare la testa di fronte ai cosiddetti “potenti”, che lo sono solo perché noi glielo permettiamo.

  8. Libero Says:

    Ok Mistinguet siamo un popolo vile e i potenti lo sanno e ne approfittano, ma vogliamo cominciare? che importa se ci troveremo in cinque, il primo passo è il più faticoso, ma anche il più importante, vogliamo farlo?

  9. oscar rubio Says:

    Libero non ha ancora capito o fa finta di non capire che i potenti sapendo, ne approfittano tagliando subito le gambine a quei cinque, prima ancora che questi riescano a fare il secondo passo per smuovere le coscienze. Il popolo non è vile per natura o per nascita – anzi una piccola rivoluzioncina saremmo tutti disposti a condurla – purtroppo l’esperienza predispone ad altri intenti.

  10. Libero Says:

    Allora ce ne stiamo tutti a casa a scrivere commenti su questo coraggioso blog che fa fine e non impegna? Non parlo di rivoluzione, intendo una presa di coscienza che sarebbe comunque un atto rivoluzionario di per sé. Francamente Oscar non ti capisco.

  11. bruno courthoud Says:

    a me sembra di capire oscar, credo voglia essere compartecipe del tagliamento delle gambine a quei cinque.

  12. Foletta Says:

    Certo, i media sono controllati, a volte addirittura proprietà privata della maggioranza, in Italia come in VDA. Ma Grillo, per fare un esempio, con un blog (!) riesce a fare più opposizione di tutti i partiti di minoranza messi insieme. Perché? Perché è bravo, certo, ma soprattutto perché non fa parte del sistema. Non vuole sostituirsi agli esistenti per fare la stessa cosa, non vuole essere “moderato” o “costruttivo”. E’ incazzato nero, lo fa sapere e vuole cambiare. ALPE è invece zeppa di personaggi che erano al potere, “quel” potere, e che desiderano tornarci. Per cui non viene ascoltata, visto che non ha niente da dire: il giornalista e più ancora l’elettore, a quel punto, si interessano alla maggioranza, e quindi all’UV, al PDL, alla Stella Alpina, alla Fédération e al PDmenoelle, oppure si astengono. Nel 2008 i consiglieri di ALPE furono eletti, credono loro, perché rappresentavano un’UV “un po’ più pulita”, che, per riprendere la battuta di Giolitti a Mussolini, “sapesse stare a tavola”. Lo furono invece, a mio parere, perché alcuni continuavano a sperarli come alternativa AL sistema mafioso valdostano, non NEL sistema di cui tutti i partiti summenzionati fanno parte. Speranza ingenua, certo, che si velava pudicamente la vista sui nomi e il passato dei componenti nonché sulla deprimente – ma ben retribuita – inettitudine dei due “campioni” eletti nel 2006, ma speranza in qualche modo legittima. Ora che è invece palese di quale pasta molle sono fatti e quanti scheletri nell’armadio nascondono, si vedranno i risultati. Tanto per iniziare, in caso di elezioni politiche anticipate, l’UV farà il pieno e Nicco, grande ammiratore di Mica Qualunque e unionista di complemento, le valigie per tornare ad Aosta, più vicino al suo idolo. Poi, nel 2013, verranno spazzati dal Consiglio regionale. In seguito ci sarà il collasso dell’”economia” valdostana, ma a quel punto saranno già scomparsi. O più probabilmente tornati nell’UV…

  13. oscar rubio Says:

    @Libero
    @bruno courthoud

    C’è una bella differenza fra la battuta umoristica e la voglia di irridere, ma io spero che i nostri amici di Patuasia la possano notare. La guerra è la scienza della distruzione, dunque perchè volete distruggere questo nostro dialogo con queste risposte sarcastiche e semplicistiche.

  14. Libero Says:

    La mia non è stata una risposta sarcastica e semplicistica, è un invito alla partecipazione attraverso l’azione. Ho visto oggi un grande manifesto contro i disagi provocati dalla politica inetta dei trasporti a firma PD, ecco mi ha fatto piacere anche se non voto PD. Nessuna guerra distruttiva da parte mia, a dirla tutta un atteggiamento distruttivo lo leggo in te caro Oscar.

  15. bruno courthoud Says:

    condivido quanto dice libero, in particolare la considerazione finale.

  16. catone (cato censor) Says:

    urrrca, Foletta!! che quadro a tinte fosche dipingi!!! che cosa ci resta? la disperazione e solo quella?

  17. oscar rubio Says:

    Invece io ringrazio comunque Libero per avere notato e portato a conoscenza su Patuasia il manifesto affisso dal Pd. Spero che faccia pensare molto a tanti…anche a quelli che per adesso non simpatizzano che con l’Uv.

    Tanto… con questi signori è difficile trovare un confronto serio con la popolazione, visto che Guste Mica Qualunque ha certificato nelle sue sezioni il fatto che loro possono ricattare il governo e di conseguenza il Pdl, suo prossimo alleato.

  18. sully Says:

    Folletta dice alcune cose giuste; su una mi permetto di dissentire: che Grillo faccia opposizione. Grillo fa spettacolo, agita spettri, vede complotti, grida al lupo, organizza senza successo campagne di boicottaggio. Tutto fa ma segnalatemi un solo risultato. E non venitemi a raccontare del Consiglio regionale del Piemonte, dove non s’è mossa una foglia.

  19. bruno courthoud Says:

    perché, c’è qualcuno che fa opposizione in questo paese? se ci fosse, non ci sarebbe Grillo e la gente andrebbe a votare.


  20. esatto signor courthoud!!!

    @sully
    purtroppo ancora troppi in piemonte hanno votato per la bresso.
    quando avranno anche perso il comune di torino forse (dico forse) si sveglieranno.
    per quanto riguarda l’attività del movimento cinque stelle faccio solo un esempio.
    ha presente la vicenda sbandierata come riduzione degli stipendi dei consiglieri regionali piemontesi? in pratica è passata la proposta della maggioranza che ha previsto la riduzione del 10% sullo stipendio base (proposta a tutte le regioni dal ministro calderoli); in pratica riduzione di 500/800 euro al mese per un risparmio delle casse regionali di qualche centinaia di migliaia di euro all’anno.
    il movimento cinque stelle aveva proposto un emendamento per: abolire il vitalizio a fine mandato (pensione dopo cinque anni di legislatura), ridurre ad 0,01 euro il gettone di presenza (impossibile abolirlo!), azzerare i rimborsi spesa autocertificati dei consiglieri (in missione il fine settimana nelle sagre paesane in quanto consiglieri!), ridurre lo stipendio base del 30%. tutto questo ammontava a qualche migliaio di euro al mese di riduzione, per un risparmio generale per le casse della regione di svariati milioni di euro all’anno.
    esito della votazione: ovviamente M5S favorevole, IVD ha votato a favore, SEL ha votato a favore ed invece (UNICO GRUPPO DI MINORANZA) il PDMENOELLE si è astenuto e, date le numerose assenze tra le fila della maggioranza, questa presa di posizione si è rivelata determinante per bocciare questo emendamento. da qui la distribuzione delle banconote finte (i consiglieri del pdmenoelle si sono arrabbiati per questo motivo) tra le fila dei consiglieri da parte di bono e biolè.
    il teorema pdl=pdmenoelle ha trovato l’ennesima conferma rivelandosi in tutto il suo splendore.
    la casta ha ancora una volta trovato il modo di difendersi e tutelarsi.
    peccato, avremmo iniziato ad eliminare un po’ di soldi dalla politica, il vero cancro del sistema.
    quindi, ritornando alle sue parole, ma mi faccia il piacere….

  21. sully Says:

    cioè Bernabe conferma che fare opposizione è molto più difficile che parlarne

  22. Foletta Says:

    @Cato
    Il quadro a me pare deprimente. Ma se lei riesce a vederci qualcosa di buono, la pregherei di farcene partecipi.
    @Sully
    Grillo non fa opposizione? A me sembra di sì. Sul suo blog ci sono analisi e notizie, tutte documentate, che non si trovano da nessuna altra parte. E fare correttamente informazione è già, in Italia, una forma di opposizione. Q.E.D. Ha per questo sempre ragione? Certo che no. Il Movimento a 5 stelle sarà un successo? Non lo sappiamo, ed è certo lecito avere qualche dubbio e sulla formula e sulla sua realizzazione. Ma ha un programma serio e, come già sottolineato, cerca di togliere i soldi dalla politica (il cancro che l’ha rovinata), trovando perciò sulla sua strada coloro che nella politica hanno invece trovato l’occasione di arricchirsi a spese altrui: a livello nazionale, principalmente il PDL e il PDmenoelle, qui in VDA tutti. A me pare già infinitamente meglio di tutto quello che esiste. Che poi fare opposizione sia difficile, nessuno lo nega. A maggior ragione, quindi, complimenti a chi ci prova : il cinismo dei delusi – il mio, per esempio – è troppo spesso una forma di vigliaccheria. Ammetto perlomeno di ammirare il coraggio e non cerco di ridurre tutto a una dimensione che renderebbe, sminuendo i meriti altrui, le mie mancanze meno gravi. Non è d’accordo?

  23. oscar rubio Says:

    A me non rode niente, anche perchè credo che Pisapia, scelto per assumere la carica di sindaco a Milano dall’opposizione non sarà eletto, come non lo sarebbe stato Boeri, ma mi stanno sullo stomaco invece le pseudo politiche giovanilistiche e qualunquiste qui descritte, alla Grillo, come se essere giovani ed inesperti fosse titolo per vantare una sedia. Gad Lerner parlava di scorciatoie anche se si riferiva alle poltrone “consegate” in premio alle escort. Ma tanto è.

    A volte rimpiango il vecchio Pci, dove certe presunzioni venivano raffreddate immediatamente. Ci vuole scuola e disciplina per fare politica e se si racconta il contrario, si fa demagogia, come se non avessimo già visto i comportamenti della società civile quando entra nei luoghi politici. Le ultime intercettazioni poi fanno il resto. Ma per favore, a volte c’è solo il piacere di rompere i cabasisi, mi pare, per il gusto di romperli.


  24. @sully
    no, confermo che il pd è minoranza


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: