Buco nero


Quando l’assessore al Turismo, Aurelio Marguerettaz, dichiarava in conferenza stampa che la Valle d’Aosta non sarebbe diventata un parco giochi, diceva balle! Le stesse balle che da sempre fuoriescono dalle labbra a rasoio dell’assessore all’Ambiente, Manuela Zublena. Turismo soft, turismo di élite, di eccellenza, di nicchia e vai con le belinate, perché nei fatti i buoni propositi si traducono così. Dopo l’eliturismo ecco che i comuni di Ayas e Gressoney-La-trinité, con la collaborazione degli impianti a fune Monterosa ski, hanno organizzato un raduno di Land Rover! Quella dei raduni di motori inquinanti e assordanti è una demenzialità che trova spazio nei cervelli dissennati di molti nostri amministratori. In quella materia lesa la sconsideratezza trova una casa. Si tratta di un’ospitalità naturale che nasce dal vuoto di intelligenza sostituita dalla grettezza, dalla volgarità, dall’assenza di idee. Dal buco nero dell’ignoranza.

Condividi su Facebook:

Explore posts in the same categories: Battaglia, Degrado ambientale, Degrado morale, Folclore valdostano, Mala Amministrazione, Mala Educazione, Montagna, Natura Morta, Stupidità, Turismo, Uomini politici

Tag: , , , , , ,

You can comment below, or link to this permanent URL from your own site.

22 commenti su “Buco nero”

  1. verda vallaye Says:

    La Valle d’Aosta slow, il marchio Saveurs, VdA nature metro, il “nuovo” sito Turismo della Regione: tutte balle. tutte scuse per inondare di soldi (milioni di euri) i soliti consulenti che rifriggono mille volte la stessa pappa che poi non si tenta mai neppure di tradurre in realtà. Mille volte si “individua il target”, mille volte si fa la solita analisi SWOT (chissà mai che nel giro di pochi mesi tutto sia cambiato in VdA?), mille volte si fa la solita promozione insulsa e costosissima. chissenefrega, l’importante è fare tante conferenze stampa e tanti begli eventi come saveurs et musique che (sorte beffarda!) portò i nostri all’ospedale con un ospite eccellente nella pancia come il famoso verme dimagrante. E tenersi buoni i consulenti amici e parenti e amici dei parenti. Poi nella realtà la solfa è ben diversa: turisti caciaroni della domenica ovunque, gipponi dappertutto, idioti a farsi spennare in elicottero per un giro di tre minuti: questo è il turista tipo della valle. Mica lo svizzero o il tedesco amante del silenzio, della cultura, del terkking…

  2. Marta Corteni Says:

    aggiungiamo l’arroganza di chi si sente in diritto di non rispondere a precise richieste dei cittadini

    nel caso specifico di Gressoney La Trinité, più volte ho interpellato il sindaco, attraverso il sito Aosta Sera e, recentemente, attraverso il quotidiano La Gazzetta Matin, senza avere alcuna risposta

    perlomeno continuiamo a usare la Rete e i media tradizionali per fare sapere a questi incapaci amministratori che continuiamo a controllare il loro operato e i loro imperdonabili errori

    gli struzzi non possono tenere la testa sotto la sabbia in eterno, prima o poi dovranno respirare!!!

  3. poudzo Says:

    Se può esserle di conforto signora Marta, questo blog registra una media di 1200 visite al giorno, qualcuno leggerà…

  4. Michel Says:

    visto che esistono anche gli appassionati di motori ( e io non sono tra questi) non vedo cosa ci sia cosi sbagliato nell’organizzare un Raduno di Land Rover.
    Gli appassionati saranno una cerchia ridotta ma comunque ci sono ed è giusto che organizzino e che Noi ospitiamo i loro raduni…

  5. libero Says:

    Michel ma a te chi ti capisce? Prima dici una cosa, poi in un altro post commenti l’opposto e poi ancora l’opposto dell’opposto. Hai dei problemi? In ogni caso visto che sei così magnanimo con tutti fare un bel raduno di consumatori di coca, sai non sono pochi e porterebbero un bel po’ di gente, e poi un altro di prostitute, anche in questo caso ci sarebbero le folle, valdostani compresi. Come dici tu “ci sono ed è giusto che organizzino e che noi ospitiamo i loro raduni”. Parlare di scelta turistico-culturale con te è tempo perso vero?

  6. gandalf Says:

    La politica turistica valdostana è ferma agli anni ’60 (sfruttamento e cementificazione del territorio). Il target del turismo di qualità è altro da quello che si spaccia come occasione (RADUNO DI LAND ROVER ?!). Questi amministratori dovrebbero prendersi un anno sabbatico e viaggiare un po’il mondo e confrontarsi con realtà neanche tento lontane (basta un giretto in Francia, Austria, Germania, Paesi del nord…). Manca comunque anche la progettualità per costruire un turismo sostenibile.

  7. Michel Says:

    Guarda Libero,a me sembra che qui ogni cosa che viene organizzata non vada bene.Non penso che un Raduno procuri cosi tanti problemi,anzi penso che possa portare qualche turista almeno.
    Poi che ci sia il bisogno di fare una programmazione turistica usando un pò la testa non c’è dubbio.
    Prostitute???No,magari di nuovo un bel Giardino dell’Eden come ai tempi del Palaceva però non dispiacerebbe… :-p

  8. Marta Corteni Says:

    Manifestazioni di questo tipo fanno fuggire i turisti, altroché portarne di nuovi!
    La dimostrazione tangibile è il fatto che quest’estate il comune di Gressoney La Trinité era deserto, nonostante i goffi tentativi dell’elisidaco, mentre comuni “minori” come Gaby o Issime erano pieni di gente, grazie alla tranquillità e, sicuramente, a un’oculata politica di prezzi/qualità dei servizi

  9. Marta Corteni Says:

    a titolo di informazione, le foto riguardanti il cosiddetto raduno:

    http://www.varo4x4.it/AF20100926.asp

  10. Catone (cato censor) Says:

    brava Marta, ho letto il suo intervento su Gazzetta matin. concordo totalmente con lei!!!

  11. Michel Says:

    Grazie per il link…
    Delle foto fantastiche tra le nostre meravigliose montagne…
    E delle3 macchine eccezzionali che possono servire a chi vi8ve in un ambiente montano…

  12. marburg Says:

    Michel, sei sconfortante! Ti pare che una coda di macchine a 3.000 m sia “fantastica”? E che un’auto da 30-40.000 € sia l’deale per chi vive in montagna? Forse sì, con i contributi della Regione… Non posso esimermi dalla fatidica domanda: ci sei o ci fai? o, in altri termini: sei ironico o imbecille?

  13. Marta Corteni Says:

    aggiungerei un po’ sgrammaticato

  14. Frank Says:

    Quest’immagine la trovo particolarmente sconfortante:

    Se la confrontiamo con un rientro da un esodo estivo, quali sono le differenze??

  15. Michel Says:

    E se la confrontiamo con altri raduni automobilistici dove regna sovrano il casino be le sgommate sull’asfalto questa foto sembra una processione tra i monti.

  16. marburg Says:

    Processione all’ossido di carbonio! Figo!!!

  17. Marta Corteni Says:

    una processione, sì, per celebrare il funerale dell’intelligenza e del buon gusto

  18. tagueule Says:

    @Michel
    E se la confrontiamo con altri raduni automobilistici dove regna sovrano il casino be le sgommate sull’asfalto questa foto sembra una processione tra i monti.

    Mah… caro Michel… a me sembra che confrontare qualcosa con qualcos’altro peggiore non sia un atteggiamento così tanto intelligente. Il peggio dovrebbe aspirare al meglio non essere contento di essere migliore del peggiore. Insomma come se tu avessi un disturbo bipolare e fossi contento di essere migliore di uno schizofrenico anziché curare il tuo disturbo.

  19. Michel Says:

    gira che ti gira sono sempre gli stessi che scrivono contro queste manifestazione che a loro dire deturpano l’ambiente…

  20. Marta Corteni Says:

    caro signor Michel, allo stesso modo sono sempre le stesse persone e amministrazioni che organizzano, promuovono e addirittura partecipano a queste demenziali manifestazioni

    due esempi: durante i voli elituristici a Gressoney vi era una netta preponderanza di residenti che vi partecipavano, rispetto ai turisti

    un secondo esempio, ancora più motivato: nella galleria delle foto del raduno, la faccetta sorridente della penultima foto appartiene al titolare dell’attività di taxi e servizio jeep sostitutivo agli impianti quando chiusi. si noti la jeep vuota, che sta a significare che non partecipava sicuramente al raduno per lavoro, ma per piacere personale

    smettiamola, quindi, con la favola della promozione turistica, per favore!!!

  21. Marta Corteni Says:

    un ultimo spunto di riflessione, evidentemente la stupidità genera altra stupidità

    a Gressoney La Trinitè si unisce ora Ayas, chi sarà il prossimo

    si tratta di conformismo al brutto o di un misterioso “virus dell’elisindaco”, che viene trasmesso, ovviamente per via aerea e che colpisce le amministrazioni, distruggendo le cellule cerebrali dedicate al buon gusto?


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: